Come spiegare le sottrazioni in colonna

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

A partire dalla scuola primaria i bambini iniziano ad imparare ad eseguire le sottrazioni in colonna. Non è esattamente un procedimento semplice da spiegare ai più piccoli: mentre è facile capire come si fa ad aggiungere ad una certa quantità un'altra, toglierla diventa più complicato. Il tutto si complica quando si deve ricorrere al prestito dalla cifra che indica l'unità di misura superiore. Vediamo allora di spiegare nel modo più semplice possibile le sottrazioni in colonna e come eseguirle.

28

Occorrente

  • Carta e penna
  • Un buon libro di matematica per la scuola primaria
  • Oggetti per il calcolo semplificato (regoli, abaco ecc...)
38

Lavorare con numeri naturali

Prima di tutto è bene precisare che stiamo lavorando con i numeri naturali. Specifichiamo inoltre che nel campo dei numeri naturali non è mai possibile sottrarre una quantità maggiore di quella che abbiamo in partenza. Eseguire una sottrazione significa calcolare quante unità ci rimangono togliendo da un insieme iniziale, detto "minuendo", un suo sottoinsieme, il "sottraendo". Procediamo con un esempio pratico, sicuramente di più facile comprensione.

48

I dati del problema

Poniamo il caso di due amici, Paolo e Giorgio. Il primo possiede 10 caramelle, custodite all'interno della tasca dei pantaloni. Il secondo non ne ha nessuna. Paolo cede a Giorgio 3 caramelle, perché non vuole che l'amico rimanga senza dolcetti. Quante caramelle rimangono a Paolo? Con il metodo insiemistico disegnate un insieme (rappresentato con una linea curva chiusa) dentro il quale ponete 10 caramelle. A questo punto rappresentate un altro insieme, in parte contenuto nel primo e contenente 3 caramelle, ovvero quelle regalate da Paolo a Giorgio. Utilizzando i numeri la sottrazione assume questa forma: 10 caramelle - 3 caramelle. Calcolando il risultato, otterrete quante caramelle sono rimaste a Paolo. Procediamo.

Continua la lettura
58

La spiegazione del esercizio

Consideriamo la prima sottrazione (10 - 3 = ?). Si tratta di una scrittura dotata di senso, poiché il minuendo è maggiore del sottraendo, anche se qui sorge un'altra difficoltà. Le unità della seconda cifra, infatti, sono maggiori di quelle del primo. Conoscendo però che 1 decina = 10 unità, dalle 10 caramelle toglietene 3. Rimangono quindi 7 caramelle, equivalenti a 7 unità. In sostanza 10 - 3 = 7. Di conseguenza, il numero di caramelle rimaste a Paolo nel primo problema equivale a 7. Se volete essere sicuri che la sottrazione svolta sia esatta, procedete con la prova. Sommate al resto il sottraendo. Se 10 - 3 = 7, verificate il risultato di 7 + 3. Calcolando la somma si ottiene 10, pari al minuendo iniziale. Avete eseguito un sottrazione perfetta e la prova ne è la certezza. Abbiamo terminato la nostra guida su come spiegare le sottrazioni in colonna. Per ulteriori informazioni consultate il link: http://www.youmath.it/scuola-primaria/matematica-scuola-primaria/prima-elementare/1902-sottrazione-in-colonna.html

68

Breve storia

Il metodo di sottrazione che comunemente si chiama "prendere in prestito" o decomposizione sembra nascere negli anni 1200. In L'arte di Nombrynge di John of Hollywood (Sacrobosco) la sottrazione fu insegnata "in tutto come il metodo di oggi," prestito "e tutto". [E. R. Slide da "The Craft of Nombrynge, insegnante di matematica, ottobre 1939." Robert Recorde usa il termine "The Ground of Arts" (1543) e Denniss e Smith (Robert Recorde, la vita e Times of a Tudor Mathematician) o termine come "un termine che aveva già guadagnato qualche valuta". La parola "prestito" non può essere stata comunemente utilizzata fino al 1600 come la prima quotazione nell'OED associata alla sottrazione è "[1594 BLUNDEVIL Exerc. I. (Ed. 7) 91] prendete 6 dal nulla, che non sarà possibile, per cui devi prendere in prestito 60. "L'indebitamento di 60 suggerisce che l'esercizio possa essere stato di tempo. Ecco un collegamento con un'immagine di una pagina Dalla Aritmetica di John Ayres nel 1695 in cui la parola prestito viene usata in sottrazione, anche se il metodo è più simile a quello che Ross e Pratt-Cotter (in basso) chiamano il metodo "uguale di aggiunte".

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nelle esercitazioni provate ad eseguire prima i calcoli più semplici, dopodiché procedere con quelli più complicati.
  • Se i bambini mostrano difficoltà nell'apprendimento, fatevi aiutare da un buon libro di matematica per la scuola primaria.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come effettuare divisioni attraverso sottrazioni successive

Alcuni concetti matematici per molti di noi sono difficili da comprendere. Di fatto non possiamo negarlo, bisogna essere predisposti geneticamente per comprendere determinate nozioni. Le operazioni matematiche possono essere risolte in tanti modi e con...
Superiori

Come Dividere Due Numeri In Base 2

Se hai problemi con la matematica e le divisioni sono il tuo tormento, questo breve articolo è quello che fa per te. In pochi e semplici passi vedremo come dividere due numeri in base 2. La CPU di un normale personal computer non ha bisogno di eseguire...
Elementari e Medie

Come Fare La Prova Del 9 Nella Sottrazione

La prova del nove è un test di controllo semplice ma non sempre esatto, per verificare il risultato di una operazione aritmetica. Viene insegnata nella scuola elementare per verificare la moltiplicazione tra due numeri, ma può essere usata anche per...
Superiori

Come Effettuare Una Sottrazione Tra 2 Polinomi

In matematica, si definisce con il termine "polinomio" una somma algebrica formata da più monomi. Acquisire una buona capacità per operare con i polinomi non è particolarmente difficile. Basta semplicemente un minimo di buona volontà, conoscere abbastanza...
Superiori

Come risolvere un'espressione letterale contenente addizioni, sottrazioni e moltiplicazioni

Nella quotidianità molte volte si è alle prese con operazioni e calcoli che risultano essenziali per operare in qualsiasi ambito della società. Tra le operazioni che possono capitare di dover svolgere ci sono quelle letterali contenenti addizioni,...
Superiori

Come eseguire la sottrazione tra frazioni

Per chi è un po' arrugginito con la matematica, questa guida spiegherà meglio come si fanno le operazioni tra le frazioni. In particolare ci soffermeremo sulla sottrazione tra due frazioni. La frazione è composta da due numeri che rappresentano le...
Superiori

Come eseguire una sottrazione in binario

Noi tutti sappiamo sicuramente eseguire una sottrazione tra due numeri del sistema decimale: si tratta di un'operazione davvero elementare. Ma se invece di parlare di numeri decimali parliamo di numeri appartenenti al sistema binario? Come si esegue una...
Superiori

Come Risolvere Una Sottrazione Tra Monomi

In matematica un monomio è un'espressione letterale che è caratterizzata (contrariamente a quanto avviene per i polinomi) dal fatto che non contiene al suo interno nessuna tipologia di operazione. Questa situazione cambia quando si hanno 2 o più monomi;...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.