Come tradurre le preposizioni subordinate latine

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

In lingua latina, così come anche in italiano, per quanto riguarda l'analisi del periodo, le proposizioni subordinate (chiamate anche proposizioni secondarie) sono frasi dipendenti sia dal punto di vista grammaticale che logico da un'altra frase, che può essere autonoma e indipendente (in questo caso è detta allora proposizione principale) o può a sua volta essere subordinata (ed in tal caso è detta proposizione reggente o sovraordinata). Di seguito vedremo come tradurre in latino alcune tra le più comuni proposizioni subordinate, come le proposizioni causali, finali, modali, concessive, temporale, interrogativa indiretta. Le subordinate generalmente sono introdotte da pronomi, avverbi, locuzioni, e preposizioni.

28

La proposizione causale

La proposizione causale è una subordinata che esplicita - come dice appunto il nome stesso - la causa o il motivo di ciò che viene espresso dal verbo della proposizione principale. In latino tale proposizione si traduce con le congiunzioni quia, quoniam, quod + il verbo indicativo (se è una causa oggettiva) o il verbo al congiuntivo (se è una causa soggettiva).

38

La proposizione finale

È una subordinata che indica lo scopo o fine dell'azione espressa dal verbo della proposizione reggente. In latino si traduce con le congiunzioni ut - ut non - ne - quo seguite dal congiuntivo presente o imperfetto (a seconda della consecutio temporis) oppure con il participio presente o futuro.

Continua la lettura
48

La proposizione modale

Indica il modo o la maniera in cui viene svolta l'azione espressa dal verbo della proposizione principale. In latino può essere resa con il verbo all'indicativo introdotta delle preposizioni ut, velut, sicut, quemadmodum, utcumque oppure con il participio presente.

58

La proposizione concessiva

Indica la circostanza nonostante la quale si svolge l'azione del verbo della proposizione principale. In latino è resa con quamquam, etsi, tametsi e il verbo indicativo se la circostanza è reale, oppure con quamvis, licet, ut, etiamsi, ut non, cum e il congiuntivo, se la circostanza è eventuale e/o ipotetica. Un altro modo di tradurre la concessiva è utilizzando l'ablativo assoluto oppure la relativa impropria di natura concessiva.

68

La proposizione temporale

Indica la circostanza temporale nella quale si svolge l'azione del verbo della proposizione reggente. In latino si traduce con l'ablativo assoluto o con il verbo al modo indicativo retto dalle locuzioni cum, antequam o postquam a seconda se vi sia contemporaneità, anteriorità o posteriorità rispetto al verbo della reggente.

78

La proposizione interrogativa indiretta

Esprime un dubbio o una domanda in forma indiretta. Si traduce con pronomi, aggettivi o avverbi interrogativi seguiti dal modo verbale congiuntivo. Il tempo verbale segue, come sempre in latino, la consecutio temporis della contemporaneità, anteriorità o posteriorità dell'azione della proposizione subordinata rispetto a quella reggente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Lingua cinese: le subordinate

Il cinese che solitamente studiamo noi occidentali è il mandarino moderno Pǔtōnghuà, traducibile come “lingua comune”. Si tratta di una lingua priva di una grammatica complessa come la nostra, ma ricca di variazioni sintattiche. Nella grammatica...
Lingue

Tedesco: le preposizioni che reggono l'accusativo

La difficoltà del tedesco risiede in due aspetti: i vocaboli e, soprattutto, i casi. La maggior parte delle persone ritiene che il tedesco sia una lingua difficile, ostica e complessa. Questo non è del tutto vero, realmente. Sotto tali punti di vista...
Lingue

Come usare col dativo le preposizioni tedesche

Studiare le lingue è un modo utile per passare il tempo e per comprendere lo stile di vita di popolazioni differenti. Le lingue sono tantissime, ma per tutte all'inizio bisogna imparare le regole fondamentali. Le preposizioni rappresentano una parte...
Lingue

Tedesco: le preposizioni che reggono dativo e accusativo

Al giorno d'oggi, riuscire ad imparare una lingua differente dalla nostra può risultare molto importante perché ci permette di spostarci in altri paese senza avere problemi a comunicare con altre persone, ma sopratutto, avremo la possibilità di cercare...
Lingue

Tedesco: come tradurre il gerundio dall'italiano

Il gerundio è un tempo verbale non presente nella lingua tedesca. Esprime la contemporaneità di un'azione ad un altra e, per poterlo tradurre in tedesco, è necessario ricorrere ad altri modi al fine di ottenere un concetto analogo all'italiano. In...
Lingue

Tedesco: le preposizioni che reggono il dativo

Le preposizioni in tedesco hanno un utilizzo differente dall'italiano, a partire dalla presenza di tre casi. Queste infatti vengono divise in gruppi in base al caso che reggono, cioè con cosa si abbinano. Le principali preposizioni che reggono solo...
Lingue

Latino: tradurre una versione

Tradurre correttamente una versione di latino richiede impegno e determinate conoscenze di base. Per raggiungere buoni risultati, è fondamentale l’acquisizione delle regole grammaticali. Dovete conoscere bene il costrutto sintattico del latino. Dovete...
Lingue

Trucchi per tradurre dall'inglese all'italiano più velocemente

Spesso quando si viaggia o si studia, è fondamentale tradurre dall'inglese all'italiano in maniera immediata. Capita però, che a causa della fretta, si rischia di fare una traduzione approssimativa, scadente e errata e di essere molto lenti a tradurre....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.