Come scrivere un bel tema di italiano

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Da qualche tempo il mese di giugno è sinonimo di esame di Stato. Migliaia di studenti per poter completare il ciclo di studi devono affrontare gli ultimi esami e preparare le tesine sugli argomenti scelti. Per i ragazzi che frequentano il liceo scientifico le prime 2 prove scritte sono italiano (il primo giorno) e matematica (il secondo). Per la prova di matematica basta esercitarsi su equazioni, problemi, derivate ed integrali. La prova di Italiano invece presenta più incognite in quanto gli argomenti sono molteplici. Questo è il motivo per cui tantissimi studenti preferiscono il tema a traccia libera rispetto all'analisi del testo. In questo caso si ha maggior libertà di pensiero senza doversi attenere ad un argomento preciso e limitato. Il tutorial guida dà dei consigli su come scrivere un bel tema di italiano.

26

Occorrente

  • Foglio a righe
  • Penna
36

Il primo passo da fare è sicuramente quello di leggere con molta attenzione la traccia. Così facendo si evita di correre il rischio di uscire fuori tema e rendere vani i propri sforzi. Siccome viene prevista la scelta tra molteplici tracce è consigliabile riflettere bene sulla decisione da prendere. Non bisogna essere superficiali; è opportuno leggere tutte le tracce più di una volta con parsimonia. La scelta va fatta per gli argomenti che danno più sicurezza.

46

Dopo aver scelto la traccia bisogna iniziare scrivendo l'introduzione; essa deve spiegare ciò che si vuole trattare. L'introduzione deve essere abbastanza lunga ed accattivante. Infatti, cominciare bene è sempre importante. È consigliabile non essere troppo prolissi nell'introduzione altrimenti il professore che deve correggere il tema si può stancare. Successivamente si deve passare alla stesura dell'argomento. Bisogna fare una descrizione approfondita cercando di esplicare tutte le proprie conoscenze. È opportuno fare (dove necessario) anche riferimenti storici, politici, sociali con eventuali proprie considerazioni.

Continua la lettura
56

Infine, c'è la conclusione; essa rappresenta l'epilogo del proprio scritto. È consigliabile dare un'impronta personale alle considerazioni finali. Non è opportuno ricercare frasi ad effetto, ma bisogna essere il più spontanei possibile. Dopo aver concluso la stesura del tema non ti resta che rileggerlo più volte. Ciò dà la possibilità di eliminare eventuali errori grammaticali o di sintassi. Solo dopo aver corretto il tema si può copiare in bella su un foglio protocollo. Durante questa fase del lavoro bisogna stare attenti alla punteggiatura.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scegliere la traccia che fa per te
  • Rileggere più volte il tema

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come scrivere correttamente un articolo di cronaca

Il linguaggio giornalistico italiano contemporaneo tende sempre più verso un ideale stilistico di vivacità e di brillantezza. Oggi come oggi, precisamente, si tende ad allontanarsi dalla cosiddetta "retorica dell'oscurità" per avvicinarsi alle esigenze...
Università e Master

Teorema di Desargues: dimostrazione

Come avrete già potuto comprendere leggendovi il titolo che accompagna la nostra guida, ora ci concentreremo su un tema davvero importante. La materia che tratteremo sarà la geometria analitica, in quanto proveremo, nei prossimi tre passi, a spiegare...
Superiori

La filosofia di Friedrich Nietzsche

Friedrich Nietzsche nacque il 15 Ottobre 1844 a Rocken, nei pressi di Lipsia, e la propria filosofia è in contrasto con la tendenza ottocentesca: infatti, egli analizza dettagliatamente la decadenza sociale a partire dall'antica Grecia, sfatando il mito...
Elementari e Medie

Come fare un tema su un libro

La lettura ci arricchisce molto culturalmente. Essa potrebbe essere uno svago, un divertimento. Per svolgere un tema è necessario seguire una scaletta, aggiungendo considerazioni personali per darle originalità. I principali punti di cui bisogna tener...
Università e Master

Come scrivere le conclusioni di una tesi di Laurea

La tesi di laurea è uno dei lavori finali e conclusivi del ciclo di studi. Un lavoro a parte che a seconda del tipo di tesi e dell'argomento gli si dedica un bel po' di tempo. Al di là di quale sia l'argomento, il tipo di tesi e tutte le altre caratteristiche,...
Elementari e Medie

Come fare l'analisi grammaticale di un verbo

La grammatica italiana è abbastanza complessa rispetto alle altre lingue come l'inglese; infatti, sono presenti varie particelle che devono essere analizzate singolarmente, come ad esempio: i nomi, i verbi, gli aggettivi, gli avverbi o le preposizioni....
Superiori

Come descrivere un luogo in un tema

All'interno di questa guida andremo a occuparci di descrizioni. Nello specifico, andremo a spiegare come descrivere un luogo in un tema. Descrivere un luogo, un ambiente, una stanza, non è semplice come potrebbe sembrare. Infatti, per effettuare un buon...
Superiori

Come descrivere una persona in un tema

Nel corso della proprio vita scolastica a volte possiamo imbatterci in alcune difficoltà. A tal proposito è fondamentale saper affrontare al meglio questi ostacoli, che possiamo trovare nel percorso dei nostri studi. Questa guida si focalizza sullo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.