Come risolvere una successione numerica

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Una successione numerica è una successione ordinata di numeri di varia natura. Si possono avere successioni reali, complesse, a valori vettoriali, aritmetiche o geometriche. Gli ultimi due tipi sono i più comuni e i più facili da risolvere. Nel primo caso, infatti, la serie necessita soltanto di operazioni veloci come addizioni e sottrazioni. Nel secondo c'è bisogno di utilizzare operazioni non lineari quali moltiplicazioni e divisioni. Anche la serie esponenziale rientra tra quelle più diffuse. In questo caso, il valore dell'operazione cresce o decresce in base al valore delle potenze o dell'estrazione di radice. In questa guida vedremo come risolvere una successione numerica in diverse situazioni.

24

Successione aritmetica

La successione numerica ha un funzionamento piuttosto semplice. Una volta individuata la ragione della serie, se questa è costante, si possono generare catene di numeri all'infinito. Prendiamo per esempio la serie numerica 2 4 6 8 10... (+2). È chiaro che si tratta di una serie in cui basta aggiungere ogni volta due numeri per andare avanti.
Le cose si complicano leggermente soltanto nel caso in cui la ragione della successione è variabile. Nella serie 2 4 7 11 16 siamo davanti a una ragione di successione crescente. Qui, infatti, bisogna aggiungere ogni volta un numero in più rispetto al precedente. Il primo, quindi, sarà 2, poi seguiranno 3, 4 e via dicendo.

34

Successione geometrica

La successione geometrica, come abbiamo visto, utilizza operazioni non lineari: moltiplicazioni e divisioni. Prendiamo, ad esempio, la serie 2 4 8 16 32 ecc. In questo caso la ragione della successione sarà la moltiplicazione x2, per cui ogni numero dovrà essere raddoppiato. La stessa cosa, però, si potrebbe fare anche con una divisione di qualsiasi numero se partissimo da una somma più grande. Queste due tipologie di successioni numeriche non sono particolarmente complesse, ma costituiscono la base per qualsiasi operazione avanzata.

Continua la lettura
44

Successione esponenziale

La successione esponenziale si serve della potenza o dell'estrazione di radice. Prendiamo, per esempio, la serie 2 4 16 256. In questo caso, ogni numero verrà elevato a seconda del numero che lo precede. Vedremo, quindi, che 2 elevato alla seconda ci darà 4; 4 alla quarta ci darà 16 e via dicendo. I metodi che abbiamo esaminato finora sono rappresentazioni per enumerazione o elencazione. Esistono anche altri tipi di rappresentazione e sono quelli analitici e ricorsivi. Nel primo caso si conoscono già dal principio i termini della successione. Nel secondo, invece, è possibile ricavarli a partire dai termini precedenti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come studiare una successione ricorsiva

Una successione ricorsiva è un'esercizio non sempre semplice da svolgere. Infatti, bisogna avere delle conoscenze pregresse base, che devono essere applicate per poi studiare e risolvere l'esercizio.Innanzitutto, è necessario che vi sia chiaro il concetto...
Università e Master

Diritto: successione a titolo universale e a titolo particolare

La successione è un diritto che si acquisisce in varie situazioni consensuali o in alternativa per eventi naturali di causa maggiore. Per regolare le modalità di assegnazione e per legalizzare i diritti che gli eredi acquisiscono si deve fare riferimento...
Università e Master

Come calcolare il limite di una successione convergente

Nella matematica avanzate non è raro imbattersi nelle serie o successioni numeriche. In analisi è una stringa infinita di termini, ossia di numeri. Non si tratta di insiemi numerabili. Pertanto è fondamentale seguire l'ordine prestabilito dei termini....
Università e Master

Come costruire la successione di Padovan

La successione di Padovan, derivata da quella di Fibonacci, fu inventata da Richard Padovan che però ne conferisce l'invenzione ad Hans van der Laan, monaco olandese. Padovan la presentò nel 1994 in un proprio saggio e il matematico Ian Stewart la riprese...
Università e Master

Come risolvere i limiti delle successioni irrazionali

Molti studenti avranno di certo sentito parlare di "limite di una successione". Tale limite altro non è che il valore al quale tendono i termini di una successione. Con questo concetto si vuole evidenziare l'idea che esiste sempre un punto mobile che...
Università e Master

Come calcolare il limite di una successione monotona

Il periodo scolastico è stato sempre visto come un obbligo con le dovute incertezze nel sapere le determinate materie come la matematica che si studia sin dalle scuole elementari e che ci ha fatto sempre impazzire. In questa guida cercheremo di comprendere...
Università e Master

Come risolvere le serie di potenze

Prima di poter capire e illustrare come risolvere una serie di potenze, descriviamo il contesto e quindi di cosa si tratta. Ci troviamo di fronte a un argomento di matematica e per essere più precisi, lo ritroviamo nei programmi degli esami di Analisi...
Università e Master

Come risolvere un problema di Cauchy

Il problema di Cauchy consiste nel risolvere un'equazione differenziale parziale su un dominio, in cui sono specificate le condizioni su una parte del perimetro; bisogna dunque risolvere un problema di completamento dei dati e ripristinare le condizioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.