Come Sviluppare Un Disegno Di Ricerca Sperimentale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il processo di ricerca sperimentale segue una lista dettagliata di regole ben precise. Quest'ultimo può essere descritto come un percorso circolare scandito da varie tappe, al termine delle quali ci si ritrova al punto iniziale. Se si desidera seguire un lavoro scientificamente corretto è dunque obbligatorio percorrere tutte le varie fasi nella loro interezza. Vediamo quindi insieme, passo dopo passo, come procedere correttamente in ciascuna tappa per sviluppare un corretto disegno di ricerca sperimentale.

25

Come prima cosa identificate il problema del quale ci si vuole occupare. Si può scegliere fra le fonti più varie, l'importante è che ci si prefissi come obbiettivo il risolvere un problema rilevante. Successivamente delineate nel dettaglio il disegno di ricerca nel suo complesso, precisando l'oggetto da osservare, le condizioni in cui esso è posto, gli strumenti di misura per rilevare i dati, i metodi di codifica, i test statistici e via dicendo. A questo punto è ora di mettere in atto tutte le procedure stabilite precedentemente.

35

Procedete quindi raccogliendo dei dati, i quali saranno oggetto di studio approfondito per le tappe successive. Infatti, per diventare comprensibili, tali osservazioni empiriche devono obbligatoriamente essere codificate. Ciò di solito avviene in una tabella. Giunti fin qui, sarete arrivati alla fase in cui dovrete analizzare i dati precedentemente raccolti. I dati raccolti costituiscono la cosiddetta «popolazione» o «universo»: tuttavia per procedere all'analisi statistica successiva viene selezionato un solo campione di dati che sia rappresentativo per l'intera «popolazione», in quanto raccogliere l'intero «universo» dei dati è impossibile. Per questo motivo la scelta del campione rappresenta un passaggio molto importante ai fini dell'esperimento.

Continua la lettura
45

Procedete a questo punto con l'analisi statistica. Il compito del ricercatore è quello di interpretare i dati, verificando in questo modo se i risultati ottenuti danno o meno una risposta all'ipotesi di ricerca che ci si è posti all'inizio del percorso. Infine, poiché la scienza è un fatto pubblico e non privato, i risultati raggiunti devono essere comunicati con i mezzi più idonei. Questa divulgazione di dati scientifici è solitamente svolta attraverso comunicazioni orali nei convegni, in articoli appositi nelle riviste scientifiche o, in alternativa, nei libri di materia. Buon lavoro.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I dati raccolti costituiscono la cosiddetta «popolazione» o «universo»: tuttavia per procedere all'analisi statistica successiva viene selezionato un solo campione di dati che sia rappresentativo per l'intera «popolazione», in quanto raccogliere l'intero «universo» dei dati è impossibile.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Galileo e il metodo sperimentale

Da sempre l'uomo ha avuto la naturale attitudine di cercare una spiegazione ai fenomeni naturali a cui quotidianamente assisteva e in generale alla vita intorno a lui, per cercare di capirli e renderli meno estranei. Nell'antichità, quando le conoscenze...
Università e Master

Come calcolare il grado di dissociazione di un gas

Si definisce grado di dissociazione, simboleggiato dalla lettera greca α, il rapporto tra le moli di sostanza dissociata (nd) e le moli iniziali (n0) della stessa sostanza. Il grado di dissociazione è funzione della temperatura e della pressione e può...
Superiori

Come determinare la composizione percentuale di un composto chimico

La chimica è una materia piuttosto interessante ma anche molto complicata e di difficile apprendimento se non si è portati. Per impararla al meglio occorrono moltissimi anni e tanto studio, unito a della pratica costante. Ma affinché lo studio porti...
Superiori

Positivismo: appunti

La corrente filosofica del Positivismo si diffonde nella seconda metà del XIX secolo a partire dalla Francia e diviene la cultura dominante fin quasi alla fine del secolo, quando si verificherà una reazione antipositivista ad opera del Decadentismo....
Elementari e Medie

Scienze: gli strumenti dello scienziato

La scienza è lo studio di ogni cosa presente nell'universo, animata o inanimata, e gli scienziati sono gli uomini e le donne che, seguendo il metodo sperimentale, rispondono alle domande che ci siamo sempre posti su ciò che ci circonda. A seconda del...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Galileo Galilei

Galileo Galilei nacque a Pisa nel 1564 da genitori della ricca borghesia. Ricevette una prima educazione del pensiero umanistico-letterario, seguita da saltuari studi di medicina. Egli è uno dei protagonisti indiscussi della Rivoluzione Scientifica,...
Università e Master

Come scrivere le conclusioni di una tesi di Laurea

La tesi di laurea è uno dei lavori finali e conclusivi del ciclo di studi. Un lavoro a parte che a seconda del tipo di tesi e dell'argomento gli si dedica un bel po' di tempo. Al di là di quale sia l'argomento, il tipo di tesi e tutte le altre caratteristiche,...
Superiori

Come Determinare Sperimentalmente L'acidità Totale Del Vino

Il vino è una delle bevande più nobili ed eccelse della storia culinaria. La sua produzione si perde nei secoli, ma la sua qualità oggigiorno viene stabilita e garantita attraverso il rispetto di determinati parametri. Tra questi uno dei più importanti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.