Come Sfruttare Le Forme Derivate Del Verbo Inglese Think

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

L'inglese è diventata oramai da anni la lingua universale, in quanto viene studiata o parla in tutti i paesi sviluppati del mondo; la conoscenza di questa lingua, infatti, è uno dei requisiti specificatamente richiesti dalla maggior parte delle aziende ai propri candidati. Le forme verbali inglesi differiscono da quelle italiane soprattutto per la presenza delle derivate, ovvero di forme verbali ridotte. Nella seguente guida focalizzeremo la nostra attenzione in particolare come sfruttare le forme derivate del verbo inglese "think", che in italiano si traduce in "pensare", "credere" o "immaginare.

24

In italiano, questo verbo possiamo utilizzarlo per fare dei discorsi tipicamente indiretti; ovvero quando abbiamo la necessità di dire qualcosa del tipo "Io penso che...", che traduciamo in inglese con "I think that...". Lo scopo di questa guida, invece, è quello di concentrarsi su delle forme derivate o estese del verbo Think. La prima di queste che andremo ad analizzare è quella che possiamo utilizzare quando desideriamo esprimere un pensiero fatto anticipatamente, che in inglese si traduce con "think ahead".

34

Se dobbiamo tradurre una situazione come: "Stiamo pensando già ora (cioè anticipatamente) alla prossima estate", possiamo usare la forma "We are thinking ahead to next summer". Se invece dobbiamo tradurre un'espressione che indica la progettazione di un piano, la lingua inglese ci dà la possibilità di usare una forma diversa del verbo Think, ossia "think up". Nel caso in cui stessimo progettando un ottimo piano d'affari, lo potremo tradurre in questo modo: "You are thinking up a good business plan". Andiamo ad analizzare ora le espressioni curiose che coinvolgono il verbo Think

Continua la lettura
44

In italiano, quando si verifica una situazione in cui siamo molto felici di una cosa o di una persona, possiamo esprimere apertamente questa nostra emozione con delle frasi del tipo: "Noi stravediamo per questo tipo di musica". In inglese, questa situazione si traduce con una forma derivata utile che in in questo caso sarà: "think the world of". Così facendo, avremo ottenuto la forma derivata della frase che in foma normale sarebbe stata: "I think the world of this type of music". Infine, per concludere le informazioni sull'utilizzo delle forme derivate, prendiamo in esame una situazione in cui, a volte, pensare una sola volta può non bastare, allorché è opportuno utilizzare l'espressione "Think twice about", che letteralmente significa "ripensarci".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come usare il pronome personale soggetto in inglese

È ormai risaputo che la lingua inglese non consente di omettere il pronome personale soggetto nelle frasi. Tutto questo è causato dal fatto che a differenza della coniugazione italiana nei verbi, omettendo il pronome personale in inglese, non si capisce...
Lingue

Gli ausiliari nella lingua inglese

Se stiamo pensando di imparare la lingua inglese, sicuramente per riuscirci dovremo imparare tutte le regole grammaticali per poter formulare in maniera corretta una frase, e allo stesso tempo dovremo conoscere anche la pronuncia per riuscire a dialogare...
Lingue

Inglese: il futuro con to be going to

Conoscere l'inglese è ormai fondamentale, perciò è necessario studiarlo e imparare almeno le basi della grammatica inglese. Non bisogna agitarsi, perché l'inglese possiede delle norme sintattiche e morfologiche molto semplici rispetto alle altre lingue...
Università e Master

Come usare le forme derivate del verbo put

Il verbo inglese "to put" di base significa "mettere". Ha un paradigma che più facile non sarebbe possibile, esso infatti recita: "to put-put-put": infinito & presente = passato = participio passato. Maggiore interesse troviamo invece analizzando le...
Lingue

Come pronunciare correttamente una parola in lingua straniera

Un italiano che si appresta ad avvicinarsi allo studio di una nuova lingua si accorge in breve tempo che una delle maggiori difficoltà è rappresentata dalla pronuncia. Infatti, mentre nella nostra lingua madre ad una lettera corrisponde normalmente...
Superiori

Latino: le quattro coniugazioni

Lo studio della lingua latina oggi è particolarmente diffuso in molte scuole d'Italia, in quanto è stata riconosciuta come la lingua ufficiale delle antiche civiltà ed è la lingua base delle moderne lingue. In questa guida analizzeremo le quattro...
Superiori

Latino: verbi anomali

Nella lingua latina possiamo trovare un certo numero di verbi che non appartengono alla cosiddetta coniugazione regolare a causa di alcune anomalie nella flessione. Le anomalie possono riguardare i temi per la formazione dei tempi fondamentali o i mutamenti...
Lingue

Come formare il participio passato in francese: verbi regolari e irregolari

Il passato prossimo, chiamato "passè composè" in francese, si utilizza per descrivere situazioni o stati passati, che si sono già conclusi. Nella lingua parlata si preferisce usare il passè composè al posto del passè simple. Come formare il passè...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.