Come stabilire il rango di una matrice

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tutti gli studenti si sono trovati a far i conti con l'algebra, durante la propria carriera scolastica. Tra gli argomenti più critici che possono mettere in imbarazzo ed anche in difficoltà seria gli studenti maggiormente preparati, ci sono le matrici. In questo articolo vi indicheremo come fare per stabilire il rango di una matrice. Essa è una delle molte operazioni che si svolgono sulle matrici, però essenziale per portarne avanti lo studio. Questo articolo ha una propedeuticità, cioè quello che è richiesto è la capacita di saper calcolare il determinante della stessa, fondamentale elemento per poter continuare nell'operazione stabilendone il rango. Per farvi meglio comprendere come è il funzionamento del procedimento che vi andremo a mostrare: vi andremo a presentare in seguito due esempi basilari: quello di una mantice 3x3, e quello di una matrice 3x4. Buona lettura e buono studio!

26

Occorrente

  • carta e penna
36

Più precisamente vi andremo a spiegare come riuscire a stabilire il rango, sia se avete una matrice di forma rettangolare, sia in caso di matrice quadrata. Il rango forma il massimo numero di righe oppure di colonne linearmente indipendenti all'interno di una matrice. Essa potrà perciò essere al massimo pari al minore tra "r" e "c", (che saranno il numero di righe indicato con "r", e quello di colonne, indicato con "c").
Se il determinante di una matrice quadrata M 3x3 è diverso da 0, questo significa che c'è indipendenza lineare nella matrice, perciò rg M =3. Se il determinante invece è diverso da 0, sicuramente rg M<3. Proseguiamo nella spiegazione.

46

Stabilire il rango non è un'operazione difficile, e per arrivare a questo basterà prendere una matrice 2x2, internamente della nostra matrice "M", che abbia determinante diverso da 0, stabilendo in questo modo che rg M=2.

Sostanzialmente, il rango corrisponde all'ordine massimo della matrice, dove il determinante dovrà essere diverso da 0.
Se tra tutte le combinazioni possibili di matrici minori 2x2, non c'è n'è nemmeno una con determinante diverso da 0, ciò significa che rg M=1 (che è il minimo valore che il rango di una matrice qualsiasi potrà assumere).

Continua la lettura
56

Quando si ha a che fare con matrici non quadrate, il lavoro diventa un po' difficoltoso, in quanto in tal caso ad esempio di una matrice N 4x3, dovrete prendere tutte le combinazioni possibili di matrici quadrate 3x3 internamente della nostra matrice "N", verificandone che almeno uno dei loro determinanti sia diverso da 0, stabilendo infine se il rg N=3. Potrete usare altrimenti il teorema degli orlati, che permette di ridurre di tanto i calcoli e la complessità dell'esercizio.

66

Sarà sufficiente trovare internamente la matrice "N" una matrice 2x2, (prendendo anche due elementi sulla prima riga e due sull'ultima, ad esempio, basta che si trovino sulle stesse colonne oppure viceversa, con "det" diverso da 0. In seguito, dovrete trovare gli orlati, cioè le due matrici 3x3 che fanno da "contorno " alla matrice 2x2 (se si prendono le prime due righe e due colonne di N, il primo orlato sarà formato dalla 2x2 con l'aggiunta dell'ultima riga e della terza colonna, mentre il secondo orlato avrà la matrice 2x2, come l'ultima riga e della quarta colonna). Se una dei due orlati avrà determinante diverso da 0, ciò vuol dire che la matrice "N" ha rg 3, altrimenti avrà rg 2. Buon lavoro!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il rango determinante

Il rango di una matrice è il massimo numero delle righe (o delle colonne) linearmente indipendenti, ovvero la dimensione del sottospazio generato dalle righe (o dalle colonne) della matrice stessa. Il rango è una nozione indispensabile in quanto ci...
Superiori

Come mettere una matrice in fForma di Jordan

La forma canonica di Jordan è un caso generalizzato della diagonalizzazione di una matrice, processo che ricordiamo è possibile effettuare solo se esiste una base dello spazio rispetto alla quale la matrice di trasformazione è diagonale. Mettere una...
Superiori

Come Fare Una Matrice Inversa

La matrice è una tabella che serve per rappresentare degli oggetti o elementi sia in matematica che in scienze, i cui valori dipendono da due parametri fissi. In questo caso parleremo delle matrici inverse, che vengono utilizzate per risolvere i sistemi...
Superiori

Come calcolare il polinomio minimo di una matrice

Il polinomio minimo di una matrice viene utilizzato in algebra lineare e serve per determinare la diagonalizzabilità e la forma canonica di Jordan della trasformazione o matrice. La definizione può in un primo momento far presagire che questo sia...
Superiori

Come risolvere un sistema con la matrice inversa

Una matrice, non è altro che una tabella ordinata di elementi. Questa "tabella" è molto utilizzata nella matematica ed in particolare nell'algebra lineare, perché ci permette di rappresentare molti oggetti matematici come i sistemi lineari. Un sistema...
Superiori

Come elevare una matrice al quadrato

Fin dall'antichità la matematica è sempre stata considerata il miglior strumento per lo studio scientifico da parte dell'uomo. Essa infatti, se studiata correttamente, permette di eseguire con estrema facilità tutti i calcoli necessari alla vita di...
Superiori

Come utilizzare il metodo della matrice per trovare una funzione quadratica

Chiunque parli di scuola e riviva quei momenti ricorda con amarezza quelle lunghe e interminabili ore di matematica. Non importa se il professore sia simpatico, severo, giovane o di vecchio stampo, la matematica rimane sempre un opinione! Sono molti gli...
Superiori

Come calcolare la norma di una matrice

Il concetto di norma, nella maggior parte dei casi, si associa ai vettori, ed associa ad ognuno di essi, fatta eccezione per quelli nulli, una lunghezza positiva; ma bisogna sapere che esso si estende anche alle matrici, cioè alle tabelle ordinate di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.