Come Svolgere Un Esercizio Sul Terzo Principio Della Dinamica

Tramite: O2O 07/06/2018
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La fisica è una delle materie più ostiche ma anche più importanti per tutti quegli studenti che intraprendono gli studi scientifici, e che quindi decidono di frequentare l'istituto tecnico industriale o il liceo scientifico. La fisica ha diversi rami, uno di questi è la dinamica che si contraddistingue per i suoi tre principi. Il terzo principio della dinamica è la base dello studio della dinamica del punto materiale e della dinamica dei sistemi. Nella seguente guida vedremo come svolgere uno esercizio sul terzo principio della dinamica.

27

Occorrente

  • Riga
  • Matita
  • Penne di diverso colore
37

Considerazioni e ipotesi generali sul problema

Consideriamo un sistema costituito da due masse A e B delle quali A è posta su B e B su di un piano orizzontale liscio. Una forza di trazione agisce sul corpo A mediante una corda, la superficie di contatto delle due masse è scabra. Ipotizziamo che le masse di A, B ed il coefficiente si attrito tra i due corpi siano noti. Da tale configurazione è possibile conoscere combinando il secondo e il terzo principio della dinamica sia la forza massima affinché i due corpi viaggino insieme, sia l'accelerazione che essi assumono.

47

Analisi del corpo A

Consideriamo innanzitutto il corpo A e tracciamone il diagramma del corpo libero, ossia identifichiamo tutte le forze agenti su esso. Sull'asse delle ascisse agisce la forza di traino F supposto coerentemente con l'asse e la forza di attrito Fa conseguenzialmente orientata in verso opposto all'asse. Sull'asse delle ordinate invece avremo la forza peso M (A) g, supposta discorde all'asse, e la forza di reazione vincolare del corpo B su A orientata coerentemente con l'asse. Tali forze hanno stesso modulo e direzione ma verso opposto in quanto non vi è moto lungo le ordinate. Le equazioni inerenti al corpo A sono le seguenti: Asse x: F-Fa=M (A) a; Asse y: N (A)-M (A) g=0.

Continua la lettura
57

Analisi del corpo B

Si prosegui ora alla più interessante analisi del corpo B. Potremo subito notare che B si muove con A nonostante apparentemente non vi siano forze su esso applicate in grado di generare tale moto. Proprio a questo punto accorre in aiuto il terzo principio. Infatti, B subisce una forza applicata da A di stesso modulo e direzione ma di verso opposto rispetto alla forza d'attrito che il corpo B applica ad A. Con i riferimenti presi la forza applicata da A su B vale proprio Fa con un segno positivo apportato davanti. Tale forza è assimilabile alla reazione alla forza d'attrito che il corpo B applica su A ed è responsabile del movimento di B in sincronia con A. L'equazione lungo le ascisse di B è: Fa=M (B) a. Da tale relazione si può banalmente trovare il valore dell'accelerazione comune ai due corpi e sostituendo tale valore nell'equazione di A relativa all'asse delle ascisse ricavare anche il modulo della forza F di trazione.

67

Considerazioni finali di carattere generale

La tecnica risolutiva tipica di tali problemi consiste nel saper effettuare un'adeguata analisi del problema seguendo il seguente procedimento generale: Analisi e diagramma del corpo libero: si tracciano tutte le forze agenti su ciascun corpo in esame, considerando sia le forze esterne al sistema che le forze interne al sistema (forze di terzo principio conseguenza delle mute interazioni dei corpi in esame. Realizzazione d'un sistema di riferimento: bisogna scegliere il sistema di riferimento più comodo alle proprie esigenze, modellandolo in base al tipo di problema in esame (solo con l'esperienza si saprà riconoscere il sistema di riferimento migliore per la circostanza in esame). Degli adeguati riferimenti conferiscono una buona semplicità computazionale. Stesura delle equazioni caratteristiche del moto: bisogna realizzare un sistema di equazioni per ciascun corpo coinvolto che costituisca un bilancio delle forze interne ed esterne applicate ad esso. Il numero di equazione da scrivere è pari al numero di dimensioni spaziali del problema in esame. Ad esempio in un problema bidimensionale ci dovremmo aspettare 2 equazioni per ogni corpo, mentre in un problema monodimensionale una sola equazione. Giunti a questo punto risulterà molto facile risolvere le equazioni date ricavando ciò che il testo richiede!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercate sempre di essere il più ordinati possibile per distinguere i vari elementi del problema dato
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come verificare sperimentalmente il principio di Archimede

Archimede da Siracusa fu probabilmente il più famoso matematico, fisico ed inventore di tutta l'antichità. Egli si ricorda anche per l'invenzione degli specchi ustori che vennero adoperati durante la guerra per bruciare le vele delle navi nemiche. La...
Università e Master

Il bilancio di esercizio secondo i nuovi principi OIC

Il bilancio d'esercizio è costituito dall'insieme di documenti contabili che un'azienda redige periodicamente. Lo scopo di questi documenti aziendali è quello di perseguire il principio di verità, ovvero di definire in maniera chiara e soprattutto...
Università e Master

Come Risolvere L'Esercizio Di Reazione Di Clorurazione Del Metano

Quando si studio inevitabilmente ci si può impantanare in argomenti o materie che magari sono fin troppo ostiche o non ci vanno proprio a genio. Tra le tante materie che si possono incontrare nel proprio corso di studi, scolastico o universitario, ve...
Università e Master

Come Risolvere L'Esercizio Di Reazione Tra Etanolo Ed H2so4

Siete degli appassionati della chimica, sempre in cerca di qualche reazione da sperimentare nel vostro laboratorio o a casa vostra? Se la risposta a questa domanda è si, allora questa guida farà sicuramente al caso vostro. In questa guida, come avrete...
Università e Master

Come svolgere uno studio di funzione in 2 variabili

Quanti di noi, all'università, sono incappati in una funzione matematica a più variabili? Magari è proprio lo studio di quest'ultima che vi ha impedito di superare l'esame di Analisi Matematica 2 e siete disperati perché non riuscite in nessun modo...
Università e Master

Come scrivere l'Hamiltoniana in un esercizio di meccanica

La meccanica è una materia piuttosto amplia e complessa che richiede uno studio molto approfondito per essere appresa e messa in pratica. Esistono infatti moltissime varianti da tenere a mente quando si effettuano dei calcoli. Uno dei problemi fondamentali...
Università e Master

Come leggere un bilancio d'esercizio

In questo momento risulta piuttosto difficile trovare un'occupazione lavorativa alle dipendenze ed alcune persone cercano quindi di avviare una società personale. Anche l'apertura di un'impresa richiede uno sforzo enorme, soprattutto in termini economici....
Università e Master

Come svolgere un integrale circuitale

Per poter calcolare un integrale circuitale si devono avere dei prerequisiti fondamentali. La conoscenza degli integrali, di funzioni derivabili, di funzioni complesse, calcolo dei limiti e parametrizzazione di curve. Sono nozioni che si apprendono dalla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.