Come stimare il costo del capitale

Tramite: O2O 05/04/2018
Difficoltà: media
16
Introduzione

Il costo del capitale è il costo combinato del debito e del capitale netto che una società ha acquisito per finanziare le sue operazioni. È importante, perché le decisioni di investimento di una società relative a nuove operazioni dovrebbero sempre portare ad un rendimento superiore al costo del capitale, in caso contrario, la società non sta generando un rendimento per i suoi investitori. Ecco dunque come stimare il costo del capitale.

26

Il costo del capitale

Il costo del capitale è composto dai costi di debito, dalle azioni privilegiate e dalle azioni ordinarie. La formula per il costo del capitale è composta dai calcoli separati per tutte e tre di queste voci, che devono quindi essere combinate per ricavare il costo totale del capitale su base media ponderata. Per ricavare il costo del debito, moltiplicare gli interessi passivi associati al debito per l'inverso della percentuale del tax rate e dividere il risultato per l'ammontare del debito in essere. L'ammontare del debito in circolazione utilizzato nel denominatore dovrebbe includere eventuali commissioni transazionali associate all'acquisizione del debito, nonché eventuali premi o sconti sulla vendita del debito. Queste commissioni, premi o sconti dovrebbero essere ammortizzati gradualmente durante la vita del debito, in modo tale che l'ammontare incluso nel denominatore diminuirà nel tempo. La formula per il costo del debito è la seguente:
Interesse spese x (1 - aliquota fiscale) ÷ Importo del debito - Spese di acquisizione del debito + Premio sul debito - Sconti sul debito.

36

Il costo delle azioni privilegiate

Il costo delle azioni privilegiate è un calcolo più semplice, dal momento che i pagamenti degli interessi effettuati su questa forma di finanziamento non sono deducibili dalle tasse. La formula è la seguente: Interessi spese ÷ Quantità di azioni privilegiate. Il calcolo del costo delle azioni ordinarie richiede un diverso tipo di calcolo. È composto da tre tipi di rendimento: un rendimento privo di rischio, un tasso medio di rendimento atteso da un tipico gruppo di azioni su base ampia e un rendimento differenziale basato sul rischio dello stock specifico, rispetto al più ampio gruppo di titoli. Il tasso di rendimento privo di rischio deriva dal rendimento di una sicurezza governativa. Il tasso medio di rendimento può essere derivato da qualsiasi grande gruppo di azioni.

Continua la lettura
46

Il rendimento relativo

Il rendimento relativo al rischio è chiamato beta di un titolo; è regolarmente calcolato e pubblicato da diversi servizi di investimento per società quotate in borsa. Un valore beta inferiore a uno, indica un livello di rischio tasso di rendimento inferiore alla media, mentre un beta maggiore di uno indica un aumento del rischio nel tasso di rendimento. Dati questi componenti, la formula per il costo delle azioni ordinarie è la seguente: Rendimento senza rischi + (Beta x (rendimento medio delle azioni - rendimento privo di rischio)). Una volta che tutti questi calcoli sono stati fatti, devono essere combinati su una base ponderata per ricavare il costo del capitale miscelato per una società. Facciamo questo moltiplicando il costo di ogni articolo per l'importo del finanziamento in essere ad esso associato.

56
Guarda il video
66
Consigli
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come registrare una fattura in partita doppia

Il metodo della Partita Doppia è utilizzato nella contabilità delle aziende di tutto il mondo per tenere traccia di ogni variazione finanziaria ed economica utile a calcolare il reddito di un determinato periodo amministrativo. Ogni operazione da luogo...
Superiori

Come calcolare l'errore massimo in fisica

La Fisica, in quanto scienza sperimentale, comporta sempre un errore in ogni misurazione. La branca della fisica che si occupa della problematiche connesse alla misurazione delle grandezze fisiche è la Metrologia, una disciplina antica che si diffuse...
Superiori

Come calcolare le rendite

Le rendite dal punto di vista economico sono definite come un insieme finito, o infinito di pagamenti che un individuo, o un gruppo di individui ha il diritto di ricevere, o ha l' obbligo di versare. Prima di vedere come calcolare una rendita però è...
Superiori

Appunti di storia: la destra storica

Alla morte di Camillo Benso Conte di Cavour, il 6 Giugno 1861, la classe dirigente era costituita dalla destra storica, formatasi come schieramento politico già nel 1849. Si trattava dell'insieme degli eredi di Cavour, chiamati così perché sedevano...
Superiori

Storia: l'Impero bizantino

Il nome di Impero bizantino nasce dalla sua capitale Bisanzio (Costantinopoli) ed è il nome che viene attribuito all'Impero romano d'oriente, dopo la caduta dell'Impero d'occidente nel 476 d. C.. La sua storia non viene spesso degnamente analizzata ed...
Superiori

Come calcolare la frequenza relativa

Nelle statistiche, a volte pochi numeri nei dati dati sono ripetuti un paio di volte. Questa ripetizione di un numero particolare è chiamata la frequenza. La frequenza di un oggetto rappresenta il numero di volte in cui quell'elemento appare nei dati....
Superiori

Storia: la Breccia di Porta Pia

Nel 1860, l'attuale Capitale d'Italia non apparteneva alla Penisola Italiana. A quei tempi Roma faceva parte del regno pontificio. Il territorio romano diventò una città italiana il 20 Settembre 1870, grazie ad un gruppo ben fornito di Bersaglieri e...
Superiori

Storia: il Congresso di Berlino del 1878

Il Congresso di Berlino è stato un evento storico che si tenne nel periodo compreso tra il 13 giugno e il 13 luglio dell'anno 1878 nella capitale della Germania e fu accettato dalla nazione austriaca ed anche dalle altre potenze d'Europa, allo scopo...