Come tradurre il dativo di interesse in latino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il latino è una lingua che presenta una morfosintassi spesso molto differente dalla nostra, con costruzioni particolari che vanno studiate nello specifico ai fini di una buona traduzione con una perfetta resa in italiano corrente. In particolare, in questa guida ci occuperemo di spiegare, brevemente e in maniera molto semplice, come tradurre il dativo di interesse in latino, che come dice il titolo stesso è uno specifico costrutto che prevede l'uso del caso dativo abbinato al verbo sum, che inverte l'ordine della frase ribaltando l'ordine soggetto-verbo-complemento. Potrebbe per questo inizialmente risultare difficile, ma in realtà segue uno schema fisso che è molto facile da imparare, che si traduce sempre nello stesso modo. Infatti in questo caso il verbo sum non significa "essere", bensì "avere", indica perciò possesso o interesse, e sostituisce il verbo latino habeo.

27

Occorrente

  • Carta, penna, dizionario di latino, libro di grammatica latina
37

Riconoscere il dativo di interesse

Il costrutto col dativo di interesse si articola sempre in questo modo: sostantivo+verbo sum (solitamente alla terza persona singolare o plurale)+dativo. Il sostantivo in caso nominativo è sempre l'oggetto di possesso o di interesse, che corrisponde in italiano al complemento oggetto; Il verbo sum si deve capovolgere e riferire invece al dativo, traducendolo con "ha, possiede"Il nome in caso dativo diventa il soggetto della frase, a cui è riferito il verbo che indica possesso. Quindi, quanto vediamo una successione di nominativo, verbo sum, dativo, un campanello d'allarme ci deve suggerire che potremmo trovarci davanti a un dativo di interesse.

47

Tradurre letteralmente il dativo di interesse

Ai fini della traduzione, è preferibile tradurre prima il dativo di interesse letteralmente, cioè come lo troviamo nella forma originale, senza alcuna inversione o correzione. Per esempio, data la frase: "Liber est puero", possiamo inizialmente tradurre in questo modo:"Il libro è al ragazzo". Questa traduzione, per quanto non corretta dal punto di vista grammaticale, ci dà già un'idea di quello che è il reale significato della frase, e ci fa comprendere che c'è un'idea di possesso. Infatti, basta sostituire mentalmente il verbo "è" con il verbo"appartiene"per renderci conto che si sta parlando di un ragazzo che possiede un libro.

Continua la lettura
57

Tradurre correttamente il dativo di interesse

Data la frase precedente, possiamo quindi procedere con la consueta inversione della frase: il nominativo diventa complemento oggetto, il verbo essere diventa avere, il dativo diventa soggetto."Liber est puero" diventerà quindi in traduzione"Il ragazzo ha un libro", che può essere espressa in latino anche con la formula "Puer habet librum".

67

Tradurre altre forme di dativo di interesse

In alcuni libri di grammatica, per dativo di interesse si può intendere semplicemente l'uso del dativo come complemento di vantaggio/interesse/difesa. In questo caso la frase segue il normale costrutto soggetto-verbo-complemento e non necessita di alcuna inversione tra soggetto e complemento. Per esempio, nella frase:"Solon Atheniensibus leges perscripsit", il dativo è utilizzato come complemento di interesse. Infatti se traduciamo la frase nel seguente modo:"Solone scrisse le leggi per gli Ateniesi", notiamo che vi è un'azione a favore delle persone che in latino sono state indicate col caso dativo, in questo caso degli Ateniesi, e quindi nel loro interesse. Con questi semplici suggerimenti, tradurre il dativo di possesso e di interesse sarà facilissimo!

77

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il dativo latino: guida al suo utilizzo

Nella lingua latina, i casi sono sei e si distinguono in diretti ed indiretti: nominativo, accusativo e vocativo fanno parte della prima categoria mentre genitivo, dativo ed ablativo fanno parte della seconda. Il dativo è il caso del complemento di termine...
Superiori

Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Il compito del pronome relativo, in italiano così come in tutte le lingue del mondo, è quello di mettere in relazione tra di loro due tipologie di proposizioni. Come tradurre correttamente i pronomi relativi dal latino? Vediamolo insieme all'interno...
Superiori

Trucchi per tradurre una versione di latino

Tradurre una versione di latino è un compito molto difficile per tutti. I trucchi elencanti di seguito sono utili sia per chi mira alla sufficienza che per chi vuole raggiungere ottimi risultati. Seguire questi trucchi con costanza è un ottimo metodo...
Superiori

Come tradurre una versione di latino

Il latino è una materia molto importante, la quale può apparire odiosa perché spesso si incontrano difficoltà nel fare le traduzioni. Per risolvere questo problema basta leggere attentamente questa guida e la versione non sembrerà mai più un ostacolo...
Superiori

Come tradurre le versioni di latino

La versione di latino, è da sempre il disagio apparente, che mette in crisi migliaia di studenti del liceo. La traduzione dal latino, infatti, non è per niente semplice se non si utilizza uno schema di lavoro ben preciso e non si possiede una buona...
Superiori

Come tradurre al meglio le versioni di latino

La lingua latina è sostanzialmente diversa dall'italiano, soprattutto per quanto riguarda la sintassi.L'attività di traduzione da un linguaggio all'altro implica conoscenze lessicali, morfologiche, idiomatiche e sintattiche che a livello scolastico...
Superiori

Come tradurre l'accusativo di relazione in latino

Il caso accusativo viene utilizzato per l'oggetto diretto di verbi transitivi. Ma anche per l'oggetto interno (in gran parte dei verbi intransitivi) e per l'oggetto di un infinito. Anche subordinato (cioè non come soggetto dell'infinito storico), per...
Superiori

Come tradurre al meglio una versione di latino

Per sapere come tradurre una versione di latino è opportuno seguire una serie di suggerimenti. Per prima cosa bisogna leggerla due o tre volte, sia se si è alle prime armi, sia se si mastica già questa lingua. Poi si passa all'analisi del periodo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.