Come tradurre i numeri in esperanto

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

L'ingegno dell'oftalmologo polacco Ludwik Lejzer Zamenhof portò, a cavallo tra il 1870 e il 1890, alla creazione della più conosciuta tra le lingue pianificate ed ausiliarie di rilievo internazionale: l'Esperanto. Il nome stesso con il quale è conosciuta la lingua ("colui che spera") lascia intendere come lo scopo ultimo di questo idioma sia quello di favorire il dialogo tra diversi popoli e favorire l'integrazione e la pace con una seconda lingua di facile studio ma espressiva in senso universale.
Grammaticalmente ispirato dalle più semplici regole appartenenti a tutte le lingue parlate, questo linguaggio etnico non prevede eccezioni e si ispira per i suoi vocaboli a molteplici idiomi preesistenti, dal latino al giapponese, dalle lingue romanze a quelli anglo-germaniche. Nella seguente guida vedremo, in particolare, come tradurre i numeri in esperanto.

26

Unità

In esperanto l'intero sistema numerale è costruito da poco più di una dozzina di parole che, seguendo le regole grammaticali della lingua inglese in merito ai numeri, si combinano per costituire l'intero insieme dei cardinali. Iniziamo dalla traduzione delle unità:
0 = "nul"1 = "unu"2 = "du"3 = "tri"4 = "kvar"5 = "kvin"6 = "ses"7 = "sep"8 = "ok"9 = "naŭ"Come si può notare c'è un'influenza polilinguistica anche nella scelta dei termini numerali, passando dal latino (in particolare "nul" per lo 0 ricorda molto la parola latina "nihil", cioè "nulla","niente") ma anche lingue di matrice teutonica (suoni duri come "kvar" o "ok" non sono tipici delle lingue neolatine).

36

Locuzioni

Per i numeri inferiori al milione si combinano le unità con le seguenti locuzioni
10 = "dek"
100 = "cent"
1000 = "mil"
Per leggere i numeri si segue il principio della minimizzazione dei vocaboli da imparare, per cui è sufficiente conoscere il termine indicante la decina ed aggiungere l'unità necessaria. Ad esempio 13 = "dek tri" 18 = "dek ok"
Le decine da venti in su possono essere ottenute combinando semplicemente i numeri base con il termine indicante la decina, per poi iterare il metodo precedente. Ad esempio 48 = "kvardek ok" 95 = "naŭdek kvin" 72 = "sepdek du"
Analogamente per le centinaia e le migliaia, per cui possiamo ottenere 348 = "tricent kvardek ok" 5472 = "kvinmil kvarcent spedek du".

Continua la lettura
46

Suffissi

Tra le caratteristiche grammaticali da sottolineare, abbiamo l'aggiunta del suffisso "-a" per la forma aggettivale ordinale, del suffisso "-e" per la forma avverbiale, della desinenza "-o" per la forma sostantivata (che prevede anche accusativo e plurale). Per cui possiamo dire "unua" per dire "primo", "unue" per tradurre "in primo luogo" e "unuo" per indicare "l'unità".

56

Guarda il video

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Si Dicono I Numeri In Francese

Per tantissimo tempo, il francese ha rappresentato la lingua della "cultura" per eccellenza: infatti, era la lingua internazionale di riferimento prima di essere sostituita dall'inglese. Questa lingua ha una grammatica abbastanza impegnativa con molte...
Università e Master

Come scoprire se due numeri sono amicabili

La matematica non è certo una delle materie più amate dagli studenti. Anzi, un recente sondaggio afferma come sia in fondo alle classifiche di gradimento. Ma la matematica ha un fascino molto particolare, che va capito prima di poter essere apprezzato....
Università e Master

Come dimostrare l'infinità dei numeri primi

Euclide fu il primo a dimostrare l’infinità dei numeri primi per la prima volta nella storia. Egli, infatti, dimostrò che non esiste il numero più grande di tutti, perché ne esisterà sempre uno più grande di un altro. Successivamente a questa...
Università e Master

Come trovare il massimo comun divisore tra due numeri con l'algoritmo di Euclide

La matematica è certamente una delle materie scolastiche che a tanti di noi ha dato le maggiori preoccupazioni; tuttavia, con un po' di pazienza e costante applicazione può rivelarsi meno complicata di quanto sembra e regalarci tante soddisfazioni....
Università e Master

Teorema dell'infinità dei numeri primi: dimostrazione

La matematica è da sempre la materia più complicata sia per i bambini delle scuole elementari, sia per gli studenti delle superiori e delle facoltà universitarie. Questa difficoltà è dovuta soprattutto al fatto che i concetti sono tutti collegati...
Università e Master

Come Calcolare I Numeri Di Fibonacci

In matematica quella che viene definita la successione di Fibonacci, è una successione composta da numeri interi positivi, nella quale ciascun numero è l'esatta somma dei due precedenti. Quindi essa ha una definizione ricorsiva. Tale successione prendere...
Università e Master

Come calcolare rapidamente la media tra molti numeri

La matematica è una materia affascinante che permette di ottenere ottimi risultati anche se non si è dei veri e propri geni. Infatti sono molti i trucchi che non insegnano a scuola ma che permettono in poco tempo di arrivare al risultato di un operazione....
Università e Master

I numeri più strani della teoria delle stringhe

In fisica, la teoria delle stringhe ha completamente rivoluzionato il mondo scientifico grazie alle sue intuizioni innovative che sono ancora oggi oggetto di molteplici studi da parte di ricercatori in tutto il mondo. Il termine deriva dall'inglese "string"...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.