Come si costruisce il past participle in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il past participle è una fra le più importanti forme verbali della lingua inglese, traducibile approssimativamente con il participio passato italiano. Come succede spesso in inglese, esso possiede una costruzione davvero semplice e facilmente comprensibile. Inoltre, vanta molteplici applicazioni utili nella grammatica, sia come ausiliare per formare altri tempi verbali, sia per comporre frasi in modo intuitivo. Nei passi a seguire, spiegherò come si costruisce il past participle in inglese.

25

Esaminare l'infinito del verbo

Anzitutto, per coniugare un verbo al past participle, si deve iniziare dal suo infinito. Esaminare, in primis, il verbo "to work", cioè "lavorare". A questo, aggiungere il suffisso "-ed" (ovviamente non considerando il "to", ma solo il verbo in sé) e ottenere, quindi, la formula "worked", che significa "lavorato". Ovviamente, questa è la formazione base, vale a dire la trasformazione al past participle di verbi regolari che non richiamino determinate condizioni per le quali, invece, sarà necessaria una diversa costruzione grammaticale.

35

Tenere a mente le regole principali

Facilmente si intuisce che, dovendo annettere come suffisso "-ed" per i verbi che all'infinito terminano con la lettera "e", basterà aggiungere solamente la "d". Nel caso di "trade" (scambiare), dunque, il past participle sarà semplicemente "traded". Un'altra regola afferma che se l'infinito si conclude con una "y" preceduta da una consonante, proprio l'ultima lettera dovrà trasformarsi in una "i" prima di affiancare il suffisso tradizionale. Inoltre, può succedere di dover raddoppiare la consonante posta alla fine del verbo, prima della modifica di rito: per esempio "admit" (ammettere), risulterà "admitted".

Continua la lettura
45

Impegnarsi nella lettura di libri, articoli o pagine online in lingua inglese

Oltre ai casi già elencati, esistono i famosi quanto temuti verbi irregolari: essi formano il past participle senza basarsi su altre forme o sull'aggiunta predefinita di suffissi, ma hanno costruzioni del tutto proprie ed indipendenti. In questo caso, verbi come "teach" (insegnare), al past participle, diverrà addirittura "taught", o ancora "make" (fare, produrre), che si trasformerà in "made". Queste irregolarità devono necessariamente essere imparate a memoria, ma trattandosi comunque di verbi molto comuni si fa davvero in fretta a memorizzarli. A questo proposito, per assimilarli al meglio, si consiglia di impegnarsi nella lettura di libri, articoli o anche pagine online in lingua inglese, affinché si possa notare e prendere dimestichezza di volta in volta con queste forme non convenzionali. Buon lavoro!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come Utilizzare Il Periodo Ipotetico Di 3° Tipo In Inglese

Nella lingua inglese il periodo ipotetico (conditional sentences) si forma con una proposizione principale, a cui segue una subordinata. Con il periodo ipotetico si possono esprimere differenti tipologie d'ipotesi o eventualità. Il periodo ipotetico...
Lingue

Come Utilizzare Il Past Perfect Continuous

Il past perfect continuous è un costrutto utilizzato dagli inglesi per indicare un'azione che si è verificata nel passato ma le cui conseguenze sono ancora visibili nel presente; questa costruzione è utilizzata meno frequentemente delle altre. Nei...
Lingue

Inglese: il periodo ipotetico

Il periodo ipotetico rappresenta quella struttura sintattica che indica, appunto, un'ipotesi oppure una congettura, nonché la conseguenza che essa comporta. In buona sostanza esso è formato da una proposizione principale, detta anche reggente, e da...
Lingue

Inglese: il simple past

Nella lingua inglese il simple past o passato semplice è una forma verbale molto frequente. Appartiene alla categoria dei tempi semplici, cioè privi di ausiliari. Si adopera per descrivere azioni accadute e definitivamente concluse. Si utilizza anche...
Lingue

Inglese: come usare il past continuous

La grammatica inglese, anche se di primo acchito può apparire difficile, è molto più semplice di quella italiana. Una delle difficoltà maggiori, nel momento in cui viene studiata, è rappresentata dai verbi e dalla loro coniugazione. Per quanto riguarda...
Lingue

Inglese: past simple o past continuous

La lingua inglese richiede una conoscenza approfondita, in quanto rappresenta la lingua più parlata nel mondo. Per poter interagire facilmente durante i viaggi e ampliare la propria cultura personale è utile imparare bene le regole grammaticali. In...
Lingue

Inglese: i verbi regolari

La lingua inglese è ormai sempre più importante per studenti e lavoratori di tutto il mondo. Si tratta infatti della lingua universale che unisce sempre di più i popoli ed il sapere soprattutto scientifico e tecnologico. Imparare l'inglese è diventata...
Lingue

Come utilizzare il past simple o il present perfect in inglese

Per poter viaggiare in tutto il mondo e conoscere nuove culture è bene prima imparare a parlare in inglese, ormai diventata la lingua più famosa e diffusa al mondo, partendo comunque dalle basi, necessarie per poter apprendere via via argomenti sempre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.