Come risolvere un problema del tre semplice inverso

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La matematica è una materia piuttosto complessa e ricca di regole che, per chi non è esperto o non riesce a comprendere, sono di difficile risoluzione. Per imparare bene la matematica è necessario fare uno studio approfondito, dedicarcisi anima e corpo per apprenderne tutti i segreti più profondi. Esistono dei problemi che non sono facilmente comprensibili ad una prima analisi, e bisogna sforzarsi parecchio.
In questa guida spiegheremo come risolvere un problema del tre semplice inverso. I problemi del tre semplice implicano l'utilizzo di quattro grandezze delle quali, però, se ne conoscono solamente tre. La quarta grandezza deve essere quindi calcolata per mezzo di una proporzione.
Se le grandezze coinvolte sono direttamente proporzionali, si parlerà di problema del tre semplice diretto. Se invece le grandezze sono inversamente proporzionali, si parlerà di problemi del tre semplice inverso. Vogliamo capire come fare a risolvere un problema di quest'ultimo tipo, attraverso pochi e semplici passaggi daremo utili indicazioni. Mettiamoci quindi all'opera.

25

Innanzitutto, occorre capire che stiamo trattando un problema del tre semplice inverso. Dovremo quindi avere due grandezze per cui, al crescere dell'una, l'altra diminuisce.
A titolo di esempio, consideriamo il seguente problema." Un ciclista percorre la distanza fra due città in 3 ore, viaggiando ad una velocità media di 40 km all'ora. Nel ritorno, egli percorre lo stesso tragitto, viaggiando però ad una alla velocità di 30 km orari. Quanto tempo impiegherà nel compiere il viaggio di ritorno? "
Le grandezze coinvolte in questo problema sono la velocità di percorrenza e il tempo di percorrenza. Noi conosciamo la velocità tenuta in entrambi i tragitti, mentre conosciamo solamente uno dei due tempi di percorrenza. Vogliamo trovare il tempo di percorrenza del viaggio di ritorno.
Evidentemente, velocità e tempo di percorrenza sono grandezze inversamente proporzionali. Infatti, al crescere dell'una (ad esempio, al crescere della velocità) l'altra diminuisce (il tempo impiegato è minore). Allo stesso modo, al diminuire della velocità, il tempo impiegato aumenta.
Una volta individuato che si tratta di un problema del tre semplice inverso, possiamo procedere alla sua risoluzione.

35

Posizioniamo i dati su due colonne nel modo seguente:
VELOCITÀ ----- TEMPO
40 km/h ----------- 3 ore
30 km/h ------------- X

Abbiamo chiamato X la quantità incognita, ovvero il tempo impiegato per compiere il viaggio di ritorno.

A questo punto non ci resta che impostare una proporzione. Poiché la proporzionalità è inversa, dobbiamo fare attenzione a come la scriviamo (in maniera opposta rispetto a quanto facevamo per risolvere i problemi del tre semplice). Infatti scriveremo che:

(IL PRIMO ELEMENTO DELLA PRIMA RIGA): (IL SECONDO ELEMENTO DELLA PRIMA RIGA) = (IL SECONDO ELEMENTO DELLA SECONDA RIGA): (IL PRIMO ELEMENTO DELLA SECONDA RIGA)

Nel caso del nostro esempio, avremo:

40 : 30 = X : 3
Quello che abbiamo fatto, è stato dire che 40 (la velocità di andata) sta a 30 (la velocità del ritorno) come X (il tempo di ritorno incognito, che dobbiamo determinare) sta a 3 (il tempo di andata).

ATTENZIONE: come già detto, dobbiamo prestare MOLTA attenzione a come scriviamo la proporzione, ricordando che in questo caso la proporzionalità è inversa.

Continua la lettura
45

Al passo precedente, abbiamo impostato la nostra proporzione:40 : 30 = X : 3

Essendo l'incognita uno dei medi, per trovarla ci basterà moltiplicare fra loro i due estremi e poi dividere per l'altro medio:
X = (40 x 3) / 30 = 120 / 30 = 4

Perciò, risolvendo la proporzione, ricaviamo la nostra X (la nostra incognita).

Nel caso in esame, troviamo che il tempo impiegato per tornare indietro è stato di 4 ore.

Come capire se quello che abbiamo fatto è corretto? Ci basterà ragionare un po'! Nel nostro caso, ad esempio, abbiamo trovato che il tempo impiegato per ritornare è stato maggiore rispetto al tempo impiegato nell'andata. È sensato? Certo! Infatti, nel ritorno la velocità è minore, e quindi ci aspettiamo un tempo di percorrenza più grande.
La matematica come detto all'inizio non è per nulla di facile comprensione. Ma studiando costantemente ed applicando le regole in maniera precisa e secondo le indicazioni, potrete raggiungere ottimi risultati in breve tempo. Seguendo le istruzioni di questa guida riuscirete inoltre a comprendere e risolvere più velocemente problemi di questo tipo. Non mi resta quindi che augurare buon lavoro.
Alla prossima.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestare MOLTA attenzione a come scriviamo la proporzione, ricordando che in questo caso la proporzionalità è inversa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come eseguire il riparto diretto

Tra le varie materie più complesse da studiare, vi è sicuramente la matematica ma anche l'economia, che è legata appunto alla matematica. Tra moltissime lezioni complesse da svolgere e tra i vari compiti più difficili per uno studente che studia queste...
Superiori

Come risolvere un problema del tre semplice diretto

Il problema del "tre semplice diretto" rappresenta un quesito logico, di tipo matematico, che viene molto spesso posto agli studenti delle scuole medie e superiori. Questa tipologia di calcolo aritmetico è caratterizzata dalla presenza di tre variabili...
Superiori

Come Risolvere Un Circuito Con Le Correnti Di Maglia

Con il metodo esposto di seguito, è possibile riuscire a risolvere un circuito con le correnti di maglia. Questo sistema è molto raffinato e nello stesso tempo molto efficace in quanto, una volta che lo si padroneggia bene, permette di risolvere veramente...
Superiori

Fisica: la legge di Coloumb

La legge di Coloumb si definisce anche "legge dell'inverso del quadrato di Coulomb". Si tratta fondamentalmente di un postulato che riguarda l'interazione tra particelle dotate di carica elettrica. Nel 1785 Charles Augustin Coulomb dimostrò la sua teoria...
Elementari e Medie

Come calcolare il medio proporzionale

La matematica senza dubbio non è certo un'opinione, ma è sicuramente opinabile la facilità di comprensione di alcuni argomenti, può essere questo il caso del calcolo del medio proporzionale. Come suggerisce il nome, rappresenta quell'elemento (numero/grandezza)...
Università e Master

Le onde in fisica: una guida

In fisica un'onda è un movimento impulsivo o periodico che si propaga tramite un mezzo, non necessariamente materiale, con una certa velocità. La luce è un 'onda elettromagnetica trasversale, con campi elettrici e magnetici variabili ad angolo retto...
Superiori

Teorema di Talete: dimostrazione

Il Teorema di Talete è comunemente attribuito al filosofo e matematico greco Talete di Mileto (640 circa a. C. – 547 circa a. C.). Questo teorema è relativo alla proporzionalità che si viene a creare in un fascio di rette parallele (rette equidistanti...
Superiori

Come dimostrare il secondo teorema di Euclide

I teoremi di Euclide sono una delle basi fondamentali della geometria, utili per capire e svolgere un problema incentrato sui triangoli rettangoli. Solitamente vengono spiegati nelle scuole medie, tuttavia risultano essere importanti anche nelle classi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.