Come risolvere un limite nella forma indeterminata 1^infinito, 0^0 e infinito^0

Tramite: O2O 04/02/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Purtroppo la matematica rappresenta una disciplina assai ostica per una parte non indifferente degli studenti. Esistono, infatti, delle funzioni matematiche non per niente semplici, ed una di queste è il caso dei limiti, il cui risultato si trova sotto forma indeterminata. Le forme indeterminate più fastidiose da risolvere sono quelle che andremo ad elencare a seguire. Innanzitutto, annoveriamo il 1^INFINITO, lo 0^0 e I'INFINITO^0. Questa tipologia di limite si risolve elevando completamente alla "e" (il cosiddetto numero di Nepero) il suo logaritmo. In prativa si procede elevando "e" al logaritmo di quel limite. In questa semplice ed esauriente guida, tramite tre esempi di esercizi guidati, vi forniremo un valido modello di svolgimento di questo genere di limite, molto "gettonato" negli esami universitari. Vediamo, quindi, come procedere.

26

Occorrente

  • Dimestichezza con i limiti in generale.
36

Per prima cosa, andremo ad analizzare un esercizio che a prima vista può apparire più complicato rispetto a quello che è. L'esercizio in questione consiste nel risolvere il seguente limite: lim per x--> infinito di (1/(x 2)^(1/(log (x 2) 3). Vediamo, ora, la risoluzione. Il limite si presenta nella forma 0^0. In questo caso, pertanto, occorre trasformare il limite in un esponenziale di base "e", ottenendo: e^(lim per x--> infinito di 1/(log (x 2) 3) log (1/x 2). Successivamente occorre, pertanto, andare a calcolare il limite dell'esponente di "e", che si presenta nella forma indeterminata infinito/infinito. Risolvendo semplicemente il limite con l'utilizzo del confronto tra infiniti, si ottiene che questo equivale a -1. Per concludere, si ottiene che: e^(-1)= 1/e, che è proprio la soluzione del limite di cui volevamo conoscere il risultato.

46

Vediamo, a seguire, il secondo esercizio di questa semplice guida. Nell'esercizio in questione si deve andare a calcolare il seguente limite: lim per x--> infinito di (3 x)^(5/log (x 2). Vediamo, pertanto, la risoluzione del problema. Il limite si presenta nella forma indeterminata: infinito^0. Agendo come abbiamo fatto nell'esempio precedente, si ha che: lim per x--> infinito di (3 x)^(5/log (x 2) = e^(lim per x--> inf di (5/log (x 2) log (3 x). Calcolando il limite dell'esponente separatamente in modo tale da ottenere due limiti facilmente risolvibili, si andrà a verificare semplicemente che questo è uguale a 5. La soluzione, pertanto è: e^5.

Continua la lettura
56

Per concludere, andiamo a trovare la soluzione dell'ultimo esercizio di questo tutorial. In questo caso si deve determinare il seguente limite: lim per x--> infinito di (x-5)/(x-4)^2x. Anche in questo esempio, la risoluzione non è affatto qualcosa di proibitivo. Il limite si presenta nella forma indeterminata 1^infinito. Ricordandoci l'esistenza dei limiti notevoli e della loro grande utilità, considerando come limite notevole quello relativo alla funzione (1 a/x)^x ed applicandolo al nostro caso, si ha che: lim per x--> infinito di (x-5)/(x-4)^2x= lim per x--> inf di (1 1/(4-x)^2x. Da qui segue che questo equivale a: lim per x--> inf di (1 1/(4-x)^(4-x)^2x/(4-x)= 1/e^2. È necessario ricordarsi sempre che per risolvere i limiti, in generale e sopratutto questa tipologia, è necessario non soltanto conoscere la classica formuletta a memoria ma anche effettuare tanto esercizio, in modo tale da affinare quello che in gergo viene definito il "colpo d'occhio". Questo, infatti, garantirà allo studente di ottenere la risoluzione di tutti i propri problemi matematici con estrema facilità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come sommare una serie armonica generalizzata

La matematica è uno di quegli argomenti che cresce ogni giorno. C'è sempre qualcosa di nuovo da scoprire o capitoli da approfondire, che potrebbero portare a nuove teorie o scoperte. Una di queste è senza dubbio la serie, che ha permesso di fare la...
Università e Master

Come risolvere un sistema di equazioni differenziali

Le equazioni differenziali sono universalmente conosciute come uno degli esercizi più difficili per l'esame di Analisi II. Possono essere di vario tipo e il grado di elevazione può variare da 1 ad n. In questa guida vedremo come risolvere un sistema...
Università e Master

Come dimostrare il teorema di unicità del limite

Il teorema di unicità del limite è senza alcuna ombra di dubbio uno dei teoremi fondamentali dell'analisi matematica, perché infatti su di esso si basa tutto il lavori dei calcolo dei limiti, che sono certamente indispensabili per questa tipologia...
Università e Master

Come risolvere equazioni differenziali a coefficienti costanti

Un'equazione differenziale a coefficienti costanti è un'equazione del tipo:ay'' + by' + cy = f (t).Se f (t) = 0 l'equazione è detta omogenea, altrimenti è detta completa.Grazie al principio di sovrapposizione, l'integrale generale di un'equazione completa...
Università e Master

Come risolvere un'equazione differenziale

Questo articolo è rivolto a tutti gli studenti dell'università di matematica, ingegneria e fisica. Un'equazione differenziale è un'equazione della forma y^(n (x))=f (y^{(n-1)},.., y'', y', y, x) dove f (y^{(n-1)},..., y'', y', x) è una funzione...
Università e Master

Come calcolare il limite di una successione convergente

Nella matematica avanzate non è raro imbattersi nelle serie o successioni numeriche. In analisi è una stringa infinita di termini, ossia di numeri. Non si tratta di insiemi numerabili. Pertanto è fondamentale seguire l'ordine prestabilito dei termini....
Università e Master

Come svolgere un integrale circuitale

Per poter calcolare un integrale circuitale si devono avere dei prerequisiti fondamentali. La conoscenza degli integrali, di funzioni derivabili, di funzioni complesse, calcolo dei limiti e parametrizzazione di curve. Sono nozioni che si apprendono dalla...
Università e Master

Come dimostrare il teorema della permanenza del segno

Durante gli studi relativi ad una tipologia di specie analitica, si inserisce il cosiddetto teorema della permanenza del segno. Tale applicazione moderatamente complessa, serve per dimostrare la veridicità di una funzione, che ha limite denominato mediante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.