Come tradurre il supino in latino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando osserviamo un paradigma di un verbo in latino, oltre a trovare la forma della prima persona del presente indicativo, la seconda dello stesso tempo, la prima del perfetto e l'infinito del verbo, troviamo anche un nome verbale denominato supino. Questo non è presente in italiano ma in latino è fondamentale! Per questo oggi vi spiegheremo come tradurre il supino in latino in tutte le sue forze possibili. Premettiamo che le frasi tradotte dovranno essere ordinate seguendo le nostre abitudini grammaticali e strutturali.

26

Occorrente

  • Carta e penna
36

Come si forma

Per prima cosa dobbiamo tenere in considerazione che il supino è un nome verbale facente parte della quarta declinazione dei nomi. Di questo, a differenza dei nomi che seguono questo schema, Si conservano solo due casi: la desinenza dell'accusativo in -UM e dell'ablativo in -U. Rispettivamente queste hanno valenza attiva e passivssul verbo, così come si può constatare leggendo il paradigma. In alcuni verbi il tema del supino non è presente; ma la maggior parte delle volte è sostituito da costrutti.

46

Come tradurre il supino attivo

Adesso, in ambito di traduzione, vediamo come trattare il supino attivo con desinenza-UM. Per prima cosa dobbiamo tener conto che questa forma viene usata per esprimere movimento. I verbi, che all'interno di una qualsiasi frase, che presentano questa costruzione hanno il compito far capire che si tratta di un accertato movimento o di un fine a quest'ultimo collegato. La traduzione dal latino all'italiano non sarà lineare ma godrà di una piccola modifica che trasformerà la frase in una subordinata finale con valore implicito. Poniamo l'esempio con una frase già tradotta in italiano ma da riordinare la sua struttura sintattica: ci troveremo davanti ad una cuna traduzione come "le truppe arrivarono da cesare (a) chiedere soldi".

Continua la lettura
56

Come tradurre il supino passivo

Occupiamoci invece della forma del supino uscente in -U. Per prima cosa, grazie ad esso, sappiamo che si tratta di una frase con attività passiva. Sotto questa forma ricopre il ruolo di ablativo di limitazione (forma risalente al latino di livello classico dell'età repubblicana) e si trova sempre affiancato ad aggettivi qualificativi come difficilis, facilis, ecc. Se mai ti dovessi imbattere in una frase con valore passivo, devi sapere che in italiano questo si trasformerà in un infinito e anterrà solo la forma passiva. L'unica cosa che verrà mantenuta nella traduzione è la passività esempio: analizziamo la frase "difficilis actu". La traduzione corrisponderà ad un "facile a farsi/da farsi".

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Segui la grammatica

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Latino: le quattro coniugazioni

Lo studio della lingua latina oggi è particolarmente diffuso in molte scuole d'Italia, in quanto è stata riconosciuta come la lingua ufficiale delle antiche civiltà ed è la lingua base delle moderne lingue. In questa guida analizzeremo le quattro...
Superiori

Latino: verbi anomali

Nella lingua latina possiamo trovare un certo numero di verbi che non appartengono alla cosiddetta coniugazione regolare a causa di alcune anomalie nella flessione. Le anomalie possono riguardare i temi per la formazione dei tempi fondamentali o i mutamenti...
Superiori

Grammatica latina: il supino

In questo articolo vedremo "il supino" appunto nella grammatica latina.Il latino è, senza dubbio, la lingua madre di tutte le lingue europee, e l'italiano deriva proprio da essa. Ricordiamo che anche il francese e lo spagnolo derivano dalla lingua latina....
Lingue

Latino: gerundio e gerundivo

Studiare le lingue è una bellissima cosa, permette, oltre che di comunicare con altre persone del resto del mondo, di conoscerne anche la cultura. Ma c'è una lingua, più antica e ancora oggi piuttosto studiata che è alla base della nostra attuale...
Superiori

Come utilizzare i paradagmi dei verbi latini

I verbi latino sono un argomento difficile da imparare, soprattutto se abbiamo una conoscenza non ben approfondita della grammatica italiana. Magari con un po' di pratica riusciamo a riconoscere i verbi quando li troviamo in latino. Ma quando dobbiamo...
Superiori

Come riconoscere e tradurre l'ablativo assoluto latino

L'ablativo assoluto è, per tanti studenti, un costrutto latino di solito ostico. Non si riesce spesso a riconoscere e perciò anche la sua traduzione diventa difficile. La maggior parte delle volte, soggetto e predicato infatti non sono insieme, ma sono...
Superiori

Come tradurre l'ablativo latino

La guida che andremo a produrre lungo i passi che seguiranno questa breve introduzione, avrà come principale tematica il latino. Come avrete potuto preventivamente comprendere tramite la lettura del titolo che accompagna la guida, ora andremo a spiegarvi...
Lingue

Latino: perifrastica passiva

Come molti di noi sanno, il latino è una lingua abbastanza difficile da studiare. Si tratta di una grammatica piuttosto complessa che comprende diverse regole sia a livello di lessico che di costruzione delle proposizioni. Uno degli argomenti più spinosi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.