Come spiegare le addizioni in colonna

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

La matematica sarà il tema centrale della guida che seguirà. Una matematica elementare, in quanto proveremo a spiegare ai bambini come fare le addizioni in colonna. La procedura, come sappiamo, è davvero molto semplice, ma va compresa immediatamente, in quanto nella matematica, il problema è non perdere nessun passaggio, in quanto le lacune create nel tempo si subiscono successivamente andando a trattare argomenti più complessi.

24

L'addizione

Per poter riuscire a far comprendere ai bambini il procedimento che c'è dietro la risoluzione delle addizioni in colonna, serve spiegare in maniera semplice, servendosi spesso di esempi che possano creare un collegamento con il "mondo reale". Questo collegamento, semplificherà subito il ragionamento del bambino nell'arrivare all'applicazione del procedimento. È consigliabile avvalersi di un abaco e di pennarelli colorati. L'addizione è quell'operazione che comporta l'aggiunta di un numero ad un altro. È bene iniziare ad insegnare i simboli matematici, ponendo particolare attenzione al segno +, vale a dire il simbolo dell'operazione dell'addizione e il segno =, che indicherà il risultato. Le cifre da sommare, invece, si definiscono addendi e il risultato finale si definisce somma.

34

La somma

Per una risoluzione più facile e veloce delle addizioni, porre l'operazione in colonna è la tecnica migliore per riuscire a semplificare il tutto. Inizierei disponendo gli addendi, nelle differenti righe, stando ben attenti a distinguere tra gli addendi che rappresentano le unità, e gli addendi che rappresentano le decine, e così via. Una volta posti i numeri in colonna, si addizionano le cifre, partendo da quelle da destra fino ad arrivare alle cifre di sinistra, seguendo ciascun numero la propria colonna. La somma dovrà essere riportata al di sotto della linea, nello spazio dedicato al risultato. Ad esempio: 31 + 33 = 64. Si calcoleranno prima le unità, ovvero 1 + 3 che darà come risultato 4. Successivamente le decine, ossia 3 + 3 il cui esito sarà 6. È utile, ai fini dell'apprendimento, evidenziare con un colore diverso unità, decine, centinaia e risultato.

Continua la lettura
44

Il riporto

Qualora in un'operazione, la risoluzione dovesse portare a una somma di due o più numeri che raggiungano o superino la decina, allora, si dovrà aggiungere un nuovo strumento per la comprensione dei bambini: il riporto. Il riporto, semplicemente, consiste nel segnare, nella riga del risultato, esclusivamente l'unità relativa al risultato ottenuto, mentre la decina dovrà essere riportata sopra la colonna delle decine. In seguito, nel calcolo delle decine, andrà aggiunto anche il riporto segnato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come fare le addizioni sull'abaco

I bambini, nella prima classe della scuola primaria, quando iniziano ad eseguire le prime addizioni di matematica sono soliti servirsi della linea dei numeri o dell'abaco. Quest'ultimo strumento viene rappresentato sui quaderni a quadrettoni attraverso...
Elementari e Medie

Come fare le addizioni con l'abaco

L'abaco è uno dei primi strumenti che avvicina il bambino al mondo della matematica, utilizzato nelle scuole primarie, per imparare divertendosi. Può assumere svariate forme (orizzontale o verticale) e materiali (di legno, di plastica, ma anche più...
Elementari e Medie

Come fare le addizioni con i regoli

I regoli sono uno strumento molto importante e molto utile che viene utilizzato alle scuole elementari per insegnare ai bambini come effettuare le prime operazioni. Sono sostanzialmente dei piccoli parallelepipedi suddivisi all'interno di una scatola...
Elementari e Medie

Come svolgere l'addizione in colonna

Generalmente, quando dobbiamo eseguire delle semplici operazioni matematiche, tendiamo ad utilizzare la calcolatrice, in modo da riuscire a svolgere il calcolo molto più rapidamente ed essere sicuri che il risultato finale sia quello corretto. Tuttavia,...
Elementari e Medie

Come spiegare il centinaio

In seconda elementare la matematica diventa più complessa. Oltre alle unità ed alle decine, si aggiunge anche il centinaio. Spiegare il concetto è relativamente facile. Tuttavia, alcuni strumenti come l'abaco, la linea dei numeri ed i blocchi multibase...
Elementari e Medie

Come fare la prova della moltiplicazione in colonna

La moltiplicazione appartiene al gruppo di base dei calcoli aritmetici. Non si può moltiplicare se non si conosce prima il calcolo dell'addizione. E non si può dividere, se non si conoscono i meccanismi della sottrazione e della moltiplicazione. Questa...
Elementari e Medie

Come fare le divisioni in colonna

Chi di noi non ha trovato difficoltà quando, alle scuole elementari, la maestra ha iniziato a spiegare le divisioni in colonna? Si tratta di un momento un po' complesso per i bimbi, che iniziano ad effettuare dei ragionamenti più complessi; tuttavia...
Elementari e Medie

Come spiegare le divisioni a tre cifre

Vostro figlio va alle scuole elementari, si presenta un giorno col quaderno a quadrettoni e vi chiede di aiutarlo a risolvere le divisioni in colonna a tre cifre. Panico! Se siete genitori non esattamente in buoni rapporti con la matematica, affidatevi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.