Come Si Disegnano Le Isoisme

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sul nostro pianeta, esistono delle zone più soggette ai terremoti rispetto ad altre. Purtroppo, ancora oggi, non è possibile prevedere con esattezza un episodio di questo genere, e nessuna teoria fornisce i mezzi necessari per prevenire tale evento. Ciononostante, con alcuni strumenti a nostra disposizione, possiamo ottenere delle previsioni. Le isoisme sono delle linee che vengono tracciate su una carta geografica per designare l'epicentro del sisma. Nei passi a seguire, illustrerò come si disegnano le isosisme nella maniera corretta. Iniziamo!

26

Occorrente

  • Carta geografica della zona colpita dal sisma
  • Matita
  • Colori differenti
36

Innanzitutto, procuriamoci una cartina o una mappa e fissiamo i punti dove la scala Mercalli ha registrato il grado più alto ed il più basso, utilizzando dei colori diversi. Prima di arrivare a ciò, occorre compilare dei questionari, rilevare i danni alle strutture e raccogliere le reazioni della gente nell'area in cui il terremoto è stato avvertito. Ovviamente, è la miglior pratica da adottare. In alternativa, potremo usufruire della tecnologia dei social network, lanciando una ricerca per raccogliere tutte le informazioni utili. Questo, servirà ad assegnare ad ogni zona il relativo grado, ed a collegare i punti con la medesima intensità.

46

Alla fine, avremo delle linee che racchiuderanno le aree interessate, segnalando la zona epicentrale ed il raggiungimento massimo della scossa. Allontanandoci da esse, otterremo i valori minimi, dove la scossa è stata lieve. Le isosisme sono concentriche, e rappresentano il mezzo più utilizzato per avere una percezione immediata del danno sul territorio. Tuttavia, è bene non considerarle delle vere isolinee, poiché i valori della scala non sono continui e sicuri al cento per cento. I terremoti sono tra gli eventi naturali più potenti della terra: infatti, spostano in pochi secondi rocce davvero enormi, recando, talvolta, danni fatali alle persone.

Continua la lettura
56

Generalmente, i terremoti si concentrano lungo i margini, tra le diverse zolle presenti nella litosfera. Essi sono spostamenti improvvisi, più o meno forti, della crosta terrestre. La superficie della terra è formata da placche tettoniche, composte da rocce sottoposte continuamente alla collisione di queste placche. Ad un certo punto, quest'ultime non "sopportano" più i continui urti e provocano scosse forti come i terremoti. La loro intensità, si misura con la scala Richter, mentre la scala Mercalli ne attesta i danni. L'Italia è al confine della placca africana e quella euroasiatica.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come impostare lo studio della tettonica delle placche

La tettonica delle placche rappresenta, in sostanza, ciò che ha permesso fino ad oggi la formazione della Terra, le sue trasformazioni, i suoi mutamenti nel corso dei secoli ed anche le trasformazioni future che la Terra subirà. La tettonica delle placche...
Superiori

Scienze: la teoria della tettonica a zolle

Nel 1967 venne formulata la teoria della tettonica a zolle e perfezionata l'anno successivo a opera di D. P. Mckanzie, R. L. Parker e J. Morgan. Si suppone l'esistenza di otto placche principali e di altre secondarie (microplacche) che si muovono con...
Elementari e Medie

La tettonica delle placche

Se siamo degli amanti della scienza della Terra e ci piacerebbe riuscire a conoscere tutti i vari fenomeni che caratterizzano il nostro pianeta, tutto quello che dovremo fare sarà effettuare una semplice ricerca su internet. Sul web, infatti, potremo...
Università e Master

Appunti di geologia: la collisione tra placche convergenti

Nello studio della geologia un capitolo importante è quello che riguarda la tettonica delle placche. Questa è l'attuale teoria, su cui la maggior parte dei geologi concorda, che descrive il pianeta terra suddiviso in varie placche tettoniche in continuo...
Superiori

Come rilevare i terremoti

I terremoti si rilevano utilizzando appositi strumenti; il più antico di cui si ha notizia è il ‘sismoscopio di Zhang Heng’, un dispositivo cinese risalente al 132 d. C. Che, attraverso un pendolo e alcune leve posti all'interno di un’anfora,...
Elementari e Medie

Come aiutare i bambini nel disegno

L'attività grafica di una persona si manifesta principalmente attraverso il disegno, espressione autentica e originale sia dei grandi che dei bambini. Non sempre i nostri piccoli sono portati o interessati a quest'arte, magari perché poco indirizzati...
Superiori

Come trovare l'angolo tra le diagonali di un cubo

Se si disegnano due linee diagonali in un quadrato, si formerebbe una croce al centro e quattro triangoli rettangoli, poiché le due diagonali si incrociano a 90 gradi. Si potrebbe quindi intuitivamente immaginare che due diagonali in un cubo, ognuna...
Università e Master

Come imparare a leggere le planimetrie

Le planimetrie sono delle rappresentazioni bidimensionali su carta, che presentano un edificio in costruzione, un terreno, ecc.Più comunemente chiamate "piante o piantine", si disegnano tramite l'uso di Autocad e alcune vengono disegnate in 3D.Saper...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.