Come svolgere un integrale circuitale

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Per poter calcolare un integrale circuitale si devono avere dei prerequisiti fondamentali.
La conoscenza degli integrali, di funzioni derivabili, di funzioni complesse, calcolo dei limiti e parametrizzazione di curve.
Sono nozioni che si apprendono dalla scuola superiore tranne che la parametrizzazione e lo studio delle funzioni complesse. Ecco come svolgere un integrale circuitale.

25

Funzione complessa

Definizione:
preso un qualsiasi cammino C che collega due punti, consideriamo una funzione complessa (a valori complessi) definita sopra questo cammino. L'integrale di f su C è definito da (vedi formula (1)) dove r: [a, b] --->C è una parametrizzazione di C
Per fare un esempio concreto consideriamo la funzione f (z)=z^4 definita in un cerchio C_1(0) di raggio di raggio 1 avente come origine, l'origine 0 del piano complesso.

35

Teoremi sulle funzioni

Teoremi sulle funzioni che ammettono primitive. Una funzione che ammette primitive è molto semplice da integrare lungo un circuito chiuso perché il suo integrale fa zero. Quindi avere a disposizione dei teoremi su come riconosce queste funzioni ci semplificherebbe di molto la vita.
Definizione:
Una funzione f è detta olomorfa in un insieme aperto contenuto in C (insieme dei numeri complessi) quando è derivabile in ogni punto di questo aperto
Definizione:
Date due funzioni f e F definite su un aperto dei numeri complessi allora diciamo che F è una primitiva di f quando F è olomorfa e F'(z)=f (z).



Consideriamo ora un teorema che ci permetterà di calcolare, senza il bisogno di parametrizzare, l'integrale di funzioni complesse anche su insiemi non connessi o meglio su insiemi che presentano un numero finito di singolarità (di buchi dove la funzione vale infinito ad esempio).
Analogamente allo sviluppo di Taylor per una funzione reale esiste lo sviluppo di Laurent per una funzione complessa che presenta una singolarità (un punto dove la funzione vale infinito). Nel caso della funzione 1/z la singolarità si trova nell'origine infatti 1/0 fa infinito.

Continua la lettura
45

Il Teorema dei Residui

Senza entrare troppo nei particolari dello sviluppo di Laurent il primo coefficiente della parte singolare dello sviluppo di Laurent si chiama residuo.
Definizione:
Sia z_0 un punto di singolarità di ordine n per la funzione f allora il residuo res (f, z_0) si trova (vedi formula (6)). L'ordine della singolarità, conosciuta meglio con il nome di polo, rappresenta il grado della funzione in questione. Ad esempio la funzione 1/z^2 ha un polo di ordine 2 nell'origine .

55

Sviluppo di Laurent

Senza entrare troppo nei particolari dello sviluppo di Laurent il primo coefficiente della parte singolare dello sviluppo di Laurent si chiama residuo.
Definizione:
Sia z_0 un punto di singolarità di ordine n per la funzione f allora il residuo res (f, z_0) si trova (vedi formula (6)). L'ordine della singolarità, conosciuta meglio con il nome di polo, rappresenta il grado della funzione in questione. Ad esempio la funzione 1/z^2 ha un polo di ordine 2 nell'origine .

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare l'integrale indefinito di funzioni semplici

L'integrale è l'operazione inversa al calcolo di derivata. Geometricamente, il calcolo della derivata di una funzione semplice (in un'unica variabile) fornisce l'area, ovvero la parte di grafico, sottesa dalla funzione stessa in un dato intervallo del...
Superiori

Come calcolare l'integrale definito

In questa guida vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, a capire come poter calcolare, nel migliore dei modi ed in maniera semplice e veloce, l'integrale definito, in modo tale da poter sapere quando farlo.L'integrale è uno degli operatori matematici...
Università e Master

Come eseguire una conversione da corrente a tensione

Un generatore di tensione è un dispositivo che viene utilizzato per generare e mantenere una differenza di potenziale elettrico ai suoi capi (anche detti poli o morsetti). Il generatore di tensione è formato da due poli, per cui, dal punto di vista...
Università e Master

Come analizzare un circuito sequenziale

Come analizzare una macchina a circuito sequenziale? Per prima cosa è necessario sapere che il sistema sequenziale è un circuito nel quale in ogni istante, le uscite, dipendono oltre ai valori degli ingressi anche dalla "storia" pregressa dell'intero...
Superiori

Come risolvere l'integrale del logaritmo

Se dovete risolvere l’integrale di un logaritmo e non sapete proprio da dove iniziare, niente paura! Il simbolo utilizzato in analisi matematica è ∫. Chiariti i concetti fondamentali, in questo tutorial vi illustreremo come risolvere l’integrale...
Superiori

Come calcolare un integrale per parti

Il metodo di integrazione per parti è uno dei più semplici e principali metodi di risoluzione di un integrale.Si tratta in pratica di un metodo per calcolare la primitiva di un prodotto di due funzioni, assumendo l'ipotesi che una di queste due funzioni...
Università e Master

Come tracciare il luogo delle radici

In analisi complessa il luogo delle radici è il luogo geometrico delle radici di una funzione complessa esposto a cambiare di un suo parametro reale, raffigurato sul piano di Gauss. Il luogo delle radici si può tracciare anche con il comando “rlocus”....
Superiori

Come calcolare la convergenza di un integrale

La matematica è una delle materie più temute dallo studente medio. Sin dalle scuole dell'obbligo è il principale spauracchio di intere classi, ed è considerata disciplina per "secchioni". Col proseguire del corso di studi, teoria ed esercizi diventano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.