Come scrivere il proprio nome in Arabo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

La scrittura araba è sicuramente fra le più affascinanti ed eleganti al mondo, purtroppo però è anche molto difficile da imparare o almeno, questa è ciò che pensa il 90% della popolazione occidentale, oggi vi dimostrerò quanto vi sbagliate! Infatti, una volta assimilati alcuni concetti basilari della pronuncia e della scrittura, preso confidenza con i caratteri dell'alfabeto Arabo, scoprirete che scrivere il vostro nome utilizzando questi simboli, in realtà, è più semplice di quanto possiate immaginare. Ecco dunque come scrivere il proprio nome in arabo attraverso pochi e semplici passaggi, in cui saranno illustrati utili consigli in merito per poter iniziare.

29

Occorrente

  • Computer
  • Fogli
  • Penne
39

Tabelle grafiche

Scrivere il proprio nome in arabo non è poi così difficile, seguendo i suggerimenti di questa guida e avendo un po' di pazienza potrete esercitarvi più volte e provare a scrivere il vostro nome. In men che non si dica riuscirete a farlo senza grosse difficoltà e inizierete a padroneggiare la scrittura araba. Per prima cosa munitevi di una tabella che riporti tutte le lettere arabe e tutte le loro rappresentazioni grafiche. Noterete, infatti, che a differenza dell'italiano, nella scrittura araba ogni lettera ha quattro rappresentazioni grafiche diverse: isolata, iniziale, finale, centrale (in mezzo alla parola). Come in tutte le lingue vi sono delle eccezioni, in quanto alcune lettere, si dice "non leghino" a destra o a sinistra, ovvero con la lettera che le precede o con quella che segue. È proprio questo il motivo per cui talvolta un'unica parola araba, appare agli occhi di chi non conosce la lingua e l'alfabeto come più parole distinte l'una dall'altra.

49

Lettura del nome

Se state cercando il modo corretto di scrivere il vostro nome in arabo per un tatuaggio o hai bisogno di essere sicuro che sia assolutamente preciso, allora dovreste prendere in considerazione una traduzione professionale del nome. La scrittura araba, a differenza di quella occidentale va letta da destra verso sinistra. La prima lettera dell'alfabeto arabo è la " Alif ", corrispondente al nostro suono "a", l'ultima è la cosiddetta "hamza", corrispondente ad un "glottal stop", ovvero un simbolo che sta ad indicare una consonante tronca, priva di vocale, che nel parlato si traduce con un blocco dell'emissione di aria brevissimo, prima di pronunciare la lettera successiva. In italiano questo avviene quando, per esempio diciamo "Ha avuto", in cui l'apostrofo indica appunto la presenza del blocco sopracitato. In arabo le vocali brevi di solito non sono scritte. Quindi un breve suono "e" come nella parola "wet" non verrebbe scritto, risultando in "wt". Tuttavia, nei nomi stranieri le vocali brevi sono spesso trasformate in lunghe vocali che fanno parte dell'alfabeto arabo. Questo è fatto in modo che sia più facile riconoscere le parole come nomi. Ad esempio: il nome "Angela" verrebbe scritto in arabo in questo modo: أنجيلا
Questo è pronunciato "anjeelaa".

Continua la lettura
59

Vocali brevi e vocali lunghe

Da questo punto di vista è importante ricordare che in arabo esistono vocali brevi e vocali lunghe, le quali possono stravolgere completamente il significato di una parola, fenomeno che nell'italiano non si verifica, in quanto la pronuncia della singole lettere non ha valore semantico. Di seguito troverete gli esempi più comuni di queste diversità e consigli su come tradurle :
"c" presente in Alice, calcio-->suono "t" seguito da suono " sc "---->تش;
"g" presente in Giulia, Foggia --> suono "j", tipico del francese, es: "Jean"----> ي;
"v" in arabo non esiste ---> suono "f", diverso ma simile--->و
"z" sorda presente in Lorenzo-->suono "t" seguito da suono "z" dolce-->ر ض ;
"e" inesistente in arabo-->suono "i"---> che verrà trascritto come un trattino obliquo al di sotto della consonante che la precede se la vocale è corta, oppure con la lettera " Ya " se ci troviamo di fronte ad una vocale lunga --->ذ ;
"o" inesistente in arabo--->suono "u"-> che si tradurrà con un simbolo identico alla F araba sopracitata solo posto in piccolo, al di sopra della consonante che la precede, oppure, nel caso di "u" lunga con la lettera "waw"--->ث;
"p" inesistente in arabo------> suono "b" ------>ب ;
"qu" presente in Acquaviva---->suono "K" seguito da "u"--->كو .

