Come risolvere un integrale triplo

Tramite: O2O 05/06/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

La matematica è una materia affascinante ma anche molto complessa da imparare, infatti sono molte le persone che riescono, con molte difficoltà, ad impararla in breve tempo. Molti ragazzi che vanno a scuola hanno problemi con la matematica, ma una volta che ci si riesce a comprenderla e capire come studiarla si aprirà un mondo e risolvere i problemi di matematica risulterà addirittura divertente. Basterà fare poi pratica per riuscire a risolvere gli integrali tripli in men che non si dica. In questa guida analizzeremo e impareremo a risolvere un integrale triplo. In particolare analizzeremo gli integrali tripli per mezzo di integrazioni successive.

25

Prime operazioni

Consideriamo la funzione f (x, y, z), definita e continua in tutti i punti della superficie S e nei suoi punti interni. Fissato il punto P, nel dominio H, la funzione f (x, y, z) diventa funzione della sola variabile z che varia tra i punti Q di quota z1 e R di quota z2 ed esiste l'integrale definito tra z1 e z2, che dipende dai parametri x e y, cioè si ha l'integrale espresso nella figura allegata affianco nella prima formula, dove g (x, y) è una funzione definita e continua nel dominio H.

35

Svolgimento

Per tale motivo esiste in H l'integrale doppio del tipo riportato nella seconda formula nell'immagine affianco. Supponendo che il dominio H è normale rispetto all'asse y risolviamo il precedente integrale. Sia allora "l" la frontiera del dominio H e scomponiamo tale frontiera in due curve di equazione: y=?1 (x) e y= ?2(x). L'integrale è dato dalla terza formula dell'immagine. Sostituendo la prima formula vista nella terza formula, si ha l'espressione corrispondente alla quarta formula nella figura. Ma solitamente l'integrale triplo si indica come viene espresso nella formula alla fine dell'immagine allegata.

Continua la lettura
45

Suggerimenti

Il problema principale, che uno studente si pone quando si trova davanti ad un integrale triplo, è proprio quello di riuscire a definire gli estremi di integrazione, partendo per lo più da insiemi di definizione non sempre molto intuitivi. Solitamente, cambiando opportunamente le variabili, è possibile arrivare ad un nuovo dominio di integrazione più comprensibile di quello di partenza, senza necessariamente passare alla rappresentazione grafica che può essere più difficile da definire. Comunque, usualmente, negli integrali tripli entrano in gioco le quadriche, come piani, iperboloidi, paraboloidi, sfere, coni o cilindri. Quindi basterebbe imparare a riconoscere le formule quadriche, dette prima, per poter risolvere più agevolmente gli integrali tripli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Stabilire Il Carattere Di Un Integrale Improprio

Quando si vuole calcolare l'integrale di una funzione definita su un intervallo illimitato, oppure illimitato in prossimità di un numero infinito di punti, l'integrale in questione si chiama improprio. Non sempre è possibile calcolarlo, però tramite...
Università e Master

Come calcolare l'integrale di Lebesgue

In analisi applicata, l’integrale di Lebesgue è uno metodo che permette di misurare l’integrale di una funzione, rispetto al valore stabilito su un σ-algebra. Il sigma-algebra di un insieme A consiste in un gruppo di sottoinsiemi di A, tali da vantare...
Università e Master

Come svolgere un integrale circuitale

Per poter calcolare un integrale circuitale si devono avere dei prerequisiti fondamentali. La conoscenza degli integrali, di funzioni derivabili, di funzioni complesse, calcolo dei limiti e parametrizzazione di curve. Sono nozioni che si apprendono dalla...
Università e Master

Come risolvere equazioni differenziali a coefficienti costanti

Un'equazione differenziale a coefficienti costanti è un'equazione del tipo:ay'' + by' + cy = f (t).Se f (t) = 0 l'equazione è detta omogenea, altrimenti è detta completa.Grazie al principio di sovrapposizione, l'integrale generale di un'equazione completa...
Università e Master

Come risolvere un'equazione differenziale

Questo articolo è rivolto a tutti gli studenti dell'università di matematica, ingegneria e fisica. Un'equazione differenziale è un'equazione della forma y^(n (x))=f (y^{(n-1)},.., y'', y', y, x) dove f (y^{(n-1)},..., y'', y', x) è una funzione...
Università e Master

Come risolvere un sistema di equazioni differenziali

Le equazioni differenziali sono universalmente conosciute come uno degli esercizi più difficili per l'esame di Analisi II. Possono essere di vario tipo e il grado di elevazione può variare da 1 ad n. In questa guida vedremo come risolvere un sistema...
Università e Master

Come risolvere un circuito elettrico

Un circuito elettrico è un generico percorso chiuso in cui le cariche elettriche possono muoversi con continuità, All'interno del circuito elettrico troviamo diversi componenti collegati tra loro mediante fili conduttori; quest'ultimi possono essere...
Università e Master

Come risolvere una equazione diofantea

Un'equazione diofantea è un'equazione algebrica in una o più incognite di cui si cercano le soluzioni intere. Prende il nome dal matematico Diofanto, vissuto nel III secolo d. C., noto per l'epitaffio che permette di calcolare l'età della sua morte...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.