Come Sviluppare Un Disegno Di Ricerca Sperimentale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il processo di ricerca sperimentale segue una lista dettagliata di regole ben precise. Quest'ultimo può essere descritto come un percorso circolare scandito da varie tappe, al termine delle quali ci si ritrova al punto iniziale. Se si desidera seguire un lavoro scientificamente corretto è dunque obbligatorio percorrere tutte le varie fasi nella loro interezza. Vediamo quindi insieme, passo dopo passo, come procedere correttamente in ciascuna tappa per sviluppare un corretto disegno di ricerca sperimentale.

25

Come prima cosa identificate il problema del quale ci si vuole occupare. Si può scegliere fra le fonti più varie, l'importante è che ci si prefissi come obbiettivo il risolvere un problema rilevante. Successivamente delineate nel dettaglio il disegno di ricerca nel suo complesso, precisando l'oggetto da osservare, le condizioni in cui esso è posto, gli strumenti di misura per rilevare i dati, i metodi di codifica, i test statistici e via dicendo. A questo punto è ora di mettere in atto tutte le procedure stabilite precedentemente.

35

Procedete quindi raccogliendo dei dati, i quali saranno oggetto di studio approfondito per le tappe successive. Infatti, per diventare comprensibili, tali osservazioni empiriche devono obbligatoriamente essere codificate. Ciò di solito avviene in una tabella. Giunti fin qui, sarete arrivati alla fase in cui dovrete analizzare i dati precedentemente raccolti. I dati raccolti costituiscono la cosiddetta «popolazione» o «universo»: tuttavia per procedere all'analisi statistica successiva viene selezionato un solo campione di dati che sia rappresentativo per l'intera «popolazione», in quanto raccogliere l'intero «universo» dei dati è impossibile. Per questo motivo la scelta del campione rappresenta un passaggio molto importante ai fini dell'esperimento.

Continua la lettura
45

Procedete a questo punto con l'analisi statistica. Il compito del ricercatore è quello di interpretare i dati, verificando in questo modo se i risultati ottenuti danno o meno una risposta all'ipotesi di ricerca che ci si è posti all'inizio del percorso. Infine, poiché la scienza è un fatto pubblico e non privato, i risultati raggiunti devono essere comunicati con i mezzi più idonei. Questa divulgazione di dati scientifici è solitamente svolta attraverso comunicazioni orali nei convegni, in articoli appositi nelle riviste scientifiche o, in alternativa, nei libri di materia. Buon lavoro.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I dati raccolti costituiscono la cosiddetta «popolazione» o «universo»: tuttavia per procedere all'analisi statistica successiva viene selezionato un solo campione di dati che sia rappresentativo per l'intera «popolazione», in quanto raccogliere l'intero «universo» dei dati è impossibile.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Cos'è un centro di ricerca e come farne parte

Il centro di ricerca non è altro che un ente istituzionale, nella maggioranza dei casi universitario, che da la possibilità mediante selezione, di far entrare ogni anno nuovi ricercatori che si vogliono incamminare in questo percorso lavorativo. L'acquisizione...
Università e Master

Come sviluppare un sistema di scommesse

Prima di scoprire come sviluppare un sistema di scommesse, bisogna innanzitutto sapere di cosa si tratta. Stiamo parlando di una forma di scommessa, nata per mettere in gioco una lunga serie di combinazioni. Il suo scopo conclusivo è quello di fare in...
Università e Master

Come fare una ricerca bibliografica per la tesi

Numerosi sono gli studenti che decidono di intraprendere la carriera universitaria subito dopo il conseguimento del diploma, sebbene ciò comporta moltissimo impegno e pazienza. Infiniti parono gli esami ed i vari tirocini. Ma nulla è lungo ed estenuante...
Università e Master

5 consigli per affrontare un dottorato di ricerca

Vi state chiedendo cosa sia un dottorato di ricerca? In poche e semplici parole, il Dottorato di Ricerca è un titolo di studio prestigioso e importante, che si ottiene in seguito ad un corso di tre anni il quale punta principalmente a fornire ai futuri...
Università e Master

Guida alla ricerca bibliografica Online

Il web rappresenta un'enorme risorsa di informazioni pressoché su qualsiasi tema che si voglia trattare. Ma quando si cerca qualcosa di particolare o con validità scientifica, la ricerca e la selezione di quanto trovato si fa sicuramente più difficile....
Università e Master

Guida al dottorato di ricerca

Il dottorato di ricerca è il più importante titolo di istruzione universitaria ottenibile. In lingua inglese esso viene dominato PhD o Ph. D. (abbreviazione della locuzione latina Philosophiae Doctor). La partecipazione ad un dottorato di ricerca avviene...
Università e Master

Come accedere a un dottorato di ricerca

Il dottorato di ricerca è un livello di formazione universitaria molto avanzato. L'obiettivo è solitamente formare individui dall'elevato livello di preparazione, anche post universitario. Tramite questa eccellenza, lo studente avrà un più agevole...
Università e Master

Dottorato di ricerca: cos'è e come conseguirlo

L'insegnamento a livello universitario o il lavoro nell'ambito del mondo della ricerca richieda un alto grado di istruzione e specializzazione in un ambito specifico. Per questo motivo esistono percorsi di formazione post laurea, come il dottorato, che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.