Come risolvere un limite con forma indeterminata infinito/infinito

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Al fine di risolvere una funzione matematica a volte è necessario risolvere uno o più limiti.
In generale i limiti possono essere di: una successione, una funzione (il caso che andremo a considerare in questa trattazione), un ultrafiltro e insiemistico.
Nello specifico tratteremo la risoluzione di un tipo specifico di limite, ossia il limite con forma indeterminata.
Le forme indeterminate in matematica sono: quando dividiamo il numero 0 per se stesso o dividiamo infinito per se stesso. Quando moltiplichiamo 0 per infinito, quando eleviamo 1 all'infinito, quando eleviamo 0 alla 0, e infine quando eleviamo infinito alla 0 quando abbiamo + infinito - infinito.
Noi vedremo come si può risolvere un limite con forma indeterminata infinito/infinito.

25

Il limite di una funzione e la risoluzione di un limite di una forma indeterminata.

In generale:
Limite di f (x), con x che tende a x con 0, uguale a l. Significa che quando x tende a x con 0, f (x) tenderà a l.

Si può risolvere il limite di una forma indeterminata quando è sotto forma di rapporto (cioè quando dividiamo il numero 0 per se stesso e quando dividiamo infinito per se stesso), attraverso La regola di De l'Hôpital. Se la forma indeterminata non è un rapporto, si deve prima trasformare tale forma indeterminata in un rapporto. Poi possiamo ricorrere a La regola di De l'Hôpital. Che ripetiamo vale solo per i rapporti, ossia laddove possiamo rintracciare un numeratore e un denominatore.

35

Come applicare La regola di De l'Hôpital: la derivata.

La derivata di una funzione reale f (x), e un punto x con 0, è il numero f' di x con 0, uguale al limite del rapporto incrementale, con l'incremento che tende a 0.
Disegnamo su un grafico ascisse/ordinate la nostra funzione. L'incremento è il rapporto angolare tra la retta che tange la rappresentazione grafica della nostra funzione e la retta che seca la stessa rappresentazione della funzione. Le rette possono corrispondere completamente. Basta che non ci siano eccezioni di derivabilità.

Continua la lettura
45

Applicazione de La regola di De l'Hôpital per il limite della forma indeterminata del rapporto infinito-infinito.

In pratica si procede derivando il numeratore e il denominatore. Se esiste il limite di questo nuovo rapporto, questo è uguale al rapporto originale. Se invece il nuovo quoziente è a sua volta ad una forma indeterminata, si può calcolare la derivate seconde (cioè le derivate delle derivate prime), si verifica se il rapporto da una forma indeterminata, in questo caso si fa la derivate terze (cioè la derivate della seconde derivate) così via. La non esistenza del limite del quoziente delle derivate non significa che non esista il limite del quoziente originale. Così abbiamo visto come calcolare il limite della forma indeterminata rapporto infinito-infinito
.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consulta un manuale di analisi matematica (livello medio), usa l'indice dei nomi per trovare definizioni delle nozioni che ti sfuggono e quelle che non conosci.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Limiti e forme indeterminate

La matematica è sempre stata la materia più difficile per gli studenti di qualsiasi grado scolastico; questo perché i concetti sono strettamente legati fra loro. In questa guida andremo ad approfondire un argomento in particolare, ovvero i limiti e...
Superiori

Come calcolare la somma di una serie numerica

Il concetto di serie numerica generalizza, in matematica, l'idea intuitiva di "somma di infiniti addendi". In questa guida vedremo la definizione di serie, che formalizza in maniera rigorosa le idee precedenti, alcuni criteri che permettono di stabilire...
Superiori

Come calcolare l'asintoto obliquo nelle funzioni

La matematica è indubbiamente una di quelle materie più ostiche, a partire dalle elementari fino ad arrivare all'università; questo perché i concetti sono strettamente correlati tra loro. Uno di questi è la funzione, che è composta da domini, limiti...
Superiori

Come calcolare i limiti di funzioni reali di una variabile reale

Lo studio della funzione è uno degli argomenti principali della matematica. Per lo studio dei limiti di funzioni reali di una variabile reale bisogna, innanzitutto studiare il dominio, per poi calcolare i limiti nei punti di discontinuità e capire se...
Superiori

Come applicare il secondo teorema di De l'Hopital

Nel caso in cui si voglia effettuare il calcolo di un limite, la giusta procedura da compiere consiste nell'applicare il secondo teorema di De l'Hopital. Questa regola, può anche essere applicata per il calcolo di funzioni appartenenti ad altre forme...
Elementari e Medie

Come svolgere le equazioni di primo grado

Si definisce equazione un'uguaglianza tra due espressioni algebriche (insieme di lettere e numeri collegati da segni di operazione); nelle equazioni di primo grado (o lineari) le incognite hanno un grado massimo pari a uno. Un'equazione si definisce determinata...
Superiori

Teorema di De L'Hopital: dimostrazione

Spesso quando si studiano funzioni, o comunque in tanti altri casi, a seconda delle esigenze di studio occorre sapere come si possono calcolare i limiti. Talvolta tale calcolo risulta difficoltoso e questo nella maggior parte dei casi è dovuto al fatto...
Superiori

Come Fare un corretto studio di funzione

Questo tutorial vi spiegheremo come dover affrontare uno studio corretto di funzione, in modo generico. I calcoli ed i parametri vanno infatti adattati volta per volta a quello che chiede l'esercizio. È un procedimento che cambia dal tipo di equazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.