Come Si Dice "Andare" In Tedesco

Tramite: O2O 23/02/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il tedesco è una lingua indoeuropea appartenente al ramo occidentale delle lingue germaniche. È la lingua con il maggior numero di parlanti nativi del continente europeo e dell'Unione europea, parlata come prima lingua e riconosciuta come lingua ufficiale in Germania, in Austria, in Svizzera e in Liechtenstein. All'interno del gruppo germanico è la lingua più diffusa nel mondo dopo l'inglese. Il tedesco è parlato prevalentemente nell'Europa centrale: in Germania, Austria e Svizzera. In Italia il tedesco è riconosciuto come lingua ufficiale regionale assieme all'italiano in Trentino-Alto Adige, dove viene parlato prevalentemente nella Provincia autonoma di Bolzano. Gode inoltre dello status di coufficialità nella Val Canale in Friuli-Venezia Giulia. Dialetti ascrivibili alla famiglia linguistica del tedesco sono parlati dalle minoranze walser del Piemonte e della Valle d'Aosta, da quelle mochene del Trentino e da quelle carnico-germaniche di Sauris, Timau nel Friuli e Sappada. Sempre alla famiglia delle lingue germaniche appartiene la lingua cimbra, parlata dalla minoranza linguistica dei cimbri presente tra Veneto e Trentino. Nei passi della guida a seguire sarà illustrato come si dice "Andare" in tedesco.

25

Il verbo italiano "andare" in tedesco corrisponde a più verbi. La principale differenza da tener presente è che bisogna sottolineare con il verbo il mezzo che si sta utilizzando. Il verbo più utilizzato è "gehen"; esso indica uno spostamento generico senza un mezzo particolare. Esempio: Sollen wir ins Theater Gehen? (dobbiamo andare a teatro?). II verbo "Gehen" ha molti significati. I più frequenti sono: andare, trasferirsi, partire, essere possibile, stare bene/male, funzionare (cose piccole).

35

Un altro verbo molto utilizzato è "fahren"; esso indica uno spostamento con un mezzo (bicicletta, macchina, treno, autobus). Esempio: Wann musst du nach Neapel fahren? (Quando devi andare a Napoli?). Se si utilizza l'aereo come mezzo di trasporto allora bisogna usare il verbo "fliegen".
Esempio:"Ute fliegt nach Florida" (Ute va in Florida). Un altro modo di dire "andare" in tedesco è "reiten", utilizzato quando si va sul dorso di un animale (cavallo, asino, cammello). Esempio: Paola reitet auf einem Kamel durch die Sahara" (Paola ha attraversato il deserto sul cammello).

Continua la lettura
45

Altri due verbi fondamentali nella lingua tedesca sono: "schwimmen" e "laufen". "Schwimmen" significa andare a nuoto. Esempio: Otto schwimmt von Messina nach Villa San Giovanni (Otto nuota da Messina fino a Villa San Giovanni). "laufen" indica uno spostamento a piedi, si usa al posto di Gehen per mettere in risalto il fatto che si sta andando a piedi. Esempio: Sollen wir laufen oder mit dem Auto fahren? (Dobbiamo andare a piedi oppure con la macchina?). Anche il verbo "laufen" ha diversi significati: correre, andare a piedi, scorrere (liquido), funzionare (apparecchi), essere in programma (film).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Inglese: uso del verbo wish

È risaputo che la lingua inglese, costituisce una lingua abbastanza complessa (soprattutto nella grammatica, per quanto riguarda l'uso e la coniugazione dei verbi). Questa lingua infatti, si caratterizza oltre che per la sua ricchezza di contenuti, anche...
Lingue

Come costruire le proposizioni temporali in spagnolo

Lo spagnolo è una lingua romanza e fa parte delle lingue indoeuropee. Diffusa in Spagna, in America Centrale e in alzune zone dell' America Settentrionale senza dimenticare alcune aree asiatiche come le Filippine. Secondo le statistiche, è la terza...
Lingue

Come tradurre le preposizioni subordinate latine

In lingua latina, così come anche in italiano, per quanto riguarda l'analisi del periodo, le proposizioni subordinate (chiamate anche proposizioni secondarie) sono frasi dipendenti sia dal punto di vista grammaticale che logico da un'altra frase, che...
Lingue

Francese: la forma negativa

Tutte le lingue neolatine ovvero quelle che derivano dal latino, hanno una forma negativa che si è sviluppata dagli avverbi di negazione "ne" e "non". Come in tutte le lingue la costruzione e la comprensione della forma negativa è estremamente semplice...
Lingue

Come imparare il russo: alfabeto

Tra le varie lingue più parlate al mondo, quella che viene più utilizzata da circa 300 milioni di persone, è il russo. La lingua russa, è una lingua indoeuropea ed è importantissimo imparare questa lingua, non solo per poter viaggiare tranquillamente...
Lingue

Grammatica francese: il condizionale

I tempi e i modi verbali francesi sono assolutamente simili all'italiano e anche il loro uso è pressoché uguale. Il modo condizionale possiede due tempi, esattamente come nella nostra lingua: il presente e il passato e viene utilizzato quando si deve...
Lingue

grammatica greca: sintassi del periodo

Il greco antico è una lingua cosiddetta "morta", ovvero che non viene più parlata al giorno d'oggi. Il greco moderno in effetti differisce da essa in modo notevole, tanto quanto l'italiano dal latino. Eppure esistono moltissimi termini che usiamo ancora...
Lingue

Consigli e trucchi per migliorare il proprio francese

Conoscere le lingue come ad esempio il francese, al giorno d'oggi è davvero importante, visto che insieme all'inglese e allo spagnolo, sono le più diffuse al mondo e quindi imparale bene, significa potersi affermare in vari settori se si tratta di lavoro,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.