Come stabilire la direzione dei venti

Tramite: O2O 11/01/2021
Difficoltà: media
110

Introduzione

Il vento è un movimento dell'aria essenzialmente creato dalla salita di aria calda e dalla discesa dell'aria fredda. In particolare, a causa del calore del sole, la terra viene riscaldata più rapidamente rispetto all'acqua. L'aria che si trova immediatamente sopra la terra diventa più calda e sale, creando una zona di bassa pressione. Quando l'aria continua a salire, si raffredda ed infine crea una zona di alta pressione, spostandosi nuovamente verso la terra. Questo movimento da una zona all'altra, che è conseguenza delle differenze tra temperatura e pressione, è ciò che da origine al vento. A questo proposito, vediamo riportati qui di seguito alcuni brevi passi che vi aiuteranno a capire come stabilire la direzione dei venti.

210

Occorrente

  • Anemometro
  • Polistirolo
  • Panno resistente
310

Analizzate la Rosa dei Venti

Innanzitutto bisogna ricordare quali sono i venti più importanti. La Rosa dei Venti li rappresentano. Esistono varie rose dei venti, quella a quattro punte, ad otto, a sedici e a trentadue. Non parlerermo della rosa dei venti e del suo funzionamento, ma è utile sapere che i quattro venti principali sono rappresentati in quella a quattro punte. Si tratta della Tramontana, del Levante, del Mezzogiorno e del Ponente. Il primo vento soffia a nord, il secondo ad est, il terzo a sud e l'ultimo (fra i più importanti) ad ovest.

410

Fissate un panno ad un palo

Il primo metodo che si può utilizzare è quello del panno da fissare ad un palo. Occorre avere una striscia di panno pesante e resistente, capace di bloccare il vento. Quest'ultima dovrà essere appesa ad un 'asta metallica, ad un palo o ad un' antenna parabolica ad un'altezza elevata e in un luogo che non sia eccessivamente circondato da alberi che possano bloccare il vento. È assolutamente necessario che il panno sia resistente, ma flessibile. In questo modo, grazie anche all'altezza in cui è posizionato, può catturare il vento, facendoci capire in che direzione spira. Quando la stoffa viene colpita dal vento, questa sventolerà nella direzione opposta.

Continua la lettura
510

Misurate con l'anemometro

Se invece volete scegliere un metodo molto più scientifico e volete avventurarvi con gli strumenti più professionali, esiste l'anemometro, in grado di misurare anche la velocità e la pressione del vento. Il suo utilizzo è certamente più complesso, riguardo a quello del panno. In questo caso entrano in gioco fattori come la velocità e la pressione, che vi sapranno fornire delle utili indicazioni riguardo alla velocità e soprattutto alla direzione dei venti.

610

Fate cadere del polistirolo da un piano

Se invece volete continuare ad utilizzare dei metodi più veloci e "spartani", ma che comunque sono in grado di fornire in modo egualmente esaustivo questo dato, si possono utilizzare dei pezzetti di polistirolo. Come utilizzarlo per valutare la direzione del vento? In questo caso basterà farli cadere da un piano, ad altezza abbastanza elevata (ovviamente in un luogo esterno, per esempio una terrazza). In questo modo conoscerete esattamente la direzione nella quale viaggerà il vento.

710

Inumidite il dito con l'acqua

Un'altra modalità è quella di inumidire il dito. Occorrerà intingerlo nell'acqua per bagnarlo a dovere. Bisognerà poi tenerlo in alto, lontano dal corpo. Ll lato del dito che si raffredda sarà dunque quello rivolto verso il punto dal quale soffia il vento. Se decidete di inumidire il dito mettendolo in bocca (metodo molto utile nel caso in cui non vi fosse acqua nei paraggi), verificate però che sia umido su tutti i lati, prima di procedere alla misurazione della direzione del vento.

810

Osservate le increspature dell'acqua

Infine, sarà anche possibile osservare le increspature. Guardate uno specchio d'acqua scura e prendete nota delle piccole increspature che si formano lungo la superficie. Queste deformità sono determinate dal vento che spinge l'acqua, rompendone la superficie. Stanno dunque ad indicare l'esatta direzione verso cui, in quel momento, si sta spostando la corrente d'aria.

910

Guarda il video

1010

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per valutare in modo adeguato la corretta direzione del vento, effettuate la misurazione in un luogo aperto ed ampio
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come verificare la divisione con la prova del nove

La prova del nove viene utilizzata in matematica per controllare l'esattezza del risultato della moltiplicazione e della divisione. Nel caso di divisione con il resto, il procedimento presenta qualche piccola variante. Questa semplicissima e pratica guida...
Elementari e Medie

Come confrontare le frazioni

Sono due le parti numeriche che compongono una frazione: il numeratore, che è il numero che sta sopra la barra centrale, ed il denominatore, che invece è il numero che ne sta al di sotto. Quando dobbiamo confrontare due frazioni, significa che dobbiamo...
Elementari e Medie

Come integrare alunni stranieri

Nel corso degli ultimi venti anni, si può notare un vero e proprio cambiamento nelle classi delle scuole, dovuto all'aumento dell'immigrazione. Attualmente, si registra un maggior numero di studenti stranieri e ciò comporta una maggiore considerazione...
Elementari e Medie

Come disegnare una cartina dell'Italia

Se intendiamo disegnare una cartina geografica ed in particolare quella dell'Italia, prima di iniziare, è tuttavia necessario decidere quanto deve essere grande. Per disegnarla è quindi importante stabilire la scala, rispetto alla dimensione totale...
Elementari e Medie

Come costruire un icosaedro

Il mondo della geometria, al quale ci approcciamo dalla scuola media, ci offre una vasta gamma di figure molto interessanti da studiare. Il bello della geometria solida è che possiamo costruire qualunque figura con un semplice cartoncino colorato. Tra...
Elementari e Medie

Come Fare Un Protocollo Osservativo

All'interno della guida andremo a parlare di protocollo osservativo. Più specificatamente, come avrete già potuto capire dalla lettura del titolo, ora andremo a spiegarvi i passaggi per comprendere Come Fare Un Protocollo Osservativo.Il protocollo osservativo...
Elementari e Medie

La proprietà commutativa della moltiplicazione

In questa guida pratica e semplicissima che stiamo per proporre, vogliamo proporre il metodo per impare meglio la proprietà commutativa della moltiplicazione. In parole povere, non importa in che modo vengono ordinati i numeri da moltiplicare, il risultato...
Elementari e Medie

3 esperimenti sull'aria

Gli esperimenti, piccoli o grandi che siano, servono a far capire il funzionamento di molti grandi apparecchi. Infatti, gli stessi principi che mantengono gli aerei nel cielo e che hanno portato al progresso della civiltà umana, si possono applicare...