Come tradurre il supino in latino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando osserviamo un paradigma di un verbo in latino, oltre a trovare la forma della prima persona del presente indicativo, la seconda dello stesso tempo, la prima del perfetto e l'infinito del verbo, troviamo anche un nome verbale denominato supino. Questo non è presente in italiano ma in latino è fondamentale! Per questo oggi vi spiegheremo come tradurre il supino in latino in tutte le sue forze possibili. Premettiamo che le frasi tradotte dovranno essere ordinate seguendo le nostre abitudini grammaticali e strutturali.

26

Occorrente

  • Carta e penna
36

Come si forma

Per prima cosa dobbiamo tenere in considerazione che il supino è un nome verbale facente parte della quarta declinazione dei nomi. Di questo, a differenza dei nomi che seguono questo schema, Si conservano solo due casi: la desinenza dell'accusativo in -UM e dell'ablativo in -U. Rispettivamente queste hanno valenza attiva e passivssul verbo, così come si può constatare leggendo il paradigma. In alcuni verbi il tema del supino non è presente; ma la maggior parte delle volte è sostituito da costrutti.

46

Come tradurre il supino attivo

Adesso, in ambito di traduzione, vediamo come trattare il supino attivo con desinenza-UM. Per prima cosa dobbiamo tener conto che questa forma viene usata per esprimere movimento. I verbi, che all'interno di una qualsiasi frase, che presentano questa costruzione hanno il compito far capire che si tratta di un accertato movimento o di un fine a quest'ultimo collegato. La traduzione dal latino all'italiano non sarà lineare ma godrà di una piccola modifica che trasformerà la frase in una subordinata finale con valore implicito. Poniamo l'esempio con una frase già tradotta in italiano ma da riordinare la sua struttura sintattica: ci troveremo davanti ad una cuna traduzione come "le truppe arrivarono da cesare (a) chiedere soldi".

Continua la lettura
56

Come tradurre il supino passivo

Occupiamoci invece della forma del supino uscente in -U. Per prima cosa, grazie ad esso, sappiamo che si tratta di una frase con attività passiva. Sotto questa forma ricopre il ruolo di ablativo di limitazione (forma risalente al latino di livello classico dell'età repubblicana) e si trova sempre affiancato ad aggettivi qualificativi come difficilis, facilis, ecc. Se mai ti dovessi imbattere in una frase con valore passivo, devi sapere che in italiano questo si trasformerà in un infinito e anterrà solo la forma passiva. L'unica cosa che verrà mantenuta nella traduzione è la passività esempio: analizziamo la frase "difficilis actu". La traduzione corrisponderà ad un "facile a farsi/da farsi".

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Segui la grammatica

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come tradurre una versione di latino

Il latino è una materia molto importante, la quale può apparire odiosa perché spesso si incontrano difficoltà nel fare le traduzioni. Per risolvere questo problema basta leggere attentamente questa guida e la versione non sembrerà mai più un ostacolo...
Superiori

Come tradurre le versioni di latino

La versione di latino, è da sempre il disagio apparente, che mette in crisi migliaia di studenti del liceo. La traduzione dal latino, infatti, non è per niente semplice se non si utilizza uno schema di lavoro ben preciso e non si possiede una buona...
Superiori

Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Il compito del pronome relativo, in italiano così come in tutte le lingue del mondo, è quello di mettere in relazione tra di loro due tipologie di proposizioni. Come tradurre correttamente i pronomi relativi dal latino? Vediamolo insieme all'interno...
Superiori

Come tradurre al meglio le versioni di latino

La lingua latina è sostanzialmente diversa dall'italiano, soprattutto per quanto riguarda la sintassi.L'attività di traduzione da un linguaggio all'altro implica conoscenze lessicali, morfologiche, idiomatiche e sintattiche che a livello scolastico...
Superiori

Come tradurre il dativo di interesse in latino

Il latino è una lingua che presenta una morfosintassi spesso molto differente dalla nostra, con costruzioni particolari che vanno studiate nello specifico ai fini di una buona traduzione con una perfetta resa in italiano corrente. In particolare, in...
Superiori

Come tradurre l'accusativo di relazione in latino

Il caso accusativo viene utilizzato per l'oggetto diretto di verbi transitivi. Ma anche per l'oggetto interno (in gran parte dei verbi intransitivi) e per l'oggetto di un infinito. Anche subordinato (cioè non come soggetto dell'infinito storico), per...
Superiori

Latino: come riconoscere e tradurre le proposizioni consecutive

La grammatica latina è uno degli scogli principali per gli studenti dei licei. Appena si inizia con i vari complementi è molto difficile tenere tutto bene a mente. Ma quando si passa all'analisi del periodo la situazione si complica ulteriormente. In...
Superiori

Come riconoscere e tradurre l'ablativo assoluto latino

L'ablativo assoluto è, per tanti studenti, un costrutto latino di solito ostico. Non si riesce spesso a riconoscere e perciò anche la sua traduzione diventa difficile. La maggior parte delle volte, soggetto e predicato infatti non sono insieme, ma sono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.