Come risolvere un limite con il polinomio di Taylor

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In matematica il come arrivare ad una soluzione sono uguali ma l'importante è trovare quest'ultima in modo corretto. Quando ci troviamo davanti ad un limite indeterminato, non sempre è utile e semplice utilizzare le forme ed i teoremi più frequentemente usate per risolvere il suddetto limite. Proprio per questo potremo attuare il teorema in questione. Per tutti coloro ai quali potrebbe essere richiesto di calcolare i limiti con gli sviluppi di Taylor, anticipiamo sin da subito che tale tecnica richiede la piena conoscenza delle derivate. Il teorema dice che una funzione derivabile un certo numero di volte può essere approssimata con un polinomio, cioè con una funzione particolarmente semplice. Che cosa si debba intendere con “può essere approssimata” viene precisato appunto nel teorema detto Formula di Taylor.

26

Il polinomio di Taylor è un metodo di risoluzione molto utile per i limiti che tendono a 0. Esso è infatti molto facile da applicare in questi casi. In pratica una qualsiasi funzione può essere associata ad un polinomio preciso. Ecco come operare in pochi passaggi: Per prima cosa è necessario calcolare la parte di funzione che ci serve nel punto critico (che chiameremo x0) sul quale stiamo lavorando, quello sarà il nostro a0. Quest'ultimo serve a capire il divario del polinomio dall'asse X.

36

Una volta trovato a0, dovremo derivare la nostra funzione sulla quale stiamo lavorando e calcolarla in x0. Questo ci darà il coefficiente a1. Potremmo continuare così all'infinito volendo, ma per avere un buon polinomio di Taylor ne sono necessari almeno due o tre. Una volta trovati questi coefficienti dovremo inserirli nella formula generica del polinomio di Taylor, cioè: a1 più a2(X -x0)/1! Più a3(X - x0)/2 più... Più an (X-xn)/n!. (Il "!" indica un numero fattoriale, cioè il prodotto del numero stesso con tutti i numeri prima di lui.)

Continua la lettura
46

Una volta scompattato le varie funzioni in polinomi di Taylor, sarà facile trovare la soluzione del limite iniziale, proprio perché con i polinomi si può facilmente denotare la "forza" di una certa funzione. Il polinomio di Taylor è molto usato nel caso x0=0 e, in questo caso, viene chiamato "polinomio di McLaurin". Un limite con il quale è facile vedere l'esatto funzionamento di questo metodo è SenX/X. La funzione SenX può essere scritta infatti come X-X^3/3! Più X^5/5!... È facile capire che solo "X" influenza questo limite e quindi il limite SenX/X tenderà a 1. Con questo teorema abbiamo calcolato il nostro limite ma ovviamente per avere una buona praticità con questo teorema occorre molto esercitarsi, dettociò con questa guida si potrà raggiungere il proprio scopo con semplicità e magari un pizzico di divertimento
.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Teorema di Ruffini: dimostrazione

All'interno della guida che andremo a sviluppare ci occuperemo di matematica, in quanto, come abbiamo indicato nel titolo che contraddistingue questa guida, ci concentreremo su un teorema specifico: il teorema di Ruffini. Il nostro obiettivo sarà quello...
Superiori

Metodi di derivazione dei polinomi

Per polinomio si intende la somma algebrica di monomi, questi possono essere simili tra loro, ovvero avere uguale parte letterale oppure no (vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Polinomio). Nel secondo caso la derivata del polinomio è detta parziale perché...
Superiori

Come fare lo sviluppo di Taylor di una funzione

Una serie di Taylor è uno sviluppo in serie di una funzione nell'intorno di un punto. Una unidimensionale serie di Taylor è un'espansione di una funzione reale f (x) circa un punto x = a, in particolare: f (x) = f (a) + f ' (a) (x - a) [(f " (a)) /...
Elementari e Medie

Come scomporre con Ruffini

Ruffini è uno degli argomenti più odiati da qualsiasi studente, sia esso di medie che di liceo, tuttavia è il metodo di scomposizione di un polinomio di grado "n" più generale possibile ed è indispensabile conoscerlo. In questa guida illustreremo...
Superiori

Come trovare le radici di un polinomio con il teorema degli zeri razionali

In questo tutorial vi vogliamo insegnare, in modo chiaro e semplice, come trovare le radici di un polinomio con il teorema degli zeri razionali. Tante volte, specialmente tra gli studenti di primo e secondo anno delle superiori potrebbero avere problemi...
Superiori

Proprietà locali e globali delle funzioni: formula di Taylor

La matematica è sempre stato un argomento veramente ostico per tutte le persone che l'hanno dovuta studiare nei propri percorsi scolastici. Nella presente dettagliata ed esplicativa guida che vi andrò ad esplicare bene nei passaggi successivi, vi presenterò...
Superiori

Come scomporre un quadrinomio di quarto grado

In questa guida verrà spiegato come scomporre in fattori un particolare tipo di polinomio, detto quadrinomio. Un polinomio prende il nome di quadrinomio nel momento in cui esso è composto da quattro monomi non simili tra di loro. Lo definiremo "di quarto...
Università e Master

Come calcolare l'integrale di un quoziente di polinomi

L'analisi matematica è spesso un ostacolo per molti studenti. La complessità della materia deriva dalle numerose nozioni, definizioni e dai teoremi che sono presenti all'interno del programma. Una buona parte dell'esame richiede però lo svolgimento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.