Come tradurre i participi in greco

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Studiare una lingua diversa da quella d'origine non è mai una cosa semplice: ogni lingua ha le sue regole, le sue parole, vocalizzi, accenti, ecc. Secondo le statistiche, una delle lingue più difficili al mondo è l'italiano: si tratta di una lingua complessa ed anche ricca di parole, accenti e quant'altro.
Tuttavia vi sono anche altre lingue che richiedono molto impegno per essere assimilate, ed alcune vengono definite anche lingue morte, dato il loro disuso. Di che lingue vi sto parlando? Ovviamente del latino e del greco: quest'ultimo è una lingua ancora in uso, anche se non tantissimo. Studiare il greco non è semplice ed è una cosa che sicuramente avrete fatto qualora abbiate frequentato un liceo classico. Se invece lo frequentate ancora, questa guida fa' al caso vostro, perché vi illustrerò una lezione molto particolare: come tradurre i participi in greco.

27

Occorrente

  • Un libro di greco ed un dizionario
37

Nozioni di base

Qualora abbiate iniziato a studiare il greco da poco, ci sono delle nozioni di base che dovrete sapere, soprattutto sui participi: partite dal presupposto che essi sono davvero molto adoperati. Li troverete un po' ovunque, dunque è bene che impariate sia a riconoscerli che a tradurli. Per riconoscerli dovrete capire a quale delle quattro categorie esistenti appartengono: aoristo, perfetto, futuro e presente. Comincio con l'illustrarvi come tradurre il participio presente: per prima cosa dovrete capire se il participio che tradurrete è di tipo nominale o meno. Qualora lo sia potreste optare per due possibili traduzioni: o cercando un aggettivo in italiano che sia pari al participio greco, oppure cercando un sostantivo che corrisponda. Nel caso in cui il participio sia verbale, invece, dovrete tradurlo con un gerundio.

47

Tradurre in base alle categorie

Come già detto precedentemente, saper capire a che categoria appartengono i participi è il primo passo per tradurli al meglio. Ma dovrete tener presente che il nominativo si applica anche nel caso del participio futuro. In tal caso potreste tradurlo nuovamente con un aggettivo o un sostantivo che corrisponda ma, a differenza del presente, dovrete sottolineare che l'azione sta per accadere. Dovrete tenere in considerazione parole come "stava/sta" oppure "in procinto di..." e così via.
Nel caso del participio perfetto, invece, dovrete tradurre sfruttando un participio passato passivo o sfruttando una subordinata relativa.

Continua la lettura
57

Tradurre il participio airosto

Come avrete avuto modo di leggere fin qui, vi ho illustrato come tradurre il participio presente, quello futuro e quello perfetto. In conclusione non vi resta che imparare come tradurre quello airosto: esso si riferisce al passato, dunque ad una cosa che è già avvenuta. In tal caso potreste adoperare un gerundio per la traduzione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In caso di dubbi fatevi seguire da un professore esperto in greco.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come tradurre una frase latina

Per molti studenti studiare il latino è peggio di cercare di capire dei geroglifici. Per molti, lo studio di questa lingua è pressoché inutile e, non trovano la motivazione giusta per impegnarsi a comprenderla. Così, si guadagnano una spaventosa insufficienza,...
Superiori

Come tradurre le versioni di latino

La versione di latino, è da sempre il disagio apparente, che mette in crisi migliaia di studenti del liceo. La traduzione dal latino, infatti, non è per niente semplice se non si utilizza uno schema di lavoro ben preciso e non si possiede una buona...
Superiori

Come coniugare i verbi deponenti in Latino

Mentre in italiano i verbi sono o di forma attiva (es. Io lodo) o di forma passiva (es. Io sono lodato), in latino esistono anche verbi di forma passiva, ma di significato attivo: i verbi deponenti. I grammatici li hanno chiamati così pensando erroneamente...
Lingue

Tedesco: come tradurre il gerundio dall'italiano

Il gerundio è un tempo verbale non presente nella lingua tedesca. Esprime la contemporaneità di un'azione ad un altra e, per poterlo tradurre in tedesco, è necessario ricorrere ad altri modi al fine di ottenere un concetto analogo all'italiano. In...
Superiori

Come riconoscere e tradurre l'ablativo assoluto latino

L'ablativo assoluto è, per tanti studenti, un costrutto latino di solito ostico. Non si riesce spesso a riconoscere e perciò anche la sua traduzione diventa difficile. La maggior parte delle volte, soggetto e predicato infatti non sono insieme, ma sono...
Lingue

Come formare il passé composé in francese

In questo articolo vogliamo cercare di imparare come poter formare in maniera semplice e veloce, il passè composè in francese. Cerchermo di eseguire il tutto, in maniera fattibile, affinché anche coloro i quali non masticano tanto la lingua francesce,...
Superiori

Come tradurre il congiuntivo in greco antico

Se frequenti il liceo classico uno dei più grossi ostacoli iniziali che incontrerai sarà lo studio del greco antico, una lingua cosiddetta "morta" che però ha influenzato non solo le lingue attuali, ma che è ancora presenti in un gran numero di campi,...
Superiori

Come tradurre una versione di latino o greco

Tradurre una versione di latino o greco è un' impresa per molti studenti dei vari licei, complice il fatto di non avere studiato alle scuole medie queste materie adeguatamente, si ritrovano senza la preparazione necessaria. In ogni caso non essendo obbligatorio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.