69

Scrittura del nome

Ora potete iniziare a scrivere i suoni del vostro nome da tradurre, ricordate: fate attenzione a trascrivere i suoni del nome, non le lettere, in "Giulia" ci sono sei lettere, ma solo cinque suoni, in quanto la prima "i" non viene pronunciata, dunque non va trascritta. Una volta individuati i suoni scriveteli sul foglio separatamente, per esempio, nel trasporre il nome G-U-L-I-A A-Q-U-A-V-I-V-A non terremo conto né della prima "i" né della "c" di Acquaviva, in quanto esse non vengono pronunciate ma solo scritte.

79

Nomi equivalenti

Per alcuni nomi occidentali ci sono equivalenti arabi. Questo è particolarmente vero per i nomi con uno sfondo biblico, come David o Abraham, che diventano Dawood e Ibraheem. In questo caso si possono utilizzare gli equivalenti arabi o con la traduzione diretta del suono ("Daafeed" e "Abrahaam"). Esistono spesso diverse traduzioni arabe accettabili per un singolo nome. Questo può dipendere dal gusto o dalla semplice convenzione. Di solito, è una scommessa sicura usare il nome che viene utilizzato più frequentemente. Un modo per scoprire quale traduzione è più popolare è mettere le alternative in un motore di ricerca e confrontare il numero di risultati restituiti. Grazie alla tecnologia, infatti è possible tradurre tutti i nomi in tutte le lingue universali, non avendo più problemi, sia di tempo che di comprensione.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Si consiglia di essere cauti, poiché alcune traduzioni di nomi sono anche parole in arabo o in persiano, che potrebbero distorcere i risultati di ricerca online
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come scrivere l'elenco fonti in una tesi

Tutti gli studenti universitari si trovano prima o poi alle prese con la stesura di una tesi. E non solo loro. Capita agli studenti del liceo, agli studiosi, ai letterati, ai professori. Una tesi ha una struttura molto simile a quella di un libro di testo....
Università e Master

Come scrivere una tesi di dottorato

Scrivere una tesi di dottorato sancisce il termine del proprio studio e la possibilità di affacciarsi nel mondo lavorativo. Ovviamente, dato il passo tanto importante, nessuno tiene a fare una brutta figura davanti alla commissione d'esame ma tutti ambiscono...
Università e Master

Come scrivere una relazione scientifica

Scrivere una relazione scientifica vuol dire creare un testo avente l'obiettivo di informare sui risultati di studi ed esperimenti, mediante una struttura fissa ed un metodo definito appunto scientifico. I destinatari di questa informazione sono gli addetti...
Università e Master

Come scrivere un testo giuridico

Scrivere un testo giuridico potrebbe essere spesso necessario per superare l'esame scritto di un concorso pubblico od una prova orale. Ciò presuppone la conoscenza dei rudimenti della materia, essendo complicato scrivere un testo giuridico senza conoscere...
Università e Master

Consigli per scrivere bene una tesi di laurea

La tesi è l'ultima tappa per il conseguimento della laurea, meta così ambita e faticosa. Una volta superato tutto il percorso del piano di studi, comprensivo degli esami, bisogna dedicarsi a scrivere bene una tesi di laurea. Spesso il solo pensiero...
Università e Master

Come scrivere una lettera ad un insegnante

La lettera è una forma di comunicazione, utilissima in caso di elevata distanza. Al giorno d'oggi, si ricorre spesso alle e-mail e molto meno alle lettere, tuttavia ci sono casi in cui una lettera su carta potrebbe essere preferibile, per via di esigenze...
Università e Master

Come scrivere le note in una tesi di laurea

Preparare la tesi è un lavoro di grande impegno. La tesi di laurea infatti è il risultato di anni di sacrifici ed impegno e deve essere un lavoro dettagliato e preciso non solo per ottenere una soddisfazione personale maggiore ma anche per soddisfare...
Università e Master

Come scrivere un abstract di una tesi

Dopo aver superato l'ultimo esame all'Università, è necessario presentare una tesi di laurea da esporre nel giorno di una sessione di laurea.. Per redigere una tesi di laurea, è preferibile chiedere suggerimenti al docente prescelto (anche per quanto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.