Come risolvere un problema di fisica con carrucole

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

È ormai risaputo che matematica e fisica sono materie fondamentali, su cui si basano quasi tutti i problemi di vita quotidiana. Un tipico problema di fisica è quello legato alla tensione dei fili e alla presenza di una o più carrucole. Per capire meglio questo concetto, prendete un filo teso a cui è appesa una massa M1. Il filo esercita una tensione T che dipende dalle forze applicate e dalla forza applicata. La tensione applicabile non può superare un valore massimo, oltre il quale il filo si spezzerà. Anche la tensione, come tutte le altre forze che coinvolgono il corpo appeso rientra nel calcolo delle equazioni Newtoniane, e come tale deve essere considerata. Se siete interessati a scoprire come risolvere un problema di fisica con carrucole, continuate a leggere la guida che segue,.

26

Occorrente

  • conoscenze su forza peso e tensione
  • seconda legge di newton (principio di casualità classica)
  • conoscenze elementari su risoluzione di sistemi di equazioni lineari
36

Una carrucola non è altro che un perno, attraverso cui scorre il filo. Può essere benissimo considerata come una leva di primo genere, ovvero una leva che è posta tra due forze che possono essere uguali o diverse. La carrucola ha lo scopo di cambiare la direzione della forza. Prendete un perno su cui fare passare un filo. Questo filo, così curvato, sarà soggetto a due tensioni, che potete chiamare T1 e T2 di verso opposto tra di loro, e ad una forza R, intesa come la reazione della carrucola al filo che la attraversa.

46

In questo contesto considerate un corpo di massa trascurabile, per concentrarvi meglio sull'azione delle tensioni. Studiate il valore delle due tensioni. Queste, per quanto riguarda la forza tangente, devono soddisfare la relazione Ft =mAt =0 (dove At è l'accelerazione tangente); in questo contesto avranno componenti tangenti uguali e opposte. Questo nell'ipotesi che il peso sia in perfetto equilibrio e non potrebbe essere altrimenti visto che state trascurando il valore delle masse.

Continua la lettura
56

Per quanto riguarda la forza normale, ovvero la forza di reazione, le componenti di T1 e T2 sommate valgono Fn, ovvero il valore totale della forza normale. Quindi la risultante della somma delle due tensioni sarà uguale al modulo della reazione della forza normale. Questo è l'approccio teorico che va applicato quando si ha davanti un problema del genere. Per quanto riguarda l'approccio pratico disegnate subito il problema che vi trovate ad affrontare e considerate immediatamente i versi delle forze, basandovi anche sull'esperienza personale. Soltanto dopo aver fatto questi ragionamenti potrete iniziare a risolvere il vostro problema!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La carrucola ha lo scopo di cambiare la direzione della forza.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

come risolvere un problema di fisica sul piano inclinato

La fisica abbraccia un ramo scientifico abbastanza ampio, in cui è possibile eseguire diversi calcoli ed eseguire vari esperimenti, che consentono di dimostrare determinate teorie, in maniera pratica. Lo studio della fisica può avvenire anche attraverso...
Università e Master

Come risolvere un problema di fisica con la conservazione dell'energia

Va detto prima di tutto che, nell'analisi classica della fisica meccanica la maggior parte delle grandezze analizzate sono di natura vettoriale e ciò a volte può risultare non molto comodo da un punto di vista computazionale. Per tale motivo si predilige...
Università e Master

Come risolvere un problema di fisica sul moto circolare

Un punto materiale che si muove con traiettoria circolare accelerazione costante è definito in moto circolare uniformemente accelerato. Nell'analisi di questo moto di fondamentale importanza applicativa possiamo incontrare vari punti di interesse come...
Università e Master

Come risolvere un problema di Cauchy

Il problema di Cauchy consiste nel risolvere un'equazione differenziale parziale su un dominio, in cui sono specificate le condizioni su una parte del perimetro; bisogna dunque risolvere un problema di completamento dei dati e ripristinare le condizioni...
Università e Master

5 buoni consigli per iniziare lo studio della fisica quantistica

La fisica quantistica, detta più precisamente meccanica quantistica, è la branca della fisica che studia il comportamento della materia, dell'energia e delle interazioni tra loro. Questa teoria è stata il punto di svolta principale dalla fisica classica....
Università e Master

Appunti di fisica tecnica ambientale

Questi appunti di fisica tecnica ambientale hanno lo scopo di riuscire a dare un input a chiunque debba o iniziare a studiare la materia, e quindi per riuscire a capire di cosa si tratta, oppure per poter approfondire la materia, e quindi prendere spunti...
Università e Master

Teorema di esistenza e unicità per un problema di Cauchy: dimostrazione

La matematica è da sempre la materia più complicata sia ai bambini delle elementari, sia per gli studenti delle superiori e delle facoltà universitarie. Questa difficoltà sta soprattutto nel fatto che i concetti sono strettamente collegati fra di...
Università e Master

Come preparare l'esame di fisica generale

Gli esami, sono degli ostacoli a volte difficili e complessi da superare. L'ansia, lo stress e la paura di non riuscire a superare una materia specifica, rende ancora meno sicuri e preparati. Se avete il timore di non superare l'esame di fisica generale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.