Come risolvere un triangolo utilizzando il teorema dei seni

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La matematica non è una materia molto amata dagli studenti italiani, almeno secondo le ultime statistiche. C'è la difficoltà del ragionamento e magari il poco tempo che viene dedicato alle spiegazioni non incoraggia gli studenti ad impegnarsi. Questa guida si propone di spiegare allo studente come risolvere un triangolo utilizzando il teorema dei seni (noto anche come teorema di Eulero), cioè come arrivare a conoscere le lunghezze di tutti e tre i lati e le ampiezze di tutti e tre gli angoli grazie ad un importantissimo teorema di trigonometria. Vedrete che con un po' di impegno e concentrazione, il problema risulterà molto più semplice di quanto pensiate.

26

Occorrente

  • Conoscenze trigonometriche di base
36

Cominciamo dicendo che i vertici di un triangolo vengono indicati con le prime lettere maiuscole dell'alfabeto, gli angoli con le corrispondenti lettere minuscole dell'alfabeto greco e i lati opposti a ciascuno di essi con le corrispondenti lettere minuscole dell'alfabeto. Per il teorema dei seni, in un triangolo (partiamo dal triangolo generico ABC), il rapporto fra un lato e il seno del suo angolo opposto è uguale al rapporto fra un qualsiasi altro lato e il seno del suo rispettivo angolo opposto. Si ha quindi: a/sen alfa= b/sen beta=c/sen gamma. Per la dimostrazione partiamo dall'assunto che ogni triangolo è sempre inscrivibile in una circonferenza. Per calcolare la misura dei lati basta applicare il teorema della corda per ogni lato. Otteniamo quindi la formula che vediamo in foto.

46

Per risolvere un triangolo con il teorema dei seni, cioè per determinare le dimensioni dei tre lati e le ampiezze dei tre angoli, abbiamo bisogno di conoscere almeno due lati e l'angolo opposto ad uno dei due, oppure due angoli e il lato opposto ad uno dei due. Se si conoscono due lati e l'angolo opposto ad uno dei due (ad esempio al primo lato), utlizzando la formula possiamo ricavare l'angolo opposto al secondo lato.

Continua la lettura
56

Sapendo che la somma degli angoli interni di un triangolo è 180°, per conoscere il terzo angolo basta sottrarre a 180°la somma dei due angoli che si conoscono. Otterremo l'ampiezza del terzo angolo: basta applicare nuovamente la formula del teorema dei seni per venire a conoscenza della lunghezza dell'ultimo lato. Se si conoscono due angoli e il lato opposto ad uno dei due, possiamo ricavare la lunghezza del lato opposto all'altro angolo, possiamo calcolare l'ampiezza del terzo angolo (180°-la somma dei due angoli), quindi la lunghezza del terzo lato.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per ricavare la misura di un angolo conoscendo il suo seno, bisogna applicare la funzione inversa del seno (arcsen). Sulle calcolatrici in genere questa funzione viene abbreviata in sen^(-1)

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Teorema Del Seno e Coseno: dimostrazione

I teoremi del seno e del coseno (o di Carnot) sono due teoremi generalmente utilizzati per la determinazione di tutti gli elementi relativi a triangoli generici. Il teorema dei seni sviluppa un rapporto di proporzionalità tra i seni degli angoli di un...
Superiori

Teorema della corda: dimostrazione

Il teorema della corda è uno tra i teoremi più importanti della trigonometria; solitamente viene spiegato molto dettagliatamente, in quanto è molto utile per diverse applicazioni. È importante ricordare che il teorema della corda è alla base della...
Superiori

Come calcolare l'altezza relativa all'ipotenusa in triangolo rettangolo

In questo tutorial, potrete scoprire oggi, come calcolare l'altezza relativa all'ipotenusa in un triangolo rettangolo, meglio anche conosciuto come secondo teorema di Euclide. Il calcolo dell'altezza relativa all'ipotenusa in un triangolo rettangolo è...
Superiori

Come calcolare gli angoli di un triangolo rettangolo

Risolvere un triangolo rettangolo significa determinare tutti i suoi elementi, cioè i suoi lati ed i suoi angoli, a partire dagli elementi noti. Ovviamente, per quanto riguarda gli angoli, sarà sufficiente conoscere le funzioni goniometriche associate,...
Superiori

Come calcolare gli angoli di un triangolo scaleno

In questa guida, cercheremo di aiutare tutti i nostri lettori che sono appassionati del mondo matematico e geometrico, a capire come poter calcolare gli angoli di un triangolo scaleno. In particolare cercheremo di analizzare insieme, tutti i possibili...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Pitagora con un semplice disegno

Il teorema di Pitagora è sicuramente uno dei più noti teoremi della geometria, nonché uno dei più utili. Viene infatti utilizzato per risolvere i problemi più basilari così come quelli di grado avanzato. Il suo scopo è quello di fornire la dimostrazione...
Superiori

Come dimostrare il teorema dell'angolo esterno

La geometria comprende lo studio delle figure geometriche piane e solide e anche delle rette, degli angoli, dei perimetri, dei volumi e delle aree che in questa guida sarà illustrato. Il teorema dell'angolo esterno riveste una notevole importanza nel...
Superiori

Come calcolare la mediana di un triangolo

La mediana di un triangolo è un segmento che va da uno dei tre vertici del triangolo al punto medio del lato opposto. Un triangolo presenta tre vertici e tre mediane. Le tre mediane si incontrano sempre in un certo punto e questo punto è chiamato 'baricentro'....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.