Come scrivere la lagrangiana in meccanica

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Eccoci qui, ancora una volta a proporre ai nostri lettori un argomento alquanto interessante ed anche sempre attuale. Stiamo parlando del come far eper scrivere la Lagrangiana in meccanica, nella maniera più smeplice e veloce possibile.
Inizizamo subito la nostra guida con il dire e specificare che la meccanica lagrangiana risulta essere esattamente una riformulazione delle specifiche teorie meccaniche. In tali teorie, la lagrangiana si ottiene precisamente dalla differenza tra l'energia potenziale e l'energia cinetica. Continuate, dunque, a leggere questa importante guida per comprendere in maniera relativamente facile e rapida come scrivere la lagrangiana in meccanica. Buon lavoro e buon divertimento!

28

Occorrente

  • penna
  • foglio
  • conoscenze di base della teoria
38

La forma di una lagrangiana

Ovviamente la forma di una lagrangiana varia in modo piuttosto significativo in relazione ai diversi esercizi. Dunque, si inizia esattamente con l'impostare gli assi cartesiani del problema. Risulta essere estremamente opportuno scegliere con attenzione dove posizionare gli assi, in quanto questa operazione potrebbe semplificare notevolmente i vostri precisi calcoli.

48

Definizione dei gradi di libertà

Giunti a questa specifica fase dell'operazione, dovrete definire i gradi di libertà, che corrisponderanno esattamente al numero di coordinate generalizzate che compariranno nella vostra lagrangiana. Si usa quindi la formula: n=3N-k dove N indica precisamente il numero delle particelle prese in considerazione e k il numero di relazioni matematiche che definiscono i vincoli olonomi del problema.

Continua la lettura
58

Definizione dell' energia cinetica

Bisogna quindi definire necessariamente l'energia cinetica, partendo precisamente dall'espressione delle coordinate posizionali per ogni particella che compare nel vostro problema. Per ogni particella si fanno le derivate delle coordinate, queste si elevano al quadrato e si sommano, ottenendo così le velocità al quadrato. L'energia cinetica totale sarà quindi data esattamente dalla la somma di tutte quelle ottenute per ogni singola e specifica particella.

68

Definizione dell'energia potenziale

Per quanto riguarda invece l'energia potenziale, essa varia da problema a problema a seconda del tipo di forze presenti. Principalmente avrete a che fare con energia potenziale gravitazionale ed energia potenziale elastica. La prima cosa da fare risulta essere quella di fissare il livello zero di energia potenziale per ogni tipo di energia presente.
Anche in questo caso una buona scelta permette di semplificare notevolmente i calcoli.
Si utilizzano quindi le note formule per esprimere le energie.
Ad esempio U=mgh+ho nel caso dell'energia potenziale gravitazionale e U=(1/2) k (x-xo)^2 nel caso dell'energia potenziale elastica, dove appunto ho e xo variano a seconda del livello di base. Potete così scrivere la vostra lagrangiana che dalla teoria risulta essere: L=T-U.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Al passo 2: Nella formula dei gradi di libertà compare la cifra 3 in quanto si suppone che il problema sia tridimensionale; se il problema è impostato nel piano si può utilizzare la cifra 2.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Appunti di meccanica razionale

La meccanica razionale è un esame molto temuto dagli studenti universitari della facoltà di ingegneria. Questo richiede una solida base degli esami principali del corso universitario e diverse ore di studio per una comprensione ottimale che permetta...
Università e Master

Equazioni di Eulero-Lagrange

La scuola è stata la struttura che ci ha accolti per tanti anni all'insegna dell'apprendimento e dello studio, che sia stato l'italiano o lingue o matematica, ognuna con difficoltà differenti ma, come tutte le cose non si finisce mai di conoscere. In...
Superiori

Fisica: il principio di conservazione dell'energia

In fisica, un principio fondamentale è quello di conservazione dell'energia. Secondo questo principio, in un sistema isolato (cioè dove non esistono forze esterne) l'energia totale si mantiene sempre quantitativamente uguale, anche se avvengono trasformazioni...
Superiori

Come Calcolare L'Energia Potenziale Di Un Corpo

Con il termine di energia potenziale di un oggetto, si intende l'energia che questo stesso oggetto possiede a causa della sua posizione a discapito di un campo di forze a lui riferite. Nel caso si tratti di un sistema, l'energia potenziale può dipendere...
Università e Master

Come risolvere un problema di fisica con la conservazione dell'energia

Va detto prima di tutto che, nell'analisi classica della fisica meccanica la maggior parte delle grandezze analizzate sono di natura vettoriale e ciò a volte può risultare non molto comodo da un punto di vista computazionale. Per tale motivo si predilige...
Superiori

Appunti di fisica: l'energia cinetica

La fisica tra le varie branchie parla anche di energia cinetica, che è importante per conoscere la velocità di corpi e masse sia da fermo che in fase di accelerazione. In riferimento a ciò, nella seguente guida, ci sono alcuni esaustivi appunti utili...
Università e Master

Teorema dell'energia cinetica: dimostrazione

L’energia cinetica rappresenta una struttura di forza derivante da un oggetto in movimento, che viene originato dalle dimensioni contraddistinguenti il moto dell’oggetto mediante l’espressione "E = 1/2mv2", dove "m" determina l’insieme dell’oggetto...
Università e Master

Teorema del guscio sferico: dimostrazione

Il teorema del guscio sferico, o semplicemente teorema del guscio, rappresenta una semplificazione dello studio della gravitazione di corpi con simmetria sferica. >Fu formulato da Isaac Newton (matematico, fisico, filosofo naturale e astronomo inglese)...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.