Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il compito del pronome relativo, in italiano così come in tutte le lingue del mondo, è quello di mettere in relazione tra di loro due tipologie di proposizioni. Come tradurre correttamente i pronomi relativi dal latino? Vediamolo insieme all'interno di questa guida. Vedremo come, in realtà, con un po' di memoria, non è affatto complicato, sebbene il latino, ad oggi, risulti una delle materie più odiate dagli studenti.

26

Occorrente

  • Un po' di memoria per imparare le declinazioni dei pronomi
36

Il pronome relativo indefinito

È poi presente il pronome relativo indefinito "quicumque, quaeumque, quodcumque" (tradotto come "chiunque, qualunque, qualunque cosa") per formare il quale si aggiunge al pronome "qui" il suffisso "-cumque". Si declina come esso, e come esso si traduce. Il nominativo del pronome relativo, è, al singolare "qui, quae, quod" mentre al plurale diventa "qui, quae, quae". Per il genitivo abbiamo "cuius, cuius cuius" per il singolare e "quorum, quarum, quorum" per il plurale. Al dativo, il singolare del pronome relativo sarà "cui, cui, cui" mentre al plurale "quibus, quibus, quibus". Accusativo e ablativo sono gli ultimi due casi. Avremo "quem, quam, quod" e "quo, qua, quo" per il singolare di entrambi. Per il plurale, invece, saranno "quos, quas, quae" e "quibus, quibus, quibus". Si nota facilmente come genitivo e dativo singolare, così come dativo e ablativo plurale, sono identici tra loro.

46

I pronomi relativi in latino

Prima di iniziare a tradurre è necessario imparare, purtroppo a memoria, quali sono i pronomi relativi in latino e quali sono le loro declinazioni. I pronomi relativi latini sono "qui, quae, quod", ovvero "che, il quale, la quale, la quale cosa). Esso si declina sia al singolare che al plurale e quindi si traduce in base ai cinque casi che contraddistinguono il latino (nominativo, genitivo, dativo, accusativo e ablativo). Come si declina, quindi, il pronome relativo? Si nota, quindi, subito come il suo nome sia strettamente legato alla sua funzione logica vera e propria. Anche il latino, seppure si tratti di una lingua antica, non fa eccezione. I pronomi relativi latini si comportano esattamente come quelli italiani e sono, quindi, sempre concordati con l'elemento a cui si riferiscono.

Continua la lettura
56

La regola per tradurre

Il pronome relativo latino si comporta esattamente, come detto, come in italiano. Quindi nella traduzione il pronome relativo si deve tradurre all'inizio della frase. La regola per tradurre vuole che, a seconda della frase, dobbiamo capire che funzione ha dal punto di vista logico. Questo vuol dire che dobbiamo comprendere che tipologia di complemento rappresenta (ricordiamo che i complementi individuano i casi latini). Per facilitarci, ricordiamo sempre e comunque che, in genere, il pronome relativo è riferito all'ultimo termine che con esso concorda sia per genere che per numero. Nella traduzione, stiamo attenti a non confondere le proposizioni relative con un'altra tipologia di proposizioni, ovvero l'interrogativa indiretta. Queste, infatti, hanno in comune le "introduzioni" ma non il senso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Trucchi per tradurre una versione di latino

Tradurre una versione di latino è un compito molto difficile per tutti. I trucchi elencanti di seguito sono utili sia per chi mira alla sufficienza che per chi vuole raggiungere ottimi risultati. Seguire questi trucchi con costanza è un ottimo metodo...
Superiori

Come usare i pronomi e gli aggettivi indefiniti negativi in latino

Il latino è una lingua arcaica, utilizzata in Europa ed in Africa settentrionale già nei millenni prima di Cristo. La diffusione dell'idioma venne influenzata dalla grande espansione dell'impero romano. Ancora oggi, viene studiato nei vari licei come...
Superiori

Come tradurre una versione di latino

Il latino è una materia molto importante, la quale può apparire odiosa perché spesso si incontrano difficoltà nel fare le traduzioni. Per risolvere questo problema basta leggere attentamente questa guida e la versione non sembrerà mai più un ostacolo...
Superiori

Come tradurre le versioni di latino

La versione di latino, è da sempre il disagio apparente, che mette in crisi migliaia di studenti del liceo. La traduzione dal latino, infatti, non è per niente semplice se non si utilizza uno schema di lavoro ben preciso e non si possiede una buona...
Superiori

Latino: come riconoscere e tradurre le proposizioni consecutive

La grammatica latina è uno degli scogli principali per gli studenti dei licei. Appena si inizia con i vari complementi è molto difficile tenere tutto bene a mente. Ma quando si passa all'analisi del periodo la situazione si complica ulteriormente. In...
Superiori

Come tradurre al meglio le versioni di latino

La lingua latina è sostanzialmente diversa dall'italiano, soprattutto per quanto riguarda la sintassi.L'attività di traduzione da un linguaggio all'altro implica conoscenze lessicali, morfologiche, idiomatiche e sintattiche che a livello scolastico...
Superiori

Come tradurre il dativo di interesse in latino

Il latino è una lingua che presenta una morfosintassi spesso molto differente dalla nostra, con costruzioni particolari che vanno studiate nello specifico ai fini di una buona traduzione con una perfetta resa in italiano corrente. In particolare, in...
Superiori

Come tradurre le proposizioni infinitive in latino

Nella lingua latina, l'infinito viene usato come forma verbale oltre ad essere riconosciuto come soggetto o oggetto di un'intera proporzione, che, a seconda della funzione grammaticale che occupa, viene denominata "soggettiva" o "oggettiva". Tuttavia,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.