Come tradurre i verbi difettivi in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
18

Introduzione

La lingua inglese ha una struttura totalmente differente dalla lingua italiana e di conseguenza anche le forme verbali. Sebbene sia una lingua abbastanza semplice da imparare per poter fare dei discorsi base, ci sono delle combinazioni con i verbi veramente molto complicate e con sfumature che difficilmente si possono comprendere a primo acchitto. Questi verbi sono quelli
definiti difettivi o modali, che in italiano corrispondono a volere, dovere e potere. In inglese sono sempre seguiti dall'infinito senza il To, alla terza persona dell'indicativo presente non hanno la S e non sono accompagnati dall'ausiliare Do nelle forme interrogative, negative e interrogative-negative. Nel tradurre frasi con queste espressioni si dovrà prestare attenzione al loro significato globale e idiomatico. Ecco come fare.

28

Occorrente

  • Una buon testo di grammatica della lingua inglese
  • Vocabolario bilingue inglese- italiano, italiano-inglese
38

I verbi difettivi o modali sono utilizzati per esprimere certezza o probabilità, la capacità di fare qualcosa, obbligo, velleità e richieste di permesso.
Ad esempio, "Can I go?" si usa per chiedere il permesso di andare "Can I help you?" invece esprime una possibilità.

48

Il verbo dovere può essere tradotto in vari modi, in base al contesto e del concetto che si vuole comunicare.
Shall indica un obbligo dato da terzi mentre Should al tempo condizionale e congiuntivo imperfetto, esprime dovere ma non un obbligo molto forte come Must che all'indicativo esprime forte necessità. In tutti gli altri casi si usa To have to: "I have to do my homework" significa che è necessario fare i compiti adesso.

Continua la lettura
58

Ought to, al condizionale e congiuntivo imperfetto è seguito dall'infinito, per esprimere dovere ma non in modo imperativo. "I ought to do my homework" significa che dovrei farmi i compiti ma non è necessario perché volendo posso rimandare.
La forma to be to si usa per esprimere un dovere non dipendente dalla volontà dal soggetto, per indicare un evento che deve o avrebbe dovuto avvenire.

68

Potere può essere tradotto in modi diversi. Can e Could: Can al presente indicativo e congiuntivo, mentre Could per il condizionale, passato remoto, imperfetto indicativo, congiuntivo passato, per i permessi: Could I go out? Potrei uscire?
May e Might si adoperano per un'eventualità, una probabilità futura, un permesso, un augurio. May e Might sono espressioni molto formali ed educate.

78

Nell'ambito della volontà, Would esprime una richiesta, una probabilità, la disponibilità ad eseguire qualcosa. Would you like a cup of tea? Gradireste una tazza di tè?
Would you please do it for me? Lo faresti per me? Nelle frasi colloquiali sono comunque poco usate.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercate di esercitarvi molto per iparare bene questi verbi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come memorizzare verbi irregolari in inglese

La lingua inglese è sicuramente tra le lingue più diffuse e studiate al mondo. Infatti sono molti i benefici che possiamo trarre dalla conoscenza di questa lingua, che vanno dall'essere facilitati nella ricerca del lavoro fino ad arrivare al miglioramento...
Lingue

Trucchi per tradurre dall'inglese all'italiano più velocemente

Spesso quando si viaggia o si studia, è fondamentale tradurre dall'inglese all'italiano in maniera immediata. Capita però, che a causa della fretta, si rischia di fare una traduzione approssimativa, scadente e errata e di essere molto lenti a tradurre....
Lingue

Come coniugare i verbi irregolari in inglese

La guida che andremo a sviluppare nei passi che seguiranno, si occuperà di lingue straniere. Per essere più specifici nelle argomentazioni, tratteremo la lingua inglese. Come abbiamo indicato anche nel titolo della guida stessa, andremo a spiegarvi...
Lingue

Inglese: i verbi regolari

La lingua inglese è ormai sempre più importante per studenti e lavoratori di tutto il mondo. Si tratta infatti della lingua universale che unisce sempre di più i popoli ed il sapere soprattutto scientifico e tecnologico. Imparare l'inglese è diventata...
Lingue

Come utilizzare i verbi modali in inglese

Molto spesso quando studiamo ci possiamo imbattere in determinati argomenti che possono in un certo qual modo frenare in maniera piuttosto sensibile, il corretto apprendimento dell'intera materia in questione. Esistono infatti delle materia che presentono...
Lingue

Come usare i verbi modali may e must in inglese

L'inglese, come sappiamo, è la principale lingua parlata al mondo e per conoscerla bene, basta imparare le principali nozioni grammaticali. La grammatica inglese, infatti, è costituita da alcune semplici regole da assimilare per una corretta formulazione...
Lingue

Come Coniugare I Verbi Essere E Avere Al Presente In Inglese

In questa breve guida vi spiegherò come coniugare i verbi essere e avere al presente in inglese, in modo semplice e facile da capire; con esempi di frasi più comuni. Così vedrete che non avrete più dubbi e non lo dimenticherete più. Inoltre bisogna...
Lingue

Inglese: i verbi modali

L'uomo si distingue dagli animali per la complessa e articolata forma di comunicazione che possiede, si tratta infatti non di un solo tipo di linguaggio ma un'insieme vasto e complesso di lingue ognuna con le sue proprietà, le sue regole e i suoi costrutti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.