Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Tramite: O2O 15/10/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tradurre i pronomi relativi dal latino all'italiano è un gioco da ragazzi! Basta soltanto un po' di impegno nell'analisi del giusto "caso" latino e un pizzico di pazienza nell'applicazione del complemento corrispondente. Vediamo dunque, nella guida che segue, come sviluppare il giusto approccio alla traduzione di un pronome relativo dal latino all'italiano, per un risultato all'insegna del successo in ogni piccola o grande versione che ci si trovi ad affrontare!

26

Occorrente

  • Un po' di memoria per imparare le declinazioni dei pronomi
36

Comprendere la funzione del pronome relativo

Il pronome relativo, in latino, svolge una funzione identica a quello che troviamo nella lingua italiana. La stessa definizione di "pronome" viene tradotta, infatti, con "al posto del nome" e consente di metter in relazione fra loro due o più proposizioni. Esso, dunque, prende esattamente il posto di quell'elemento che, inserito all'interno di una proposizione, qualora fosse ripresentato nella stessa frase, andrebbe a produrre una inutile ridondanza. I pronomi relativi possono andare a sostituire, a seconda del modo in cui vengono utilizzati, il soggetto, il complemento oggetto o un complemento indiretto. I medesimi complementi sono designati in latino attraverso i casi (Nominativo, Genitivo, Dativo, Accusativo, Vocativo, Ablativo) che consentono di individuare la corrispondente declinazione dei termini, compresa quella del nome di riferimento che segue il nome anche nel numero e nel genere.

46

Memorizzare le declinazioni

I pronomi relativi si declinano seguendo lo stesso paradigma casistico dei nomi, con l'eccezione dei casi Genitivo e Dativo che al singolare presentano la stessa uscita sia per il genere maschile, sia per quello femminile, sia per il neutro (Genitivo: "cuius", Dativo: "Cui"); mentre al plurale rimangono uguali i casi Dativo e Ablativo ( "Quibus"). Una volta dotati di sapienti schemi, a sussidio dello studio di queste declinazioni, sarà più facile memorizzarne il contenuto.
Ripetere molto spesso le declinazioni, per intero e ogni volta che ci si trovi davanti ad un singolo pronome relativo, aiuta la memoria nel suo compito di "registrazione" e rende più semplice il riconoscimento di un certo caso piuttosto che di un altro durante la lettura della frase latina, oltre ad agevolare lo stesso compito di traduzione.

Continua la lettura
56

Applicare la corretta traduzione

Le possibili traduzioni in lingua italiana dei pronomi relativi in latino sono: "che", "cui", "il quale", "la quale", "i quali", "le quali". Utilizzarne uno piuttosto che un altro, dipenderà sostanzialmente dall'armonia lessicale e fonetica in grado di emergere dalla scelta operata, a seconda del contesto di riferimento. Fare la scelta giusta significa individuare dapprima quale sia il caso latino che si presenta, per poi convertirlo nel corrispondente complemento italiano in modo tale da conferire senso compiuto all'intera frase, ricostruendo fedelmente la stessa logica di "relazione" tra proposizioni che l'autore latino ha voluto elaborare a suo tempo.Di seguito si riporta un facile esempio di traduzione: "Titus ante se vidit duas vias, QUAS ad loca diversa ducebant", che tradotto diventa: "Tito vide davanti a sé due vie, LE QUALI conducevano in luoghi diversi". Altrimenti potremmo dire: "Duae viae, QUAE Titus ante se vidit, ad loca diversa ducebant", cioè: "Le due vie, CHE Tito vide davanti a sé, conducevano in luoghi diversi". Come si può notare, il pronome relativo segue il nome cui si riferisce, concordando con esso nel genere, nel numero e nel caso.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tanta buona volontà
  • Un pizzico di audacia
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come usare i pronomi e gli aggettivi indefiniti negativi in latino

Il latino è una lingua arcaica, utilizzata in Europa ed in Africa settentrionale già nei millenni prima di Cristo. La diffusione dell'idioma venne influenzata dalla grande espansione dell'impero romano. Ancora oggi, viene studiato nei vari licei come...
Superiori

Trucchi per tradurre una versione di latino

Tradurre una versione di latino è un compito molto difficile per tutti. I trucchi elencanti di seguito sono utili sia per chi mira alla sufficienza che per chi vuole raggiungere ottimi risultati. Seguire questi trucchi con costanza è un ottimo metodo...
Superiori

Come tradurre una versione di latino

Il latino è una materia molto importante, la quale può apparire odiosa perché spesso si incontrano difficoltà nel fare le traduzioni. Per risolvere questo problema basta leggere attentamente questa guida e la versione non sembrerà mai più un ostacolo...
Superiori

Come tradurre le versioni di latino

La versione di latino, è da sempre il disagio apparente, che mette in crisi migliaia di studenti del liceo. La traduzione dal latino, infatti, non è per niente semplice se non si utilizza uno schema di lavoro ben preciso e non si possiede una buona...
Superiori

Latino: come riconoscere e tradurre le proposizioni consecutive

La grammatica latina è uno degli scogli principali per gli studenti dei licei. Appena si inizia con i vari complementi è molto difficile tenere tutto bene a mente. Ma quando si passa all'analisi del periodo la situazione si complica ulteriormente. In...
Superiori

Come tradurre al meglio le versioni di latino

La lingua latina è sostanzialmente diversa dall'italiano, soprattutto per quanto riguarda la sintassi.L'attività di traduzione da un linguaggio all'altro implica conoscenze lessicali, morfologiche, idiomatiche e sintattiche che a livello scolastico...
Superiori

Come tradurre il dativo di interesse in latino

Il latino è una lingua che presenta una morfosintassi spesso molto differente dalla nostra, con costruzioni particolari che vanno studiate nello specifico ai fini di una buona traduzione con una perfetta resa in italiano corrente. In particolare, in...
Superiori

Come tradurre le proposizioni infinitive in latino

Nella lingua latina, l'infinito viene usato come forma verbale oltre ad essere riconosciuto come soggetto o oggetto di un'intera proporzione, che, a seconda della funzione grammaticale che occupa, viene denominata "soggettiva" o "oggettiva". Tuttavia,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.