Come scrivere un tema alla scuola primaria

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il tema può essere sezionato in tre parti: la prima è l'introduzione, poi segue il corpo del testo caratterizzato dalla parte più descrittiva e, infine, la conclusione. Il primo passo per poter superare la paura del foglio bianco e mettere qualcosa su carta è pensare attentamente a come organizzare le idee, facendo attenzione a seguire lo schema precedentemente appuntato da un lato e a non uscire fuori traccia. Ecco come scrivere un tema alla scuola primaria.

26

L'introduzione del testo deve essere un'anteprima di ciò che si andrà a sviluppare nel corpo e centrare, in poche righe, l'argomento della traccia assegnata. Deve destare curiosità e interesse nel lettore, quindi in questo caso dell'insegnante, portandolo a voler proseguire la lettura del tema.

36

Lo studio effettuato sarà importante per avere tutte le informazioni necessarie a descrivere l'argomento del tema nel modo più corretto e spiegare gli aspetti maggiormente rilevanti. Questa fase viene sviluppata nella parte centrale dell'elaborato, nella quale è possibile anche dilungarsi un po' di più su determinati argomenti che si intende trattare piuttosto che altri. È fondamentale quando si scrive esprimere un pensiero alla volta per evitare una confusione narrativa, non contraddirsi nelle affermazioni e prestare attenzione alla grammatica, evitando errori di ortografia.

Continua la lettura
46

La terza parte, infine, consiste nella conclusione nella quale è possibile e consentito esprimere dei pareri personali sull'argomento trattato ma anche eventuali consigli, suggerimenti e così via. Questo è il momento in cui vanno tirate le somme di tutte le argomentazioni precedentemente trattate ed è anche la parte più personale e soggettiva di tutto l'elaborato scritto.

56

Nel caso in cui si deve scrivere un tema storico, è necessario parlare nell'introduzione dei fatti antecedenti e di quelli seguenti all'argomento in questione; dopodiché sviluppare l'evento storico e nello svolgimento soffermarsi molto sull'accaduto, analizzando le date e le circostanze rilevanti. Nella conclusione, bisogna raccontare la fine dell'evento, senza la necessità di esprimere gli stati d'animo o le riflessioni. Riportare la data in cui la vicenda si è conclusa. Nel caso in cui il tema da elaborare è inerente ad una giornata particolare, come ad esempio il 25 aprile oppure l'11 maggio, è necessario scrivere nell'introduzione la data e il perché della nascita di questa festa, svolgerlo e concluderlo con le proprie opinioni e stati d'animo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • ofondita

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come insegnare l'intercultura nella scuola primaria

Nella seguente pratica e semplice guida, che leggerete in seguito, vi spiegheremo come occorre insegnare l'intercultura nella scuola primaria esausticamente. Attualmente la presenza degli alunni stranieri, è un fatto strutturale praticamente: la scuola...
Elementari e Medie

Scuola primaria: come risolvere i problemi dei primi giorni

La scuola primaria, più comunemente chiamata scuola elementare, è un passo importante per qualsiasi bambino. Si inizia a concepire il concetto di una vera e propria classe di scuola, fatta di studio, amicizie e tanta voglia di imparare. Però, come...
Elementari e Medie

Le principali risorse didattiche nella scuola primaria

La scuola primaria è uno dei primi luoghi di apprendimento; pertanto, gli insegnamenti, le esercitazioni e le socializzazioni che nascono e si sviluppano in questo ambiente sono di importanza vitale per la formazione di ciascun individuo. Gli insegnanti,...
Elementari e Medie

Geografia per la scuola primaria

In questa guida si parlerà di una materia oggi un po' bistrattata, ma che riveste molta importanza per l'acquisizione degli strumenti necessari all'orientamento dell'individuo, al suo sapersi "collocare nel mondo, non solo fisicamente. Stiamo parlando...
Elementari e Medie

Scuola primaria: le caratteristiche del mito

Nella scuola primaria, racconti quali il mito e la leggenda, vengono spiegati attraverso quelle che sono le loro caratteristiche e differenze. In questo articolo esamineremo da vicino il mito (in greco, mythos), inteso come quella parte fantastica di...
Elementari e Medie

Come spiegare le sottrazioni in colonna

A partire dalla scuola primaria i bambini iniziano ad imparare ad eseguire le sottrazioni in colonna. Non è esattamente un procedimento semplice da spiegare ai più piccoli: mentre è facile capire come si fa ad aggiungere ad una certa quantità un'altra,...
Elementari e Medie

Come fare le addizioni sull'abaco

I bambini, nella prima classe della scuola primaria, quando iniziano ad eseguire le prime addizioni di matematica sono soliti servirsi della linea dei numeri o dell'abaco. Quest'ultimo strumento viene rappresentato sui quaderni a quadrettoni attraverso...
Elementari e Medie

Come scegliere la cartella per la scuola

L'inizio del nuovo anno scolastico vede protagonisti, oltre bambini e ragazzi che inizieranno il nuovo periodo di studi, anche noi genitori. Saremo noi infatti, a dover provvedere all'acquisto di tutto il materiale necessario, primo fra tutti lo zaino....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.