Come tradurre la perifrastica attiva

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La perifrastica attiva è un costrutto di lingua latina, assente in italiano. È una delle nozioni base dell?apprendimento e della comprensione del latino. Essa esprime le idee ed i concetti di intenzionalità, di imminenza e di predestinazione. Molto spesso la sua comprensione può risultare complessa. In questa guida si proporranno una serie di pochi semplici passi finalizzati a spiegare come tradurre correttamente una perifrastica attiva in lingua italiana, senza più difficoltà. Cominciamo.

26

Occorrente

  • Foglio
  • Penna
  • Manuale di latino
36

Caretteristiche della perifrastica attiva

Anzitutto è importante sapere che la perifrastica attiva essendo un costrutto è, dunque, formata dall?unione del participio futuro e delle voci del verbo ?sum? (essere). Un esempio di perifrastica attiva che esprime imminenza è ?profecturus sum= sto per partire?. Un esempio di perifrastica attiva che esprime intenzionalità è ?locuturus non sum amplius= non ho più intenzione di parlare?. Un esempio di perifrastica attiva che esprime predestinazione è ?omnes homines morituri sunt= tutti gli uomini sono destinati a morire?.

46

Consigli preliminari

Dopo questi pochi semplici esempi è necessario spiegare come si avvia la traduzione di tale costrutto e quali sono le regole da seguire. Anzitutto, bisogna appurare se ci si trova, senza alcun dubbio, dinanzi ad una perifrastica attiva. In molti casi, esistono proposizioni in cui l?azione futura deve essere costruita unendo il participio futuro con ?esse?. Si tratta del caso delle proposizioni infinitive o interrogative indirette, che verranno tradotte diversamente. Dopo essersi accertati della presenza di una perifrastica attiva all?interno della versione, procediamo con la traduzione.

Continua la lettura
56

Traduzione della perifrastica attiva

La perifrastica attiva può essere tradotta in differenti modi. Il verbo ?esse? viene tradotto in italiano con i seguenti termini ?essere sul punto di?, ?avere intenzione di?, ?stare per?, ?essere destinato a?. A questi sintagmi va poi associato l?infinito del verbo che in latino troviamo coniugato al participio futuro. Solamente i vari contesti permetteranno di comprendere quali di tutte le possibili traduzioni utilizzare. Un esempio può essere il seguente: ?cum moriturus esset, primum locutus est = mentre era sul punto di morire, per la prima volta parlò?.
Altro esempio di traduzione della perifrastica attiva:
?si hoc futurum est, fiet = se ciò è destinato ad accadere, accadrà?.
Con pochi semplici accorgimenti tradurre la perifrastica attiva sarà semplice e scorrevole e permetterà di avere una migliore competenza grammaticale della lingua latina.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di procedere con la traduzione, comprendere il contesto in cui la perifrastica attiva è inserita
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Trucchi per tradurre dall'inglese all'italiano più velocemente

Spesso quando si viaggia o si studia, è fondamentale tradurre dall'inglese all'italiano in maniera immediata. Capita però, che a causa della fretta, si rischia di fare una traduzione approssimativa, scadente e errata e di essere molto lenti a tradurre....
Lingue

Tedesco: come tradurre il gerundio dall'italiano

Il gerundio è un tempo verbale non presente nella lingua tedesca. Esprime la contemporaneità di un'azione ad un altra e, per poterlo tradurre in tedesco, è necessario ricorrere ad altri modi al fine di ottenere un concetto analogo all'italiano. In...
Lingue

Latino: tradurre una versione

Tradurre correttamente una versione di latino richiede impegno e determinate conoscenze di base. Per raggiungere buoni risultati, è fondamentale l’acquisizione delle regole grammaticali. Dovete conoscere bene il costrutto sintattico del latino. Dovete...
Lingue

Come tradurre i participi in greco

Studiare una lingua diversa da quella d'origine non è mai una cosa semplice: ogni lingua ha le sue regole, le sue parole, vocalizzi, accenti, ecc. Secondo le statistiche, una delle lingue più difficili al mondo è l'italiano: si tratta di una lingua...
Lingue

Come Tradurre Nomi In Giapponese Con Japanese Translator

Negli ultimi anni, in molti sono attratti dall'idea di studiare giapponese, una lingua che, a detta di molti appare molto viva, proprio come l'inglese. Sarà perché Tokio è la città (in verità gruppo di distretti) più viva e dinamica al mondo, sarà...
Lingue

Come tradurre le preposizioni subordinate latine

In lingua latina, così come anche in italiano, per quanto riguarda l'analisi del periodo, le proposizioni subordinate (chiamate anche proposizioni secondarie) sono frasi dipendenti sia dal punto di vista grammaticale che logico da un'altra frase, che...
Lingue

Come tradurre i nomi dal cinese all'italiano

La lingua cinese è un idioma molto affascinante e per alcuni versi anche abbastanza difficile da apprendere per un madrelingua italiano. Naturalmente è vero anche il contrario; stiamo parlando di un lingua antichissima che prevede l’utilizzo di ideogrammi...
Lingue

Come tradurre i verbi difettivi in inglese

La lingua inglese ha una struttura totalmente differente dalla lingua italiana e di conseguenza anche le forme verbali. Sebbene sia una lingua abbastanza semplice da imparare per poter fare dei discorsi base, ci sono delle combinazioni con i verbi veramente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.