Come scegliere un insegnante per ripetizioni

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando i nostri figli hanno difficoltà in alcune materie scolastiche, c'è bisogno di un insegnante privato che li aiuti con delle ripetizioni. Lo scopo di questa guida è quello di fornire un aiuto nella scelta della figura adatta. I criteri di scelta saranno principalmente due: l'aspetto puramente pedagogico e quello, non meno importante, psicologico e relazionale. Ecco come scegliere un insegnante per ripetizioni.

26

Occorrente

  • molto amore, molta pazienza, molto senso dell'umorismo.
36

Il gioco

Partiamo da un presupposto: ai bambini piace molto giocare e poco studiare.
L'attitudine al gioco, la scarsa capacità di concentrazione e la poca passione per lo studio sono tipici dell'infanzia e dell'età adolescenziale. Seguire i nostri figli nei compiti a casa risulta spesso un lavoro faticoso e soprattutto infruttuoso. A volte è necessario aiutarli in delle materie con le quali non abbiamo alcuni dimestichezza. Altre volte, anche se la materia non è difficile, come la Geografia o la Storia, non riusciamo ad imporci ed i nostri sforzi alla fine si rivelano inutili.

46

Il passaparola

Il passaparola rimane un mezzo validissimo: se un'amica ci consiglierà una persona che sta già seguendo suo figlio con ottimi risultati, il gioco è fatto.
Ma se non siamo così fortunati e dobbiamo contattare uno sconosciuto?
Dove cercare non è un problema: le inserzioni on line ci forniranno già una notevole lista di professionisti abilitati. In alternativa, possiamo ancora affidarci ai classici volantini affissi fuori dalle scuole o nei pressi delle cartolerie. La prima cosa da chiedere sono ovviamente le referenze. Quindi, assicuriamoci che la persona abbia un titolo di studio attinente la materia nella quale nostro figlio "zoppica".

Continua la lettura
56

Il contatto telefonico

Dopo il contatto telefonico, rassicuriamoci sulla competenza dell'insegnante, programmando il primo incontro con nostro figlio per farli conoscere. I bambini hanno un immaginario facilmente suggestionabile, ma sono tutt'altro che stupidi. Presentiamo l'insegnante come "la persona che li aiuterà a risolvere i loro piccoli problemi". Dare fiducia ai bambini è il metodo migliore per rafforzare la loro autostima e farli crescere più sicuri di sé stessi. Fin dal primo incontro, cerchiamo di verificare la capacità dell'insegnante di attirare l'attenzione di nostro figlio, di guadagnarne il rispetto ed il modo in cui ci entra in relazione per stimolare la sua curiosità. Dopo le prima 3-4 lezioni, potremo chiedere al nostro bambino come si trova. Se saremo genitori attenti, noteremo subito i risultati.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se con il primo insegnante trovato non si ottengono risultati, dopo poche lezioni non esitiamo a cercare un'alternativa. Con qualche telefonata in più possiamo migliorare la vita futura di nostro figlio

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come fare ripetizioni scolastiche online

Trovare lavoro diventa sempre più difficile, a volte per arrotondare ci si destreggia facendo ripetizioni. Con l'avanzare della tecnologia, con la diffusione sempre più dilagante di Internet, perché non usare questi mezzi per tale scopo lavorativo?...
Elementari e Medie

Come rinunciare all'insegnante di sostegno

Ormai da molti anni per gli studenti con problemi di qualsiasi genere è possibile usufruire dell'insegnante di sostegno. Infatti agli studenti che presentano handicap di qualsiasi genere o problemi di apprendimento gli viene messo a disposizione un professore...
Elementari e Medie

Come prepararsi per dare ripetizioni

Se è la prima volta che ci si trova a dare ripetizioni allora bisogna essere consapevoli di ciò che si sa: dare ripetizioni significa conoscere bene la materia che si sta affrontando e che richiedono nello specifico. Questo accade prevalentemente per...
Elementari e Medie

Come gestire i conflitti con l'insegnante

Può capitare che uno studente abbia la percezione di non andare d'accordo con un'insegnante o si sente essere preso di mira. In questa guida vi spiegheremo come riuscire a gestire i vari conflitti che possono insorgere con il proprio insegnante. Questi...
Elementari e Medie

Come Ottenere L'insegnante Di Sostegno

In ambito scolastico, un bambino disabile, ha il bisogno di avere una figura di riferimento che possa andare verso le sue necessità specifiche, e che lo possa costantemente accompagnare, nel suo percorso di apprendimento, con delle personalizzate metodologie....
Elementari e Medie

Nuovo insegnante: come presentarsi alla classe

Quando si entra per la prima volta in una classe si è un po' agitati, ma questa situazione non deve essere vissuta in maniera drammatica. È importante pianificare il piano di studio ed essere flessibili. La maggior parte degli insegnanti vuole dimostrare...
Elementari e Medie

5 comportamenti che disturbano un insegnante

Un buono studente dovrebbe essere in primo luogo rispettoso dei compagnie degli insegnanti, ma non in tutte le classi questo succede. Infatti spesso i ragazzi tendono ad avere dei comportamenti esagerati e irrispettosi che possono, nel tempo, andare anche...
Elementari e Medie

Come Affrontare Un Nuovo Anno Scolastico

Il ritorno a scuola, dopo 3 lunghi e intensi mesi estivi di vacanza, è senza dubbio un'esperienza traumatica per qualunque studente. Molto spesso si vengono a scontrare sentimenti contrastanti, dall'ansia alla curiosità verso il nuovo ambiente di studio,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.