Come studiare la convergenza di un integrale improprio

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La guida che presentiamo di seguito è rivolta ai ragazzi delle scuole superiori ma anche a chi frequenta il primo anno di università in quanto l'argomento che si andrà a trattare sono gli integrali impropri. Le conoscenze richieste sono minime dal momento che è necessario saper risolvere gli integrali di Riemann, conoscere le funzioni in modo generico e padroneggiare correttamente le abilità di calcolo infinitesimale cioè i limiti (destri e sinistri); tutti argomenti ampiamente trattati già nella scuola superiore.
La sintassi utilizzata sarà quindi di tipo matematico dove il simbolo ^ rappresenta il pedice , lim rappresenta il limite, int l'integrale ed infine _ rappresenta il pedice. Quindi una scrittura del tipo int_0 ^3 x^2 si legge 'l'integrale tra 0 e 3 di x al quadrato', mentre lim_(x -> 0) x si legge 'il limite per x che tende a 0 di x'. Vediamo quindi, passo passo, come studiare la convergenza di un integrale improprio.

27

Occorrente

  • Conosenze di base in ambito matematico
37

La formula indicata nell'immagine allegata al presente passo rappresenta l'integrale tra a e b della funzione f (x). È una scrittura nota a molte persone che si avvicinano per la prima volta allo studio degli integrali; f (x) è una funzione cioè una formula dipendente da x come ad esempio f (x)=cos (x)+e^x+1.
La definizione Sia f (x) una funzione definita nell'intervallo (a, b) tale che esista, per ogni c appartenente all'intervallo, l'integrale F (x) nella formula (2).
Si supponga inoltre che il limite rappresentato in figura 3) esista e sia finito. Allora diremo che f (x) è integrabile in senso improprio nell'intervallo (a, b) e lo definiremo tramite la formula nr. 3.
Se, inoltre, il punto critico si trova al centro dell'intervallo possiamo utilizzare la nota proprietà dissociativa degli integrali che ci permette di dividere un integrale nella somma di due integrali come osservato nella quinta formula.

47

Inutile dire che la definizione precedente si applica anche al caso in cui il punto critico sia un infinito quindi anche nel caso in cui l'intervallo non sia limitato. Possiamo fare un esempio considerando l'integrale (6) in figura. Il risultato dipende dal valore che diamo al parametro r. Quando r è diverso da 1 il risultato è (7) in figura altrimenti è il logaritmo di c.
Osservando la soluzione nr. 7 notiamo che essa va distinta in due casi specifici a seconda del valore da dare all'esponente di c in quanto svolgendo il limite si possono avere due risultati a seconda che si abbia rispettivamente r > 1 oppure r <= 1.

Continua la lettura
57

La cosa che bisogna capire studiando matematica è che lo studio della convergenza di un integrale significa in prima istanza stabilire l'esistenza di una primitiva per integrali impropri anche se essa è difficile da calcolare esplicitamente.
Ci vengono in aiuto quindi degli importanti teoremi. Il primo è chiamato criterio del confronto.
Teorema Siano f (x) e g (x) due funzioni definite in nell'intervallo [a, +infinito). Supponiamo che esista un numero x_0 per cui valga 0 <= f (x) <= g (x) per ogni x > x_0.
Allora se g (x) è integrabile, nell'intervallo considerato, lo è anche f (x).
Purtroppo questo criterio è applicabile solo per f (x) non negative infatti in questo caso la primitiva F (c) sarà crescente ed esisterà il limite rappresentato in figura (10)

.

67

I teoremi che abbiamo incontrato nei punti precedenti riguardavano funzioni dello stesso segno, cioè non negative nell'intervallo considerato, ma come dovremo comportarci nel caso di funzioni con segni alterni resta un quesito assai dibattuto. In tutti questi casi, pertanto, ci viene in aiuto il
Teorema Sia f (x) una funzione definita in [a,+infinito); se la funzione |f (x)| è integrabile nell'intervallo considerato allora lo è anche la funzione f (x) e vale la disequazione (13) in figura
da cui discende immediatamente l'analogo del corollario precedente esteso alle funzioni a segno alterno.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non dimenticate che i teoremi per i segni alterni sono una condizione sufficiente, ma non necessaria. Ovvero f(x) può essere integrabile mentre |f(x)| non lo è !

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare l'ascissa di convergenza

Se stai leggendo questo articolo significa che probabilmente hai bisogno di determinare l'ascissa di convergenza per risolvere un problema matematico. Per calcolare il suo valore è però necessario fare un passo indietro, partendo dalla definizione di...
Superiori

Come calcolare il codominio di una funzione integrale

La matematica si sa, è una materia che preoccupa la maggior parte delle persone. Chi la ama e chi la odia; essa è certezza e mai dubbio, dunque se qualcosa non la si sa fare, o se sbagliamo un numero, sbaglieremo tutto il procedimento successivo ed...
Superiori

Matematica: appunti sugli integrali definiti

C'è chi è del parere che la matematica è una materia scientifica che supporta le altre scienze e offre strumenti per comprenderle al meglio. Sostenitore di questa tesi, Galileo Galilei afferma che il libro della natura è scritto nel linguaggio della...
Superiori

Calcolo degli integrali definiti e indefiniti

Nell'analisi matematica, l'integrale è l'operatore che, nel caso di una funzione con una sola variabile, associa alla funzione stessa l'area in un grafico con un dato intervallo all'interno del dominio (a, b). All'interno di questa guida vi insegneremo...
Superiori

Come risolvere un integrale curvilineo

Nell'analisi matematica, uno degli argomenti forse più ostici agli studenti è quello del calcolo integrale. Sugli integrali esistono molteplici trattazioni e di essi ne esistono di diverse tipologie. Molti sono i teoremi che facilitano e permettono...
Superiori

Integrali secondo Riemann: definizione e calcolo

Ecco una guida sugli integra secondo Riemann. Nel ramo dell'analisi matematica il primo contributo rigoroso rispetto alla definizione di integrale di una funzione su un intervallo fu dato da Bernard Riemann, studioso fisico e matematico tedesco, vissuto...
Università e Master

Teorema di Fubini: dimostrazione

Nell'ambito della materia matematica si applicano tanti teoremi. Uno dei principali è il cosiddetto Teorema di Fubini che come al solito prende il nome dallo studioso matematico che lo ha inventato. Si tratta di Guido Fubini, il quale riuscì a fare...
Superiori

Come calcolare l'integrale definito

In questa guida vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, a capire come poter calcolare, nel migliore dei modi ed in maniera semplice e veloce, l'integrale definito, in modo tale da poter sapere quando farlo.L'integrale è uno degli operatori matematici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.