Come si fa la proposizione soggettiva in spagnolo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Una proposizione si dice soggettiva quando funge da soggetto al predicato della frase principale. Nella lingua italiana, di norma, si forma con un verbo o un costrutto impersonale. In spagnolo la regola non cambia di molto. Tuttavia, alcuni studenti possono riscontrare delle difficoltà nell'uso dei modi e dei tempi verbali. Questa guida chiarirà i tuoi dubbi. Ecco pertanto come si fa a costruire correttamente la proposizione soggettiva in spagnolo.

27

Occorrente

  • Testo di grammatica
  • Esercizi
37

In spagnolo, si riscontrano tre tipologie di proposizione soggettiva: di valutazione, di constatazione e di reazione. Nella prima, il costrutto si fa con il verbo ser (o estar o parecer) + l'aggettivo (o sostantivo) + que + verbo al congiuntivo. I più frequenti in una preposizione soggettiva di valutazione sono: bueno, estupendo, mejor, malo, terrible, horrible, justo, sorprendente, raro, lògico. Ecco qualche esempio di preposizione soggettiva. Es mejor que venga él conmigo (è meglio che venga lui con me). No està bien que él haga eso (non va bene che lui faccia questo). Parecìa raro que nadie quisiera venir al cine (sembrava strano che nessuno volesse venire al cinema).

47

In alcuni casi, in spagnolo, il verbo della proposizione soggettiva, viene accompagnato da un sostantivo. Assumerà di conseguenza un valore di valutazione. I più comuni sono: pena, làstima, casualidad, suerte, coincidencia, locura. Anche in questo caso, ecco qualche esempio: Es una làstima que no pueda salir de casa (è un peccato che non possa uscire di casa).

Continua la lettura
57

Nella preposizione soggettiva di constatazione invece gli aggettivi indicano un giudizio evidente, obiettivo ed universale. Tra i più frequenti: evidente, cierto, indudable, sabido, demonstrado, claro. Il costrutto si fa con il verbo ser (o parecer o estar) + aggettivo di constatazione + que + verbo all'indicativo. Ad esempio: Es cierto que tienes razòn (è certo che tu abbia ragione). Se però la preposizione soggettiva è alla forma negativa, il verbo sarà al congiuntivo. Pertanto: No es seguro que él tenga razòn (non è sicuro che lui abbia ragione). Mentre in spagnolo si utilizza il verbo all'indicativo nella forma positiva, in italiano si impiega il congiuntivo.

67

La proposizione soggettiva di reazione, infine, indica una reazione emozionale, positiva o negativa. Tra le espressioni più frequenti: dar pena, gustar, encantar, fastidiar. Inoltre, dar miedo, dar verguenza, alegrar. Il costrutto si fa con il verbo di reazione + que + verbo al congiuntivo. Prima del verbo di reazione si trova spesso il complemento di termine. Per esempio: Me disgusta que tù hagas eso (non mi piace che tu faccia questo).

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per comprendere meglio il concetto eseguire più esercizi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Modigliani-Miller: dimostrazione

Il Teorema di Modigliani-Miller è ormai considerato, nell'ambito della finanza aziendale, uno dei cardini fondamentali. Non tanto per la sua applicabilità al mondo reale (vi sono infatti forti vincoli imposti dalle ipotesi di base che vedremo successivamente)...
Università e Master

Come Scrivere Le Tavole Di Verità

Nella logica classica, ciascuna proposizione che abbia un significato compiuto (ovvero con il soggetto ed uno specifico verbo) può essere scritta in forma tale da predirne la verità oppure la non autenticità. Tutto ciò è reso possibile grazie a delle...
Università e Master

Come scoprire il tipo di figura di un sillogismo

Il sillogismo è una tipologia di ragionamento dimostrativo che fu teorizzato per la prima volta da Aristotele. Quindi per riuscire a procedere con tale dimostrazione è necessario imparare a conoscere le varie figure della teoria. Nei sillogismi infatti...
Università e Master

Come costruire le affermazioni contronominali

Ognuno di noi fa ragionamenti pratici particolari, tutti i giorni. In molte circostanze, specialmente nel corso delle sessioni di studio della logica classica, abbiamo a che fare con sottili argomentazioni dalla validità garantita. Infatti, esse scaturiscono...
Università e Master

Consigli per superare i test di Logica

I test di logica consistono soprattutto in problemi, la cui soluzione richiede facoltà di concentrazione, analisi e sintesi. Ci sono varie domande che riescono a valutare delle abilità specifiche. Capire il senso dei termini. Cogliere parole simili...
Università e Master

Teorema di Lebesgue: dimostrazione

Il Teorema di Lebesgue, conosciuto anche come teorema di Vitali-Lebesgue, nel campo dell'analisi matematica è una proposizione che determina l'equivalenza tra una funzione e la derivata del suo integrale, ovvero un operatore che associa alla funzione...
Università e Master

Come Dire I Numeri In Cinese

La civiltà della Repubblica Popolare Cinese è sicuramente una tra le più affascinanti sia grazie alla sua storia millenaria, ma anche grazie alla sua lingua. Il cinese, infatti, è decisamente distante da tutte le lingue occidentali ed è dotata di...
Università e Master

Teoremi di incompletezza di Gödel: dimostrazione

La matematica è da sempre la materia più complicata e quindi meno apprezzata sia dai bambini delle scuole elementari, sia dagli studenti delle superiori e delle facoltà universitarie. Questa difficoltà è dovuto soprattutto al fatto che i concetti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.