Come Svolgere Un'Equazione Con Il Principio Di Equivalenza

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L'equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali, le cui lettere si chiamano variabili o incognite. Il grado dell'equazione rappresenta il numero massimo di soluzioni che si possono avere da una data equazione. Le incognite posso essere determinate, impossibili o indeterminate. Spesso ci sarà capitato di affrontare un problema che richiedesse la risoluzione tramite un'equazione. Queste operazioni matematiche si basano sui due principi di equivalenza. Con questa breve guida scopriremo come svolgere un'equazione con il principio di equivalenza.

26

Occorrente

  • foglio
  • penna
  • calcolatrice
  • manuale di matematica
36

Tramite i principi di equivalenza si posso risolvere le equazioni. Le equazioni si dicono equivalenti quando la soluzione di una è anche la soluzione dell'altra e viceversa. Ad esempio se la prima eqauzione è 3 x = 6, la sua equazione equivalente potrà essere x = 2. Il primo principio di equivalenza sostiene che aggiungendo o togliendo la stessa quantità ad entrambi i membri di un'equazione otteniamo un'equazione equivalente. Ad esempio se alla prima equazione aggiungiamo +2 in entrambi i membri, il risultato non cambierà. Avremo perciò 3x+2= 6+2 cioè 3x+2= 8. La sua equazione equivalente in quel caso sarà x+2= 2+2, cioè x+2= 4

46

La conseguenza del primo principio di equivalenza è che si può spostare un termine da un membro all'altro purché si cambi segno. Ad esempio se ho 3 x + 1 = 2, spostando l'1 diventerà 3 x = 2-1. La seconda conseguenza o corollario è definito come regola della soppressione dei termini uguali. In pratica se abbiamo termini uguali in membri diversi, questi possono essere eliminati. Ad esempio se ho 3 x -1 = - 1. In questo caso elimino entrambi i numeri meno uno ed otterrò 3 x = 0.

Continua la lettura
56

Passiamo adesso al secondo principio delle equivalenze il quale enuncia che, moltiplicando o dividendo entrambi i membri di un'equazione per una numero qualsiasi diverso da zero, otteniamo un'equazione equivalente. Ad esempio se la mia equazione è 3 x = 3. In questo caso andando a dividere per tre entrambi i membri, il risultato sarà il seguente, x = 1. Sarà sempre un'equazione equivalente alla precedente. Anche in questo caso abbiamo dei corollari che rafforzano il principio. Il primo è la regola del cambio dei segni. Cioè se cambio il segno di tutti i termini dell'equazione, quella che otterrò sarà sempre un'equazione equivalente alla precedente. Altro corollario è la semplificazione dei coefficienti. Se ad esempio tutti i termini dell'equazione sono divisibili per uno stesso numero, possiamo semplificarli ottenendo sempre un'equazione equivalente alla precedente.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • porta tutti i termini incogniti al primo termine e i numeri reali nel secondo termine così da poterli sommare rendendo i calcoli più semplici
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come risolvere le equazioni con il secondo principio di equivalenza

Nelle scuole non sempre viene preso in considerazione il fatto che i ragazzi di oggi sono sempre più difficili da gestire. Ci sono alcuni alunni che non sono in grado di studiare e capire tutti gli argomenti matematici che un programma scolastico ha...
Superiori

Appunti di matematica: le equazioni e le disequazioni

Equazioni e disequazioni sono un argomento spesso ostico ma con i giusti appunti di matematica può essere davvero facile comprenderle. Le equazioni sono una uguaglianza numerica tra due espressioni contenenti una o più incognite. Queste possono essere...
Superiori

Come risolvere un'equazione di primo grado

La matematica è una delle materie cardini del sistema scolastico soprattutto se si è scelto un orientamento di tipo scientifico, tuttavia può costituire un ostacolo anche per gli studenti più volenterosi. Se non spiegata bene è difficile capirla,...
Superiori

Le equazioni delle trasformazioni geometriche nel piano cartesiano

Le trasformazioni geometriche rappresentano una corrispondenza che collega ad ogni punto del piano uno o più punti del piano stesso. È quindi una corrispondenza biunivoca di tutti i punti. Per comprendere le equazioni delle trasformazioni geometriche...
Superiori

Come risolvere un sistema di primo grado col metodo di addizione e sottrazione

Gli alunni delle scuole superiori, si troveranno ben presto a dover fare i conti con le tanto odiate equazioni. In questa guida vedremo come risolvere un sistema di primo grado col cosiddetto metodo di addizione e sottrazione. Tramite questo procedimento,...
Superiori

Come discutere un'equazione parametrica di primo grado con il metodo diretto

Un'equazione è l'equivalenza tra due espressioni letterali. La soluzione o radice si ottiene attribuendo alle incognite dei particolari valori numerici. Se i coefficienti di un'equazione di primo grado sono funzioni di una o più variabili, anche le...
Superiori

Come utilizzare le operazioni inverse per isolare una variabile

Per utilizzare un'espressione inversa ed ottenere una variabile, occorre sapere prima di tutto che cosa sia un'uguaglianza tra due espressioni. Per esempio, 3a - C alla seconda = d- a. In quest'espressione le lettere si chiamano variabili. Se si assegna...
Superiori

Come risolvere un sistema a due incognite

In matematica, per sistema di equazioni a due incognite si intende un insieme di due equazioni contenenti due incognite le cui soluzioni devono contemporaneamente soddisfarle tutte. Per risolvere un sistema di equazioni si intente riuscire a trovare l'insieme...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.