Come Sperimentare La Conducibilità Di Una Soluzione Elettrolitica

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Questo esperimento serve per determinare la relazione che esiste tra una concentrazione di soluzione elettrolitica e l'intensità della corrente elettrica che la attraversa. Questo esperimento è estremamente semplice ed efficace e non necessita di apparecchiature particolari. In questa guida ti spiego come eseguirlo. Ecco come sperimentare la conducibilità di una soluzione elettrolitica

26

Occorrente

  • generatore di corrente
  • multimetro
  • apparecchiatura per conducibilità munita di elettrodi
  • cavi di collegamento
  • vetrini
  • cloruro di sodio
  • acqua distillata
  • bilancia elettronica
  • 2 lastrine di rame o zinco
36

Per cominciare prepara una vaschetta di vetro, immergi due lastrine di zinco o di rame: questa sarà la cella elettrolitica, cioè l'apparecchiatura per verificare la conducibilità della soluzione. Le lastrine di rame o di zinco sono gli elettrodi di questa cella. Per questo esperimento devi utilizzare come elettrolito il clururo di sodio, che allo stato cristallino è isolante, i cui cristalli in acqua si dividono in ioni.

46

Dopo aver preparato la cella elettrolitica, collega il primo elettrodo, l'anodo, al polo positivo del generatore, e il secondo elettrodo, il catodo, al polo negativo. Prepara poi sei vetrini con cinquecento milligrammi di cluroro di sodio per ciascuno. Pesa accuratamente su una bilancina elettronica di precisione le quantità esatte di cloruro di sodio, questa operazione è importante per determinare il giusto valore della conducibilità.

Continua la lettura
56

Versa nella vaschetta settanta grammi di acqua distillata e sciogli il contenuto del primo vetrino, mescolando accuratamente con una bacchetta di vetro. Quando il contenuto sarà ben diluito chiudi il circuito e controlla sul multimetro il valore dell'intensità della corrente e prendi nota preparando una tabella. Ripeti l'operazione con tutti i cinque vetrini rimanenti aumentando di volta in volta la massa.2 Essa rappresenta la conducibilità di una cella, i cui elettrodi sono posti alla distanza di 1 cm e che hanno dimensioni tali da contenere un peso equivalente di un soluto ad una qualsiasi concentrazione, il numero di cariche fra gli elettrodi è quindi costante, quando l’elettrolita è completamente dissociato. La conducibilità equivalente non è mai determinata direttamente, ma viene calcolata dal valore della conducibilità specifica conoscendo la N (normalità) della soluzione: Λ= Ν 1000χ

66

Mentre effettui l'esperimento potrai notare che la soluzione elettrolitica diventa di colore verdastro e anche che vicino agli elettrodi si formeranno delle bollicine. Ciò accade perché quando passa la corrente avviene una reazione chimica nella soluzione; infatti le bollicine si formano proprio perché si sviluppano dei gas, idrogeno molecolare o anidride carbonica. Quando comparerai i dati raccolti delle misurazioni noterai che c'è una proporzione diretta tra l'intensità della corrente e la concentrazione della soluzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come studiare la conducibilità termica dei metalli

La chimica e la fisica sono due discipline che consentono di conoscere e di studiare i vari fenomeni che accadono ogni giorno in natura e tramite esse è possibile anche riprodurli in laboratorio o attraverso dei semplici esperimenti. Tra le tante nozioni...
Superiori

Come misurare l'idrogeno

L'idrogeno è uno degli elementi essenziali per la vita. È presente nell'acqua e in quasi tutte le molecole degli esseri viventi e resta legato agli atomi di carbonio e di ossigeno. Per misurare la concentrazione di idrogeno in un gas, può essere utilizzata...
Università e Master

Come misurare i potenziali di riduzione

In questo tutorial vengono date delle corrette informazioni su come misurare i potenziali di riduzione. Per riuscire a comprendere il funzionamento di una pila bisogna basare l'esperimento su delle reazioni chimiche di ossidoriduzione. Per fare questa...
Università e Master

Come determinare le caratteristiche fisiche degli elementi chimici

La conoscenza delle caratteristiche proprie di ciascun materiale è indispensabile per il corretto utilizzo dello stesso. Tali caratteristiche sono date dall'insieme delle proprietà fisiche, chimiche, tecnologiche e meccaniche dei materiali, riassunte...
Superiori

Appunti di fisica: conduzione del calore

Una parte importante della Fisica è la Termodinamica, ovvero lo studio e le applicazioni dell’energia termica (comunemente chiamata "calore") dei sistemi. Un concetto abbastanza notevole in termodinamica è quello di temperatura. Di fatto, quando il...
Università e Master

Come Effettuare Il Drenaggio

Per drenaggio si intende quel complesso di canalizzazioni, generalmente sotterranee, per raccogliere e smaltire lontano da insediamenti civili le acque superficiali e quelle reflue, provenienti dalle attività umane un generale. Il drenaggio è indispensabile...
Superiori

Chimica: le sostanze pure

In chimica una sostanza pura è formata da materia che presenta una composizione costante con delle proprietà caratteristiche; non può essere separata in componenti con metodi di separazione fisica (vale a dire senza rompere legami chimici). Può essere...
Superiori

Appunti di chimica: la classificazione dei liquidi

In questa guida vedremo come vengono classificati i liquidi in chimica. Essi non sono altro che uno degli stati in cui si presenta la materia e che, specificatamente, se dovessero mancare tutte le forze esterne, si presenterebbero sotto forma sferica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.