Come risolvere un integrale improprio

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

In questa guida cercheremo di spiegare come risolvere gli integrali impropri, detti anche integrali generalizzati. Si tratta di una tipologia di integrali molto frequenti in alcuni contesti matematici, come ad esempio in statistica, ma non solo. Per capire come risolvere un integrale improprio è necessario innanzitutto avere ben chiaro cosa s'intende per integrale. In matematica data una funzione f (x) e un intervallo A-B sull'asse x, potete immaginare che l'integrale sia l'area della ragione di piano sottesa dal grafico della funzione, all'interno dell'intervallo a-b, L'integrale definito della funzione di f (x) integrata in Dx ci fornisce l'area con segno della regione di piano compresa tra il grafico di f (x), l'asse di x e le rette verticali x=a x=b. Si dice area con segno, perché se il grafico di f (x) fosse negativa nell'intervallo considerato, il risultato dell'integrale deve essere cambiato di segno. Ora che abbiamo ricordato la definizione di integrale possiamo passare agli integrali impropri.

27

Occorrente

  • Foglio di carta
  • Penna
  • Calcolatrice
  • Regole sui limiti
37

Definizione di integrale improprio

Le due caratteristiche fondamentali degli integrali propri sono il fatto che la zona di integrazione è limitata ed è anche limitata all'interno di questa zona di integrazione da funzione integranda. L'integrale viene dunque calcolato in un certo intervallo A-B, in cui non ci sono punti in corrispondenza dei quali la funzione tende verso più o meno infinito. Quando queste proprietà non vengono verificate, allora si deve parlare di integrale improprio o generalizzato. Consideriamo il caso di un integrale improprio in cui è la funzione a non essere limitata. Supponiamo di avere la nostra f (x) definita su un certo intervallo che sia continua e che sia illimitata a sinistra di b, ovvero che tenda verso più o meno infinito. In questo caso si definisce integrale tra a e b di fx in Dx il limite per y che tende a 0+ dell'integrale tra a e b - y della funzione f (x) in D (x), L'idea è molto semplice si integra tra a e b meno y e poi si fa tendere y a 0+, il che equivale a far tendere il nostro estremo superiore b- y al punto b avvicinandosi da sinistra. Nell'ipotesi in cui la funzione sia continua all'interno dell'intervallo l'integrale tra a e b - y sarà un integrale proprio e non improprio. Se la nostra funzione, invece, fosse illimitata sull'estremo sinistro di integrazione, la definizione che si dà è analoga al caso precedente, Se il limite esiste ed è finito si dice che la funzione è integrabile nell'intervallo a-b, oppure che l'integrale tra a-b di f (x) in dx converge. Se invece il risultato e più o meno infinito l'integrale improprio diverge a più infinito o meno infinito. Se non esiste, infine, si dice che l'integrale improprio non esiste o che è indeterminato.

47

Risoluzione

Supponiamo che ci venga richiesto di calcolare l'integrale tra 0 e 4 di 1 su due radice di x in dx. Se guardiamo la funzione integranda noteremo che si tratta di una funzione che è illimitata a destra di 0, se infatti andiamo a calcolare il limite per x che tende a 0+ otterremo come risultato + infinito. Per risolvere l'integrale sarà sufficiente applicare la definizione sopra esposta. In questo caso dovrete risolvere il limite per y che tende a 0+ dell'integrale tra 0+y e 4 di 1 su due radice di x in d (x). Se risolviamo l'integrale proprio otteniamo come risultato la funzione radice di x calcolata tra l'estremo superiore 4 e l'estremo inferiore che è semplicemente y (y+0=y). Quindi dobbiamo calcolare il limite per y che tende a 0+ di radice di quattro meno radice di y, dato che radice di y tende a 0 se y tende a 0+ possiamo concludere che il nostro integrale da come risultato 2 e dunque converge.

Continua la lettura
57

Risoluzione con zona d'integrazione illimitata

Consideriamo, infine, degli integrali impropri in cui è la zona d'integrazione ad essere illimitata. Consideriamo una funzione che sia definita da un certo punto a in avanti e che sia continua. In questo caso l'integrale tra A e + infinito di f (x) in Dx è definito come il limite per M che tende a + infinito dell'integrale tra a ed M di f (x) in Dx. L'idea è simile al caso precedente, però, in questo caso si tratta di integrare dall'estremo inferiore A fino ad un certo punto e poi di far tendere M verso + infinito. Un'analoga definizione si dà nel caso in cui la zona di integrazione sia illimitata a sinistra. Anche per questo tipo di integrali si parlerà di integrale improprio divergente, convergente o indeterminato a seconda del risultato ottenuto calcolando il limite. Nel video youtube allegato potrete trovare dei grafici concreti e ulteriori esempi che vi aiuteranno a schiarire meglio le idee.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ripassate molto bene i limiti, indispensabili per poter calcolare gli integrali.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come risolvere un integrale con Wolframalpha

Oltre all'apprendimento quindi delle regole di integrazione, è possibile risolvere un integrale anche attraverso software e risorse informatiche. Soprattutto infatti in casi di integrali molto lunghi e complicati, da cui si vuole un risultato il più...
Superiori

Come risolvere l'integrale del logaritmo

Se dovete risolvere l’integrale di un logaritmo e non sapete proprio da dove iniziare, niente paura! Il simbolo utilizzato in analisi matematica è ∫. Chiariti i concetti fondamentali, in questo tutorial vi illustreremo come risolvere l’integrale...
Superiori

Come risolvere un integrale curvilineo

Nell'analisi matematica, uno degli argomenti forse più ostici agli studenti è quello del calcolo integrale. Sugli integrali esistono molteplici trattazioni e di essi ne esistono di diverse tipologie. Molti sono i teoremi che facilitano e permettono...
Superiori

Come risolvere l'integrale di un modulo

La matematica consiste in una disciplina non particolarmente amata da tutti quanti gli studenti. Le difficoltà che comporta, infatti, scoraggiano una gran parte di studenti. Sono molti, pertanto, coloro che si rifiutano di approfondirla e di comprenderla....
Superiori

Come calcolare un integrale indefinito o definito

L'integrale è l'operazione inversa della derivata: calcolare l'integrale di una funzione equivale a calcolare l'area sottesa alla curva di quella funzione sul grafico cartesiano. Possiamo considerare il nostro asse x composto da infiniti segmenti infinitesimi...
Superiori

Come calcolare l'integrale indefinito di funzioni semplici

L'integrale è l'operazione inversa al calcolo di derivata. Geometricamente, il calcolo della derivata di una funzione semplice (in un'unica variabile) fornisce l'area, ovvero la parte di grafico, sottesa dalla funzione stessa in un dato intervallo del...
Superiori

Come calcolare il dominio di un integrale doppio

Se una funzione ha due variabili su un dominio, ossia un insieme chiuso e limitato, si parla di integrale doppio: considerate che abbiamo due integrali perché stiamo trattando una regione bidimensionale. E se abbiamo la necessità di calcolare il dominio,...
Superiori

Come calcolare l'integrale definito

In questa guida vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, a capire come poter calcolare, nel migliore dei modi ed in maniera semplice e veloce, l'integrale definito, in modo tale da poter sapere quando farlo.L'integrale è uno degli operatori matematici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.