Come svolgere un integrale indefinito

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Qualsiasi sia il tuo corso di studio, prima o poi ti troverai ad affrontare un integrale indefinito. Molti credono, erroneamente, che risolvere un integrale sia una cosa estremamente difficile, che bisogna essere al corrente di chissà quali verità matematiche. Bene, oggi voglio mostrarti come svolgere un integrale indefinito senza bisogno di notevoli conoscenze. Quindi bando alle ciance e inoltriamoci nel fantastico mondo degli integrali indefiniti.

26

Integrale indefinito: cosa rappresenta

Come già saprai, l'integrale indefinito è l'operatore inverso della derivata. Ciò vuol dire che il risultato di un integrale indefinito è una funzione, detta primitiva, che se derivata ci darà la funzione integranda, ovvero quella che si trova sotto il segno dell'integrale. In realtà la soluzione di un intregrale indefinito non è mai univoca a causa della presenza di una costante, la tipica "+c" al termine di ogni risultato, che ci ricorda che la derivata di una costante è zero, per cui andando a derivare quella funzione, qualsiasi sia "c", otterremo comunque la funzione integranda.

36

Regole per svolgere un integrale

Ora che sappiamo cos'è un integrale indefinito, passiamo a come trovare la soluzione. Trovare la soluzione richiede senza dubbio una certa destrezza, ma ciò ti verrà automatico solo facendo esercizio. Come prima cosa bisogna tener presente le regole di integrazione. Sono delle regole che ci permettono di semplificare un integrale che si presenta in una forma un po' più complessa, e sono molto facili ed intuitive. Ad esempio, qualsiasi costante che moltiplica la funzione integranda può essere portata fuori dall'integrale e svolgere quest'ultimo senza considerarla, una volta ottenuta la soluzione, moltiplicarla per la costante. Per cui ᶴcf (x) dx diventa cᶴf (x) dx. Allo stesso modo l'integrale di una somma è la somma degli integrali, quindi ᶴ(f (x)+g (x)) dx diventa ᶴf (x) dx + ᶴg (x) dx e la soluzione sarà la somma delle due soluzioni. Su ogni libro di matematica che si rispetti, potrete trovare queste e altre regole di integrazione che trasformeranno i vostri mostruosi integrali in semplici integrali risolvibili con uno o due passaggi.

Continua la lettura
46

Integrali noti

Come per le derivate, anche per gli integrali ci sono gli integrali noti, ovvero quegli integrali di base grazie ai quali si possono risolvere integrali ben più complessi. Integrali di questo tipo sono detti anche "immediati", proprio a sottolineare la facilità con la quale si perviene al risultato. Tra questi i più importanti da tener a mente per svolgere facilmente integrali più complessi sono quelli delle funzioni trigonometriche come seno e coseno, quello dell'esponenziale e soprattutto quella di una funzione polinomiale (tenetelo ben a mente).

56

Metodo di risoluzione per parti

È senza dubbio uno dei metodi maggiormente adoperati per la risoluzione di un integrale e consiste nel trovare due "sottofunzioni" della funzione integranda e scegliere di applicare la derivata ad una delle due e l'integrale all'altra. Il consiglio è di scegliere di integrare quella facile da integrare, ad esempio una f (x)=e^x, che è un integrale immediato, e di derivare l'altra. La soluzione di questo integrale si ridurrà ad essere un integrale più semplice, ed in particolare otterremo che ᶴf (x) g (x) dx=df (x)/dx g (x) - ᶴdf (x)/dx g'(x) dx. Il secondo integrale, quello a destra dell'uguale, sarà in generale un integrale immediato; nel caso in cui non lo fosse, sarebbe possibile riapplicare il metodo per parti fino a raggiungere un integrale di facile risoluzione. La difficoltà di questo metodo è principalmente la scelta di quale delle due "sottofunzioni" integrare e quale derivare, ma con la pratica sarete in grado di scegliere la più adatta.

66

Integrali e sviluppo in Serie di Taylor

Questo metodo sicuramente non è adatto a chi è alle prime armi con gli integrali, ma può rivelarsi un ottimo suggerimento per chi invece sta cercando di risolvere un integrale davvero impossibile. Poche righe fà abbiamo detto di tener bene a mente l'integrale noto di una funzione polinomiale. Questo ci può tornare utile se sappiamo che ogni funzione può essere espressa in Serie di Taylor, ovvero essere espressa mediante delle funzioni polinomiali. Avendo quindi espresso una funzione in serie di Taylor è possibile ricondursi alla risoluzione di un integrale di funzione polinomiale e risolverlo agevolmente. Ricordate però, che una serie di Taylor approssima la funzione originaria, ma non sarà mai la stessa identica funzione, per cui teniate conto di ciò qualora il vostro intento non sia quello di avere un risultato fine a se stesso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare l'integrale indefinito

Si definisce integrale la funzione inversa della derivata. Tale operazione dal punto di vista grafico equivale a calcolare l’area sottesa alla curva della funzione riportata su un grafico cartesiano. Nel caso in cui il risultato dell’integrale non...
Superiori

Come calcolare un integrale per parti

Il metodo di integrazione per parti è uno dei più semplici e principali metodi di risoluzione di un integrale.Si tratta in pratica di un metodo per calcolare la primitiva di un prodotto di due funzioni, assumendo l'ipotesi che una di queste due funzioni...
Superiori

Come integrare e differenziare funzioni in Matlab

Il calcolo differenziale, di funzioni semplici o composte, fa parte del bagaglio essenziale di un buon studente in matematica e richiede molta dedizione ed applicazione. Tuttavia, nonostante il nostro impegno, a volte possiamo incontrare delle difficoltà...
Superiori

Come risolvere un integrale con Wolframalpha

Oltre all'apprendimento quindi delle regole di integrazione, è possibile risolvere un integrale anche attraverso software e risorse informatiche. Soprattutto infatti in casi di integrali molto lunghi e complicati, da cui si vuole un risultato il più...
Superiori

Calcolo degli integrali definiti e indefiniti

Nell'analisi matematica, l'integrale è l'operatore che, nel caso di una funzione con una sola variabile, associa alla funzione stessa l'area in un grafico con un dato intervallo all'interno del dominio (a, b). All'interno di questa guida vi insegneremo...
Superiori

Come risolvere gli integrali indefiniti

Siamo ben felici di proporre a tutti i nostri lettori ed anche lettrici, che sono amanti della fisica e di tutto ciò che ha a che fare con essa, una guida pratica e del tutto veloce, mediante il cui aiuto concreto poter imparare come e cosa fare per...
Superiori

Come risolvere gli integrali definiti

La matematica: una disciplina affascinante ma talvolta ostica, capace di dare grandi soddisfazioni ai più grandi appassionati studiosi. Per arrivare ai suoi alti livelli, scoprendo argomenti sempre più complessi ed articolati, bisogna passare per gli...
Superiori

Come risolvere l'integrale di una funzione razionale

Saper calcolare gli integrali di una funzione razionale rappresenta uno degli strumenti fondamentali non solo per un matematico, ma anche per ogni geometra, ingegnere o fisico. Acquisire pratica e dimestichezza con le tecniche di risoluzione richiede...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.