Come si scrivono i colori in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Con il passare degli anni la lingua inglese sta assumendo un'importanza talmente elevata da richiedere la necessità per qualsiasi famiglia di dover insegnare subito, fin dai primi anni di scuola, ai bambini almeno i termini basilari. Sebbene i corsi privati di lingua inglese richiedano esborsi piuttosto elevati alle famiglie, possiamo affermare che almeno per i concetti base, le nozioni possono essere fruite in famiglia e questo è lo scopo che ci prefiguriamo oggicon questa guida. Ecco a voi infatti qualche suggerimento su come si scrivono i colori in inglese. Buona lettura!

25

Apprendere la terminologia iniziale

Insegnare il nome dei colori in lingua inglese a dei bambini diventa più facile se si utilizzano come supporto dei fogli colorati, in maniera tale che il piccolo possa subito associare il colore alla parola. Si parte con il concetto astratto, cioè con il termine colore. In inglese questa parola è molto simile all'italiano: infatti si scrive colour. A volte può anche trovarsi scritta in un altro modo, ovvero color, che è la versione più comune dell'inglese parlato negli Stati Uniti. La pronuncia è molto simile all'italiano: solo che la seconda o è più stretta e si legge ˈkələr. Altra pronuncia è "colur", con la u un po' aperta tendente verso la "o".

35

Conoscere i colori base

Si può procedere poi con due colori base, il bianco e il nero. Bianco si dice white, trascrizione fonetica (h) wīt, pronuncia "uait". Nero invece è black, termine che può indicare anche genericamente tutto ciò che è molto scuro. La traslitterazione fonetica è blak, si pronuncia bléc. Per indicare invece colori molto scuri, si usa il termine dark (därk). Gray (grā, si legge grei) è il termine che indica il colore grigio. Ci sono poi i colori veri e propri. Il rosso si scrive red (red) mentre il rosa è pink (alfabeto fonetico piNGk, pronuncia pinc). Il colore blu si esprime in modo molto simile all'italiano: infatti si scrive blue (blo͞o).

Continua la lettura
45

Approfondire altri colori

Marrone si traduce brown (traslitterazione fonetica broun, si pronuncia braun). Il giallo si dice yellow, che si scrive con l'alfabeto fonetico ˈyelō e si pronuncia iellov. L'ultimo colore primario che manca dalla tavolozza è il verde, che si scrive in lingua inglese green (grēn) e si pronuncia grìn. Altri colori tra i più comuni ed utilizzati sono l'arancione, che si traduce con il termine orange (ˈär-, ˈôrənj) e si pronuncia più o meno come si scrive, ed il viola, che invece si dice "violet". Insomma potete sbizzarrirvi su quali nomi di coloro insegnare ai vostri bambini, ma tenete bene a mente il metodo di gradualità che abbiamo cercato di fornirvi, così eviterete di confonderli! Inoltre l'utilizzo di supporti interattivi può sicuramente essere di aiuto. Cosa aspettate? Mettetevi alla prova!

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come scrivere le ore in inglese

Di questi tempi non è da sottovalutare la possibilità di trasferirsi all'estero ed iniziare una nuova vita in un nuovo Paese. La meta preferita dagli italiani è ovviamente l'Inghilterra. Ma per potersi trasferire in un posto che non conosciamo e che...
Lingue

10 consigli per imparare l'inglese velocemente

Quasi tutti, prima o poi, abbiamo la necessità di imparare l'inglese: che sia per motivi di studio, di lavoro, per affrontare un viaggio o per interesse personale, se non l'abbiamo appreso per bene da piccoli, probabilmente ci troveremo in difficoltà....
Lingue

Come sillabare in inglese

Quando ci si ritrova a redigere un testo in lingua inglese, spesso si presenta qualche piccola incertezza. Sicuramente vi sarà successo di dover andare a capo e non sapere come sillabare una determinata parola. Le regole ortografiche, in italiano quanto...
Lingue

Come capire meglio l'inglese

La comprensione della lingua inglese, per un italiano nato e cresciuto nelle più svariate parti d'Italia, non è mai una cosa semplice. Siamo sempre più abituati a sentire un inglese maccheronico, con una pronuncia sempre più sbagliata. Vediamo allora...
Lingue

10 idee per insegnare l'inglese a bambini

Insegnare l'inglese ai bambini molto piccoli non è un compito molto facile: mantenere attiva e sveglia l'attenzione dei bambini, infatti, può essere particolarmente impegnativo! Eppure insegnare l'inglese ai più piccoli può trasformarsi in un compito...
Lingue

10 consigli per imparare l'inglese

L'inglese è una lingua che appartiene alle lingue germaniche insieme all'olandese, all'alto e basso tedesco, al fiammingo e al frisone. Gli Stati in cui si parla l'inglese come lingua ufficiale vengono chiamati anglofoni. Il dizionario mette in evidenza...
Lingue

Breve storia della lingua inglese

La lingua inglese come la conosciamo adesso, ha centinaia di anni di storia sulle proprie spalle. Prima di tutto perché è il risultato delle più diverse occupazioni nel corso dei secoli. L'inglese è appartenente al gruppo linguistico indoeuropeo,...
Lingue

10 idee per insegnare l'inglese a bambini giocando

Una lingua è quanto di più simile al gioco ogni essere umano possa imparare naturalmente nella propria vita. Per questo insegnare una lingua straniera dovrebbe essere fatto giocando, soprattutto se lo si fa con i bambini. Allora, se state pensando di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.