Come spiegare la legge di Ohm

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Questo articolo ha lo scopo di spiegare come funziona la legge di Ohm e la resistenza elettrica.
In un regime stazionario la carica elettrica Q che attraversa una sezione S del circuito nel tempo t è: Q = I*t. La relazione relativa all'energia ceduta per effetto Joule può allora essere scritta nel seguente modo:
W = R*I^2*t = R*I*(I*t) = R*I*Q.

26

Il prodotto R*I rappresenta quindi il lavoro compiuto dalle forze agenti su una carica Q, quando questa percorre il conduttore di resistenza R, diviso la carica stessa; Cioè rappresenta la differenza di potenziale tra gli estremi del conduttore di resistenza R:
V = R*I

.

36

Questa relazione esprime la legge di Ohm: la differenza di potenziale agli estremi di un conduttore è direttamente proporzionale all'intensità di corrente che lo percorre; il fattore di proporzionalità è dato da R, resistenza del conduttore.

Continua la lettura
46

Ricapitolando, la relazione W = R*I^2*t viene trasformata in W = (R*I)*(I*t) = R*I*Q (essendo Q = I*t.).
Si può anche scrivere W/Q = R*I e poiché il rapporto tra energia posseduta da una carica e la carica stessa è il potenziale elettrico si ha: W/Q = V = R*I; la relazione V = R*I esprime la legge di Ohm; la potenza elettrica può essere così espressa: P = R*I^2 = (R*I)*I = V*I.
L'unità di misura della resistenza è l'ohm.

56

La relazione inversa I = V/R indica invece che l'intensità di corrente che percorre un conduttore è direttamente proporzionale alla differenza di potenziale ai suoi estremi ed inversamente proporzionale alla sua resistenza.
La relazione V = R*I ci consente di ottenere una diversa espressione per la potenza elettrica; essa è pari a:
P = R*I^2 e tenendo conto che: V = R*I si ottiene P = V*I
Si ha cioè che la potenza elettrica ceduta tra due punti di un conduttore è pari al prodotto dell'intensità di corrente che l'attraversa per la differenza di potenziale tra i due punti.

66

L'energia ceduta per effetto Joule è pari a quella fornita agli elettroni dal generatore affinché questi possano spostarsi dal polo positivo a quello negativo, energia che viene immagazzinata dai singoli elettroni sotto forma di energia potenziale.
Tuttavia invece di parlare di energia potenziale, cioè dell'energia posseduta da una ben precisa carica Q, è opportuno parlare di potenziale, cioè dell'energia posseduta da una carica diviso la carica stessa; per differenza di potenziale tra due punti di un circuito si intende quindi indicare l'energia ottenibile tra i due punti riferita alla carica, cioè per unità di carica. Si ha di conseguenza:
V = W/Q = R*I*Q/Q = R*I.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come verificare la legge di Boyle

Ecco una bella ed anche molto interessante guida, mediante il cui aiuto, poter essere in grado di imparare ed anche capire per bene, come e cosa occorre far per poter verificare, nel modo corretto ed anche del tutto efficace, la famosa legge di Boyle....
Università e Master

Come applicare la seconda legge di Gay - Lussac

La seconda legge di Gay-Lussac è la legge sperimentale che esprime come la pressione di un gas aumenti quando, a volume costante, la sua temperatura subisce una variazione. Rappresentando graficamente l'andamento della pressione del gas in funzione della...
Università e Master

Legge delle aspettative iterate: dimostrazione

La “legge delle aspettative iterate” è una legge della statistica (per variabili casuali doppie) che stabilisce la seguente affermazione: date due variabili casuali A e B, di cui almeno A sicuramente integrabile, si ha che la media di A equivale...
Università e Master

Come verificare la legge di conservazione di massa

Grazie allo studio fatto nelle nostre scuole, riusciamo a dare una spiegazione a termini sino ad allora sconosciuti, in questa breve guida cerchiamo di capire insieme: come verificare la legge di conservazione di massa, la legge di Lavoisier, nota anche...
Università e Master

Legge della rifrazione

La rifrazione è un fenomeno fisico che si verifica quando un'onda si trova a dover superare la superficie di separazione di due determinati mezzi che hanno proprietà diverse o qualora nel mezzo di appartenenza si verificasse una disomogeneità. In particolare...
Università e Master

Come verificare la legge di Charles

Nella seguente guida cercheremo di verificare in una serie di passi esplicativi la legge di Charles, conosciuta anche come legge isocora dei gas, oppure come prima legge di Gay-Lussac. Nel Settecento, Jacques Charles appurò come un gas, sottoposto ad...
Università e Master

Come verificare la legge isobara dei gas

La prima legge di Gay-Lussac, nota all'estero come legge di Charles e chiamata anche legge di Volta Gay-Lussac, afferma che in una trasformazione isobara, ovvero in condizioni di pressione costante, il volume di un gas ideale è direttamente proporzionale...
Università e Master

Come risolvere un circuito elettrico

Un circuito elettrico è un generico percorso chiuso in cui le cariche elettriche possono muoversi con continuità, All'interno del circuito elettrico troviamo diversi componenti collegati tra loro mediante fili conduttori; quest'ultimi possono essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.