Come sperimentare l'emmanazione di vapore acqueo delle piante

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per la vita delle piante, la traspirazione gioca un ruolo importantisssimo, infatti è solo grazie a essa che l’anidride carbonica dell’aria viene catturata e veicolata all'interno dei tessuti delle piante, entrando così nelle cellule. In questo modo si svolgerà la fotosintesi. Senza una traspirazione continua, le piante non catturerebbero l’anidride carbonica e l’ossigeno. In tutto ciò svolge un ruolo fondamentale l'emanazione del vapore acqueo all'interno delle piante. Vediamo allora come sperimentare l'emmanazione di questo vapore acqueo, seguendo questi semplici passaggi.

26

Occorrente

  • Piantine
  • campane di vetro
  • carta assorbente
  • cloruro di cobalto
  • bilancia
  • sacchetto di plastica
36

Per riuscire a dimostrare e sperimentare la fuoriuscita del vapore acqueo, bisognerà per prima prendere una campana di vetro e disporre sotto questa una piantina. Dopodiché, facendo trascorrere alcune ore, cominceranno ad apparire sulle pareti del recipiente di vetro alcune goccioline d'acqua. Questo perché la pianta ha prodotto dell'acqua sotto forma di vapore acqueo. Questo tipo di acqua tenderà ad arrivare dalle sue radici e dal fusto.

46

Il vapore acqueo emesso per traspirazione della pianta proviene dagli stomi. Per creare una sperimentazione potremmo bagnare due fogli di carta assorbente, con una soluzione di cloruro di cobalto, e lasciamo asciugare. La carta asciutta così imbevuta da tale sostanza, diverrà blu, se rimarrà umida invece si colorerà di rosa. Quindi mettiamo tra i due fogli di carta asciutti, ossia azzurri, una foglia della pianta, e dopo pochi minuti, i fogli cominceranno a diventare rosa, poiché in questa area ci sarà proprio l'acqua.

Continua la lettura
56

Possiamo anche verificare come le piante possano influire sul clima. Dovremmo preparare due serre, mettendo all'interno del terriccio. In una serra mettiamo delle piante, mentre nell'altra lasciamo solo il terreno. In ciascuna serra dovremmo inserire un termometro e le chiudiamo con il loro coperchio trasparente. Controlliamo la temperatura all'interno delle serre per alcuni giorni: noteremo la differenza quando saranno esposte alla luce diretta del sole. Nella serra con le piante, infatti, la temperatura è inferiore di circa 2°C.

Infine se vogliamo sperimentare a pesare la quantità di vapore acqueo emesso dalla pianta, dovremmo prendere una bilancia, coprire il vaso con un sacchetto di plastica, e mettere su un piatto la pianta e sull'altro mettere i pesi. In questo modo la bilancia comincerà a traboccare sul lato dei pesi, perché la pianta ha prodotto grandi quantità di vapore acqueo.

66

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come generare il vapore

Quando si parla di vapore si vuole intendere un particolare stato dell'acqua: quello gassoso. Tale elemento può crearsi quando la temperatura dell'ambiente che lo ospita, raggiunge la giusta pressione. Nel caso dell'acqua, per formare il vapore, è necessario...
Elementari e Medie

Come Ricreare La Traspirazione E La Respirazione Delle Piante

La traspirazione è il fenomeno con il quale la foglia perde acqua sotto forma di vapore. L' acqua viene assorbita dalle radici per osmosi. La foglia è paragonabile a un laboratorio chimico: in essa infatti si svolgono funzioni quali la fotosintesi clorofilliana,...
Elementari e Medie

Come funziona il ciclo dell'acqua

Il ciclo dell'acqua, chiamato anche idrologico, identifica il processo continuo grazie al quale avviene lo scambio di acqua tra la terra e l'atmosfera. Circa i 2/3 del pianeta sono costituiti da acqua ed essa è indispensabile per la sopravvivenza di...
Elementari e Medie

Come vivono le piante

Esattamente come tutti gli esseri viventi, le piante sono degli organismi che necessitano di energia per poter svolgere le proprie funzioni. Tra queste ricordiamo quelle basilari quali la crescita, la fioritura e la produzione di frutti. Esse però necessitano...
Elementari e Medie

Come verificare che le piante si muovono

Tra i primi a notare che le piante fossero degli esseri viventi a tutti gli effetti fu Darwin, il quale osservandole ne rimase affascinato tanto da compierne degli studi. Anche le piante dunque sono si muovono e il loro motore propulsore è la luce. Le...
Elementari e Medie

Come Fare Un Esperimento Per Percepire La Sensibilità Delle Piante

Le piante rispondono a stimoli diversi che provengono dall'ambiente come gli esseri viventi. Questi stimoli possono essere la luce, la gravità, l'acqua, il calore, il freddo, l'umidità e tanti altri. Alcune piante mostrano anche una sensibilità al...
Elementari e Medie

La nutrizione delle piante e degli animali

In questa guida ci occuperemo della nutrizione delle piante e degli animali. La nutrizione è rappresentata da tutti quei processi di origine biologica e chimica che permettono agli organismi viventi di crescere, svilupparsi, sopravvivere e riprodursi...
Elementari e Medie

Le caratteristiche dell’acqua

L'acqua è il bene principale per la sopravvivenza sul pianeta terra, assieme al sole; essa infatti ricopre il 70% della superficie e grazie al suo ciclo continuo di trasformazione tra molecole di vapore acqueo, in stato liquido, permette di risanare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.