Come Svolgere Un Esercizio Sul Terzo Principio Della Dinamica

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La fisica è una delle materie più ostiche ma anche più importanti per tutti quegli studenti che intervengono gli studi scientifici, e che quindi decidono di frequentare l'istituto tecnico industriale o il liceo scientifico. La fisica ha diversi rami, uno di questi è la dinamica che si contraddistingue per i suoi tre principi. Il terzo principio della dinamica è la base dello studio della dinamica del punto materiale e della dinamica dei sistemi. Nella seguente guida vedremo come svolgere uno esercizio sul terzo principio della dinamica.

25

Consideriamo il sistema con due masse A e B poste l'una sopra l'altra, con una forza applicata in A attraverso una corda, con la superficie di contatto tra A e B scabra e quella tra B e il piano liscia. Ipotizziamo che le masse di A e B siano note, così come sia noto il coefficiente si attrito. Da tale configurazione è possibile conoscere combinando il secondo e il terzo principio della fisica sia la forza massima affinché i due corpi viaggino insieme, sia l'accelerazione che essi assumono.

35

Consideriamo innanzitutto il corpo A e tracciamone il diagramma del corpo libero, ossia identifichiamo tutte le forze agenti su essa. Ovviamente nell'asse x avremo agente la forza di traino F verso destra e la forza di attrito Fa verso sinistra. Nelle y invece avremo la forza peso M (A) g e la forza di reazione del corpo B su A che saranno uguali e opposte in quanto non vi è moto lungo y. Le equazioni saranno così x: F-Fa=M (A) a; y: M (A) g-N (A)=0.

Continua la lettura
45

Dedichiamoci ora alla più interessante analisi del corpo B. Potremo subito notare che B si muove con A nonostante apparentemente non vi siano forze su esso applicate in grado di generare tale moto. Proprio a questo punto accorre in aiuto il terzo principio. Infatti B sentirà una forza applicata da A che è uguale in modulo ma opposta in verso rispetto a quella applicata da B su A. Essendo quindi la forza applicata da B su A -Fa, A applicherà su B una forza Fa causa del movimento di B. L'equazione lungo x di B sarà allora Fa=M (B) a. Da tale relazione si può banalmente trovare il valore dell'accelerazione e sostituendo tale valore nell'equazione di A relativa all'asse x banalmente anche il valore in modulo di F.

55

Quindi seguendo i pochi e semplici passaggi riportati all'interno di questa guida, sapremo finalmente come fare per riuscire a svolgere correttamente un esercizio sul terzo principio della dinamica. Per alcuni questi passaggi potrebbero risultare leggermente complicati, ma con un po' di pazienza e provando varie volte è possibile ottenere un risultato perfetto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Il principio di uguaglianza costituzionale

Con il passare del tempo stiamo assistendo ad una progressiva crisi di valori che investe la società civile. Il valore della libertà molto spesso viene calpestato in favore di azioni puramente individualistiche. Per questo motivo la nostra società...
Università e Master

Come applicare il principio di Hardy-Weinberg

La matematica non è solamente lo studio noioso dei numeri, ma un vero e proprio processo nella comprensione di alcuni principi che riguardano svariate scienze e discipline. Capirla non è semplice, e non tutti sono portati, ma una volta fatti chiari...
Università e Master

Come utilizzare il principio di induzione per una dimostrazione

Il principio di induzione è un importante strumento di tipo deduttivo che in genere si utilizza nella teoria dei numeri interi, ma anche in tutti quegli altri casi in cui delle determinate situazioni si possono mettere in relazione con i numeri naturali....
Università e Master

Come verificare sperimentalmente il principio di Archimede

Archimede da Siracusa fu probabilmente il più famoso matematico, fisico ed inventore di tutta l'antichità. Egli si ricorda anche per l'invenzione degli specchi ustori che vennero adoperati durante la guerra per bruciare le vele delle navi nemiche. La...
Università e Master

Appunti di procedura civile: opposizione di terzo

Se siamo degli studenti, ci sarà capitato di dover studiare una materia particolarmente complicata ma di non riuscire a comprendere tutti gli argomenti trattati. In questi casi potremo provare a cercare su internet una guida che ci illustri in maniera...
Università e Master

Come svolgere uno studio di funzione in 2 variabili

Quanti di noi, all'università, sono incappati in una funzione matematica a più variabili? Magari è proprio lo studio di quest'ultima che vi ha impedito di superare l'esame di Analisi Matematica 2 e siete disperati perché non riuscite in nessun modo...
Università e Master

Come risolvere l'esercizio di reazione tra cicloesanone e vinil litio

Esaminando le tante reazioni presenti nell'ambito della chimica organica possiamo facilmente notare che vi sono coinvolte, oltre alle comuni molecole lineari, tantissimi composti ciclici. In questa guida verrà analizzato al meglio lo svolgimento di una...
Università e Master

Come Risolvere L'Esercizio Di Reazione Di Clorurazione Del Metano

Quando si studio inevitabilmente ci si può impantanare in argomenti o materie che magari sono fin troppo ostiche o non ci vanno proprio a genio. Tra le tante materie che si possono incontrare nel proprio corso di studi, scolastico o universitario, ve...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.