Come separare azoto e ossigeno

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Il cosiddetto processo di "frazionamento dell'aria" è utile per ottenere azoto ed ossigeno puri ed è impiegato in campo industriale per vari scopi. Separare azoto ed ossigeno significa sostanzialmente dividere l'aria nelle sue componenti e si ricorre a delle colonne di distillazione che vengono poste ai piedi degli impianti di liquefazione dell'aria. Lungo questa guida capirete come avviene la separazione dell'azoto e dell'ossigeno mediante il sopraccitato impianto di frazionamento. Di seguito tutti i dettagli sull'argomento.

26

Occorrente

  • Colonne di distillazione
36

L'impianto di frazionamento utilizzato oggi, è caratterizzato dalla presenza di due colonne, dette, appunto, "colonne di distillazione", con differente pressione al loro interno. La prima a pressione atmosferica, mentre la seconda ha una pressione che si aggira, indicativamente, tra le 4 e le 5 atmosfere. In passato si sono impiegate per lo scopo anche delle colonne semplici ed altre chiamate "doppie differenti", mentre per il "processo di Claude" veniva usata la "colonna Claude". Vediamo però di capire il funzionamento della macchina frazionatrice utilizzata al giorno d'oggi, ovvero la prima citata.

46

COLONNA D'ALTA PRESSIONE - L'aria viene compressa a 200 atm e passa all'interno del ribollitore, ove si espande per essere incanalata verso la prima colonna, che come detto ha una pressione più elevata, di 5 atm. In questo modo l'aria diventa un fluido riscaldante del bollitore.
Lungo il processo d'espansione si assiste ad un raffreddamento, mentre la liquefazione avviene solo parzialmente.
Nella colonna in questione avviene un processo di distillazione dell'aria caratterizzata dai suoi principali costituenti: vengono così raccolti sul fondo l'ossigeno al 40%, l'azoto al 60% mentre in testa viene raccolto l'azoto al 98%.

Continua la lettura
56

COLONNA CON PRESSIONE ATMOSFERICA - si tratta della seconda colonna, nella quale avviene un processo teso all'ottenimento dell'azoto puro in testa e di ossigeno liquido al 95% al fondo.
Le due colonne, quella ad alta pressione e quella atmosferica, sono normalmente sovrapposte, anche se negli impianti di ultima generazione si possono separare, in maniera tale da poter incanalare l'ossigeno liquido verso la testa della colonna ad alta pressione mediante delle pompe.
Nella vecchia colonna Claude, invece, si utilizzava un cosiddetto "processo di ritorno" in quanto non erano presenti, come nell'impianto ora utilizzato, due colonne. Il processo di separazione era infatti meno efficace e poco controllabile.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Poiché si tratta di un processo industriale, per il quale bisogna possedere adeguate conoscenze teoriche e tecniche, si rimanda ai manuali di fisica per ulteriori approfondimenti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Guida ai pianeti del sistema solare

Studiare per molti ragazzi non è mai una gioia ma ci sono certe materie che esercitano sempre un certo fascino nelle giovani menti, le quali, una volta che si comincia a parlare di quell'argomento, proiettano le loro menti ad immagini fantastiche, e...
Elementari e Medie

Come rilevare ossigeno nell'aria

L'aria è l'involucro che compone l'atmosfera terrestre, si compone di un miscuglio di gas di cui 4/5 di azoto e 1/5 di ossigeno. In quantità minore, sono presenti altri gas e minuscole particelle solide come polveri, microrganismi e acqua. L'efficacia...
Superiori

Chimica: la struttura dell'atomo

Tutto ciò che ci circonda è composto da piccolissime unità di materia, chiamate "atomi", invisibili all'occhio umano ma visibili al SuperSTEM, un microscopio elettronico ad altissima precisione made in UK. Queste unità possono formare legami tra loro,...
Superiori

Come realizzare un semplice schema sui gruppi funzionali organici

Una branca molto importante della chimica è rappresentata, senza dubbio, dalla chimica organica, che ha come oggetto lo studio dei processi biologici. Nell'ambito di questa materia non sempre risulta di agevole comprensione la vasta gamma di reazioni...
Università e Master

Come determinare l'analisi dei protidi grezzi con il metodo Kjeldhal

Il metodo Kjeldahl è un metodo analitico messo a punto dal chimico danese Johan Kjeldahl che permette di determinare il contenuto in azoto di sostanze organiche e inorganiche. Il campione (0,5-5 g) viene riscaldato tramite piastra riscaldante ad alta...
Superiori

Come funzionano i vasi comunicanti

Il principio dei vasi comunicanti consiste in quella legge fisica la quale stabilisce che un liquido contenuto in due o più contenitori tra di loro comunicanti, si ritrova a raggiungere lo stesso livello, in presenza della forza di gravità. Questo principio...
Superiori

Biologia: proteine, zuccheri e grassi

La Biologia è lo studio della vita (Bio = vita e Logos = studio), essa studia le sostanze organiche e inorganiche. Le sostanze organiche principali sono: gli zuccheri, le proteine, gli alcoli o idrocarburi, i grassi e gli acidi nucleici (DNA e RNA)....
Superiori

Appunti di chimica

La chimica è la scienza che studia la composizione e le proprietà della materia.In particolare, si occupa di studiare le sue componenti microscopiche (atomi e molecole) e leinterazioni fra di esse sotto forma di reazioni chimiche. Due importanti branche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.