Come risolvere un problema di fisica con la conservazione dell'energia

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Va detto prima di tutto che, nell'analisi classica della fisica meccanica la maggior parte delle grandezze analizzate sono di natura vettoriale e ciò a volte può risultare non molto comodo da un punto di vista computazionale. Per tale motivo si predilige quando possibile utilizzare nelle applicazioni grandezze scalari quale lavoro ed energia. Di seguito dunque spiegherò come risolvere nel migliore dei modi un problema di fisica con la conservazione dell'energia attraverso l'ausilio di tali grandezze. La procedura risulta un po' complessa da imparare, almeno agli inizi, ma con un po' di impegno ed applicazione è possibile impararla, considerando che è un argomento molto spiegato a scuola. Servono parecchi esercizi per poter avere la padronanza di questo problema, considerando che spesso sono anche oggetto di verifiche assegnate da parte dell'insegnante di fisica. Solo seguendo tutte le informazioni della guida, sarà possibile ottenere dei buoni risultati risolvendo il problema in questione.

25

Occorrente

  • Nozioni su forze conservative e non conservative
  • Lavoro di una forza
  • Legge di conservazione dell'energia meccanica
35

Innanzitutto va preso in esame il sistema mostrato in figura. Esso è costituito da una molla carica su cui è posizionato un corpo di massa M su un piano scabro di coefficiente di attrito dinamico %u1DAF, e successivamente una guida circolare di raggio R posta a distanza l dalla molla. L'obiettivo dunque è quello di conoscere la velocità (espressa come Va), raggiunta alla base della guida circolare se la molla è compressa di una quantità x ed inoltre qual è la minima velocità affinché la massa compia un giro completo.

45

Ogni qual volta si dovesse avere l'esigenza trovare una velocità, bisogna cercare di applicare, se possibile, quella che è la legge di conservazione dell'energia in quanto con le leggi della dinamica si potrà trovare sempre un'accelerazione e mai una velocità. Scrivere dunque la legge di conservazione dell'energia %u0394U %u0394k=Lnc, dove %u0394U è la variazione di energia potenziale, %u0394K la variazione di energia cinetica e Lnc il lavoro delle forze non conservative. La variazione di energia potenziale lungo il tragitto è 0 in quanto M resta sempre alla stessa altezza, la variazione di energia potenziale della molla è -1/2k (x^2), la variazione di energia cinetica è (1/2m (Va)^2)-0 (lo 0 è giustificato in quanto il corpo parte da fermo) mentre Lnc=-%u1DAFMgl in quanto l'unica forza non conservativa in gioco è la forza di attrito col piano. Risolvendo l'equazione, si andrà ottienenendo di conseguenza il valore della velocità in A, ossia Va=sqrt (2/M)(1/2k (x^2)-%u1DAFMgl).

Continua la lettura
55

Per quanto riguarda la minima velocità affinché il corpo compia un giro completo, sarà sufficiente considerare che nel movimento circolare lungo la guida le forze agenti sul corpo M sono la forza peso Mg e la reazione della guida N secondo la seguente relazione N Mg=Ma dove la a in considerazione non è altro che un'accelerazione centripeta. Infatti, M si muove di moto circolare e quindi si avrà a =(V^2)/R. Siccome si sta cercando quello che è il valore minimo della velocità, sarà assolutamente necessario trovare il valore minimo dell'equazione N Mg il che si avrà quando N=0 (Mg deve essere fissa in quanto sia M che g sono costanti). Da qui si otterrà che la minima velocità nel punto di massima altezza sarà V=sqrt (gR). Sarà sufficiente ora imporre la legge di conservazione dell'energia %u0394U %u0394k=0 che esplicitata sarà 1/2M (V^2-Va^2) 2MgR=0 e trovare il valore dell'unica incognita Va.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come risolvere un problema di fisica sul moto di un proiettile

La fisica è una delle materie più ostiche, ma anche più importanti, per tutti quegli studenti che intraprendono gli studi scientifici e che quindi decidono di frequentare l'istituto tecnico industriale oppure il liceo scientifico. La fisica comprende...
Università e Master

come risolvere un problema di fisica sul piano inclinato

La fisica abbraccia un ramo scientifico abbastanza ampio, in cui è possibile eseguire diversi calcoli ed eseguire vari esperimenti, che consentono di dimostrare determinate teorie, in maniera pratica. Lo studio della fisica può avvenire anche attraverso...
Università e Master

Come risolvere un problema di fisica sul moto circolare

Un punto materiale che si muove con traiettoria circolare accelerazione costante è definito in moto circolare uniformemente accelerato. Nell'analisi di questo moto di fondamentale importanza applicativa possiamo incontrare vari punti di interesse come...
Università e Master

Come risolvere un problema di Cauchy

Il problema di Cauchy consiste nel risolvere un'equazione differenziale parziale su un dominio, in cui sono specificate le condizioni su una parte del perimetro; bisogna dunque risolvere un problema di completamento dei dati e ripristinare le condizioni...
Università e Master

Come determinare l'energia potenziale gravitazionale

Se siete appassioanti di Fisica oppure siete semplicemente terrorizzati dalla prossima interrogazione o esame di fisica, ecco a voi una guida davvero semplice ed utile. La fiscia è infatti una materia molto affascinante ch risponde a tantissimi interrogativi...
Università e Master

5 buoni consigli per iniziare lo studio della fisica quantistica

La fisica quantistica, detta più precisamente meccanica quantistica, è la branca della fisica che studia il comportamento della materia, dell'energia e delle interazioni tra loro. Questa teoria è stata il punto di svolta principale dalla fisica classica....
Università e Master

Teorema dell'energia cinetica: dimostrazione

L’energia cinetica rappresenta una struttura di forza derivante da un oggetto in movimento, che viene originato dalle dimensioni contraddistinguenti il moto dell’oggetto mediante l’espressione "E = 1/2mv2", dove "m" determina l’insieme dell’oggetto...
Università e Master

Appunti di fisica tecnica ambientale

Questi appunti di fisica tecnica ambientale hanno lo scopo di riuscire a dare un input a chiunque debba o iniziare a studiare la materia, e quindi per riuscire a capire di cosa si tratta, oppure per poter approfondire la materia, e quindi prendere spunti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.