Come Sintetizzare L'acido Benzoico Tramite La Reazione Aloformio Dei Metilchetoni

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La reazione aloformio consiste nella alogenazione in ambiente basico di un metilchetone con produzione dell'acido carbossilico con un carbonio in meno e di aloformio, per questo è anche considerata una ossidazione. In ambiente basico i metilchetoni vengono alogenati tre volte sul metile, il carbonio in alfa meno sostituito. La reazione non si può fermare alla mono-alogenazione dato i prodotti parzialmente alogenati si alogenano molto più velocemente del metilchetone iniziale. Questo viene spiegato osservando che l'intermedio di reazione è un enolato, e i prodotti parzialmente alogenati formano enolati molto più stabili a causa dell’effetto induttivo dell’alogeno. Quando l'ossidante è I2, la reazione può essere sfruttata a scopo analitico, infatti la produzione di iodoformio giallo è indicativa della presenza di un metilchetone. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come sintetizzare l'acido benzoico tramite la reazione aloformio dei mitilchetoni, fornendovi tutte le informazioni necessarie, nel modo più chiaro possibile. Vediamo quindi come procedere.

25

Occorrente

  • acetofenone
  • ipoclorito di sodio al 5%
  • solfito di sodio
  • acido cloridrico concentrato
  • eluente per TLC (cicloesano - acetone - acido acetico 14 : 6 : 1
  • pallone da 250 ml (a fondo piatto)
  • condensatore a bolle
  • agitatore magnetico
  • imbuto di Buchner
  • beuta codata
  • beuta da 250 ml
  • cartina al tornasole
35

Vi anticipo che la reazione non si ferma alla prima alogenazione, dal momento che i prodotti parzialmente alogenati sono molto più reattivi verso l'alogenazione rispetto al metilchetone: ciò si verifica, in quanto essi danno enolati che, per effetto induttivo risultano essere più stabili. Per iniziare la procedura di sintesi, versate 3 ml nel pallone a fondo piatto e aggiungete poi 120 ml della soluzione di ipoclorito di sodio.

45

All'interno del pallone ponete un'ancoretta magnetica. Montate il condensatore a bolle e ponete l'apparecchiatura sulla piastra riscaldante dell'agitatore magnetico. Portate il tutto ad ebollizione, mantenendo sempre moderata l'agitazione. La reazione deve andare per circa trenta minuti. A questo punto, sottoponete la vostra soluzione a raffreddamento in un bagno di acqua e procedete all'aggiunta di 0,75 g di solfito di sodio: questa operazione serve ad eliminare l'eccesso di ossidante.

Continua la lettura
55

La soluzione deve essere poi lentamente acidificata, mediante l'aggiunta di acido cloridrico concentrato. Quando il pH della soluzione sarà diventato acido, osserverete la formazione dell'acido benzoico sotto forma di precipitato bianco. Per controllare il pH, utilizzate la cartina al tornasole. Raffreddate il tutto in un bagno di ghiaccio. Filtrate, infine, sotto vuoto con l'imbuto l'acido benzoico precipitato. Per il lavaggio del precipitato, utilizzate 5 ml di acqua molto fredda: ripetete l'operazione due volte.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Effettuare Una Alogenazione Radicalica

In chimica organica alcune reazioni si possono definire dei veri e propri cardini in quanto sono le basi per poter eseguire dei procedimenti e degli esercizi abbastanza complessi ed articolati. Tra queste reazioni si trova anche l'alogenazione radicalica....
Università e Master

Appunti di chimica: alogenazione di un alchene

Nella seguente dettagliata e complessa guida che troverete esposta nei passaggi successivi, cercherò di spiegarvi bene, grazie ai miei appunti di chimica, come funziona esattamente il meccanismo di alogenazione di un alchene. Precisamente, si tratta...
Università e Master

Come Sintetizzare Un Etere Da Un Alchene

Gli alcheni sono composti molto semplici. È grazie a loro che possiamo avere numerosi prodotti. Per ottenere un etere da un alchene bisogna effettuare una reazione abbastanza complessa, la cosiddetta alcossimercuriazione. Vediamo quindi insieme, nella...
Università e Master

Come Sintetizzare Il M-nitrobenzoato Di Metile

La chimica è una delle materie più importanti per tutti coloro che decidono di intraprendere un percorso di studi scientifici, in particolare per gli studenti che frequentano l'istituto tecnico industriale oppure il liceo scientifico. Il M-nitrobenzoato...
Università e Master

Come Sintetizzare Un Alchino Partendo Da Un Altro Alchino

Un alchino, in chimica, rappresenta un composto organico appartenente alla classe degli idrocarburi. Questo composto presenta lungo la catena carboniosa, tra l'altro, un'insaturazione abbastanza particolare. È presente, infatti, almeno uno (ma talvolta...
Università e Master

Come Sintetizzare Il 3,3-dimetil-2-butanolo

In questo articolo, vogliamo offrire un valido aiuto, concreto e duraturo, a tutti quegli studenti che dovranno affrontare questo genere di argomento, durante l'anno scolastico, che stanno vivendo. Nello specifico cvercheremo d'imparare insieme come e...
Università e Master

Come Sintetizzare Un Etere Da Un Alcol

Gli eteri sono dei composti costituiti da due gruppi alchilici legati insieme mediante un atomo di ossigeno. A temperatura e pressione ambiente, tendono ad essere più volatili degli alcoli perché a differenza di questi ultimi, non possono creare legami...
Università e Master

Come Sintetizzare Il Cloruro Di T-butile

Uno dei metodi più seguiti per sintetizzare gli alogenuri alchilici prevede la sostituzione del gruppo ossidrilico (OH) di un alcol con un alogeno. L'alcol reagisce con un acido alogenidrico formando, appunto, l'acido alogenidrico e acqua. In questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.