Come sostenere buone interrogazioni avendo studiato poco

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Ai giorni d'oggi, la scuola, è diventata una preoccupazione molto comune e sostenere delle buone interrogazioni avendo studiato poco non è facile: poche sono le persone realmente appassionate allo studio, molti sono invece quelli che lo prendono sotto gamba e sperano comunque di riuscire ad andare avanti col minimo sforzo. Non è semplice, ma seguendo dei piccoli trucchi non è di certo impossibile. Ecco come fare.

25

È importante sottolineare il fatto che è necessario avere studiato almeno in minima parte: nulla cade dal cielo e se non si conosce almeno in parte l' argomento è impossibile riuscire ad ottenere almeno un discreto risultato. Un aspetto fondamentale che i professori osservano in un' interrogazione è la sicurezza di se stessi. Per questo motivo bisogna cercare di apparire ai loro occhi come se si avesse studiato a fondo la lezione sulla quale si viene interrogati. Lo sguardo deve essere sicuro e anche il linguaggio: è importante scandire bene le parole e cercare di non parlare troppo velocemente. Se le conoscenze possedute sono veramente poche bisogna cercare di fare frasi lunghe, ben articolate, anche se ciò che si vuole dire è di estrema semplicità: ciò renderà l'idea di avere effettuato uno studio approfondito.

35

Fattore fondamentale se si tratta di un' interrogazione in cui altri compagni sono coinvolti è pensare solo a se stessi; è un discorso un po egoista ma ad ogni sbaglio degli altri c'è una possibilità di aumentare la propria valutazione correggendo gli errori altrui. Inoltre se il professore lo permette, date le scarse conoscenze in possesso, è molto utile tenere sotto i propri occhi un quaderno o dei fogli con scritte le parole chiave intorno alle quali è possibile fare un discorso per riuscire ad arrivare almeno alla sufficienza. Ultimo consiglio fondamentale per riuscire ad aumentare almeno un po' la propria valutazione è quello di seguire il discorso fatto dallo studente interrogato precedentemente. Non è sempre così ma molto spesso il professore continua l'interrogazione allacciandosi all' ultimo argomento chiesto: nel caso non si sappia rispondere alla domanda posta si può sempre rispondere riformulando quello detto in precedenza aggiungendo però del proprio. Non si risolverà sicuramente la situazione, ma sarà comunque utile per aumentare la propria valutazione finale.

Continua la lettura
45

Ma il linguaggio e l' apparenza sono solo il primo aspetto perché ce n'è un altro che è ancora più importante: quello psicologico, quello interiore. Infatti per dimostrare ad un' altra persona di essere sicuri di ciò che si dice, bisogna prima essere sicuri nella propria testa. È fondamentale farsi il lavaggio del cervello in modo da essere certi di arrivare alla cattedra con la certezza che l'interrogazione andrà bene. Avendo questa certezza tutto apparirà più facile perché si prenderà inconsciamente tutto con più scioltezza facendo diminuire l'ansia.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Essere sicuri di se stessi

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare i cateti avendo l'ipotenusa

La geometria piana, generalmente si occupa delle figure geometriche nel piano. Partendo da una retta infatti è possibile costruire i segmenti (ovvero delle porzioni finite di retta) e, con questi, i poligoni (unione di più segmenti). Nella guida che...
Superiori

Come sostenere una buona interrogazione

A molti studenti può essere capitato di bloccarsi a causa dell'ansia generata poco prima di un'interrogazione. Lo studiare intensivamente e l'essersi preparati nel migliore dei modi, spesso e volentieri non può venire in soccorso di chi si appresta...
Superiori

Come calcolare la velocità avendo l'accelerazione

Se stiamo studiando alcune particolari materie scientifiche come la matematica o la fisica, potrebbe capitarci di avere difficoltà nella comprensione di alcuni argomenti trattati da queste complesse discipline e per riuscire a risolvere questo problema...
Superiori

Come trovare seno e coseno avendo la tangente

Uno dei primissimi obiettivi della trigonometria, consiste nello studio delle funzioni goniometriche, ossia particolari funzioni costruite a partire dalla circonferenza geometrica. Tra queste, le prime e più importanti, sono il seno e il coseno. Se dovete...
Superiori

Come si calcolano le moli avendo i grammi

La mole è l'unità di misura di riferimento del Sistema Internazionale che indica la quantità di sostanza contenuta in un numero di Avogadro di atomi o molecole. Quest'ultimo corrisponde al numero di particelle elementari contenute in una mole, ovvero...
Superiori

Come non essere interrogati

L'interrogazione è qualcosa che sicuramente spaventa molti studenti, specialmente quando non è stata programmata dai professori e, diciamo che... Non siamo nelle condizioni migliori per affrontarla... Capita spesso infatti che molti professori fanno...
Superiori

5 modi per non farsi interrogare

Le interrogazioni rappresentano il momento più temuto da ogni studente. Quando il professore annuncia un'interrogazione imminente, sale la paura di essere lo sfortunato di turno. Nessuno può avere la certezza di sfuggire alle domande dell'interrogazione,...
Superiori

10 consigli per prepararsi al meglio ad un compito in classe

Partiamo col dire che il compito in classe non è e non deve essere visto come un supplizio. O la tortura fatta per umiliare o mettere in tensione gli studenti. Il compito in classe serve semplicemente a verificare il grado di preparazione. Nonché in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.