Come si misurano la massa e il peso di un corpo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Nella fisica la massa e il peso di un corpo sono due elemento estremamente importanti che molto spesso vengono confusi tra di loro. Quando si parla di peso, sostanzialmente si intende la forza con la quale un corpo viene attratto verso il centro della Terra dalla forza di gravità. Al contrario la massa rappresenta la quantità di materia di cui un corpo è costituito e, non cambia a seconda del luogo nel quale esso si trova. Poiché il peso è direttamente proporzionale alla sua massa, riuscire a calcolare la massa attraverso il peso e viceversa risulta essere davvero molto semplice. Per approfondire l'argomento ed imparare come si misurano la massa e il peso di un corpo, non vi rimane che seguire gli utili suggerimenti di questa interessante guida.

27

Occorrente

  • Bilancia a molla
  • Bilancia a due piatti
37

Evidenziare le unità di misura

Per capire bene il concetto, bisogna considerare alcune variabili. In fisica, per esempio, le grandezze fisiche hanno un senso soltanto se si possono misurare. Per prima cosa bisogna evidenziare le unità di misura. L'unità di misura della massa è il chilogrammo-massa. Il simbolo che indica quest'unità è Kg. L'unità di misura del peso è il chilogrammo-peso (o chilogrammo forza). Questo generalmente viene indicato con il simbolo Kgp. Il chilogrammo-peso viene applicato molto spesso in tutte le situazioni della vita pratica. Uno degli strumenti maggiormente utilizzato è la classica bilancia. Tuttavia, non tutte le bilance pesano effettivamente il peso dei corpi. Si differenziano infatti se si tratta di bilance a molla oppure di bilancia a due piatti.

47

Rilevare lo stato di quiete che quello del moto dei corpi

La bilancia a molla ha un funzionamento particolare che è basato sulle proprietà della forza. Queste ultime infatti tendono a rilevare sia lo stato di quiete che il moto dei corpi e ciò dunque potrebbe comportare delle deformazioni nei corpi sui quali effettuano la loro azione. Esistono tuttavia determinati materiali, come ad esempio l'acciaio e la gomma, i quali sono costituiti da una particolare caratteristica che è quella dell'elasticità. Mediante quest'ultima i materiali possono deformarsi a seconda della forza e dell'intensità applicata.

Continua la lettura
57

Disporre il corpo su uno dei due piatti

Utilizzando le bilance a due piatti, invece sarà necessario disporre il corpo su uno dei due piatti. Sul piatto vuoto sarà utile inserire il peso che serve per equilibrare quello del corpo. Per fare un esempio, se un corpo pesa sei chilogrammi, bisogna bilanciare un peso di altrettanti sei chilogrammi. Quello che si misura in questo frangente però non è precisamente il peso ma la quantità di materia contenuta nel corpo, dunque la massa.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per capire bene il concetto, bisogna considerare alcune variabili.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Le principali figure piane

Per la maggior parte di bambini e ragazzini, la matematica e la geometria possono dimostrarsi particolarmente impegnative! Ma cari genitori, non abbattetevi! Alle volte basta solo un po' di impegno e di semplificazione dei contenuti, che tutto può diventare...
Superiori

Come calcolare la forza elastica di una molla

Il movimento di un corpo che si muove da un punto ad un altro viene definito come la forza fisica ed elastica. Nelle lezioni di fisica, per spiegare il concetto di questo movimento, si utilizza un oggetto ben definito, cioè la molla. La molla presa come...
Elementari e Medie

Come calcolare il perimetro di un triangolo

La geometria è una disciplina studiata dalla scuola primaria fino a quella secondaria. Il primo passo per un approccio alla geometria è lo studio degli assiomi fondamentali per poi passare allo studio delle figure piane e dei lori perimetri e superfici....
Elementari e Medie

Come calcolare la base maggiore di un trapezio

La geometria piana rappresenta quella materia nella quale sono comprese molte figure differenti tra di loro. È alla base dello studio di tutte le altre figure. I quadrilateri sono tra le prime che si analizzano durante qualsiasi percorso di studi. Tra...
Superiori

I principali strumenti di misura

Per potersi rapportare con il mondo, gli uomini, nel corso della loro storia, hanno messo a punto diverse unità di misura, e gli strumenti atti a rilevarle, per poter quantificare le cose. Dalle lunghezze alle superfici, dall'altezza alla temperatura...
Superiori

Classificazione dei triangoli

Nello studio della geometria piana, una delle figure che si incontra per prima è il triangolo. Si tratta di un poligono di tre lati e tre angoli e, tra tutti, è quello che presenta il numero minore di lati, in quanto non è possibile costruire una figura...
Università e Master

Come Determinare La Dilatazione Volumica Di Un Solido

Riuscire ad ottenere buoni risultati nelle materie scientifiche non è un'operazione facile per tutti: molte volte difatti è proprio in tale ambito che si prendono i voti peggiori, che vanno ad impattare negativamente sulla media dei voti. Tra i molteplici...
Elementari e Medie

Come calcolare la base maggiore di un trapezio isoscele

Cominciamo col dire che il trapezio è una figura piana, composta da quattro lati, e secondo la proprietà dei quadrilateri ogni lato è minore della somma degli altri tre, nello specifico il trapezio ha solo una coppia di lati opposti paralleli (AD e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.