Come risolvere le reazioni chimiche con i rapporti ponderali

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In natura nulla si crea e nulla si distrugge: è un principio incontrovertibile che governa tutte le reazioni chimiche dell'universo. Nella natura delle stesse c'è una trasformazione, ma il peso iniziale degli elementi coinvolti dovrà corrispondere a quello finale, qualunque sia stata la trasformazione subita. C'è una branca della chimica che si occupa proprio delle relazioni ponderali delle sostanze coinvolte in una reazione chimica: è la stechiometria, il cui studio può talvolta diventare ostico per gli studenti. Se si ha a che fare con reazioni già bilanciate, può capitare che non si sia in grado di capire se bisogna moltiplicare o dividere per un dato coefficiente per ottenere il giusto risultato. Nel seguito sarà fornito un ausilio per comprendere come risolvere le reazioni chimiche con i rapporti ponderali.

26

Occorrente

  • Penna
  • Taccuino
  • Calcolatrice
36

Per completare gli esercizi, come prima cosa bisogna verificare che la quantità di partenza sia espressa in moli e non in grammi o in milligrammi; in quest'ultimo caso, occorrerà effettuare la conversione preliminare in moli. Le n moli sono calcolate con la seguente formula: m (la quantità di sostanza in g o mg)/PM (la somma dei pesi dei singoli atomi che costituiscono la molecola). Per fare un semplice esempio, il PM di H2O (la molecola dell' acqua) è dato da: 2 (PA H che è 1 moltiplicato per 2, dato che 2 sono gli atomi di idrogeno) più 16 (PA O, che rappresenta il singolo atomo di ossigeno) = 18 g/mol.

46

Una volta calcolate le moli, occorre esaminare la reazione che ci interessa e la molecola (oppure l'atomo, nel caso di metalli singoli) di partenza, cioè quella della quale è stata indicata la quantità, così come la molecola della quale occorre conoscere la quantità. Per calcolare le moli si divide per il coefficiente della prima molecola e si moltiplica per quella di arrivo. A titolo di chiarimento, prendiamo la reazione 2H2 O2=2H2O: se si ha l'O2 e si deve ottenere l'H2O, moltiplicare per 2 e dividere per 1. Se al contrario si parte con l'H2O e si vuole conoscere l'O2, dividere per 2 e moltiplicare per 1.

Continua la lettura
56

A questo punto si è ottenuta la soluzione e l'esercizio è stato completato. Se invece viene richiesto di presentare la quantità in una unità di misura diversa dalle moli, occorre moltiplicare per il peso molecolare della molecola ottenuta, utilizzando la formula descritta nel passo 1 di questa guida. Nell' evenienza che uno dei prodotti (ossia le sostanze a destra della reazione) sia già presente, occorre semplicemente sommare le nuove moli ottenute o i grammi.

66

Se invece si presenta il caso che nell'esercizio siano forniti ambedue i reagenti e si domanda di stimare qual è quello che si consuma tutto e che origina le moli che andranno a costituire i reagenti, l'algoritmo da seguire è quello presentato nel passo 2. Se la quantità calcolata è più grande di quella effettivamente presente (cioè quella fornita dall'esercizio), significa che il reagente in questione è in 'difetto', ossia che si consuma tutto: in tal caso, le moli di partenza si stimano dalla sua quantità iniziale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il grado di dissociazione di un acido

Il grado di dissociazione è una grandezza adimensionale. In chimica, con questo termine si intende il rapporto tra il numero di moli dissociate e le moli iniziali della stessa sostanza. Il grado di dissociazione avviene in funzione della temperatura...
Superiori

Come calcolare il numero di moli in un composto

La mole è una delle sette unità di misura fondamentali del Sistema Internazionale, simbolo "mol". Viene usata in chimica per esprimere la quantità di sostanza in un composto. La mole è standardizzata come la quantità di sostanza di un sistema che...
Superiori

Come si calcolano le moli avendo i grammi

La mole è l'unità di misura di riferimento del Sistema Internazionale che indica la quantità di sostanza contenuta in un numero di Avogadro di atomi o molecole. Quest'ultimo corrisponde al numero di particelle elementari contenute in una mole, ovvero...
Università e Master

Come calcolare il numero di moli all'equilibrio in una reazione

La chimica è una materia che solitamente si apprezza nella parte pratica in quanto miscelare le sostanze risulta divertente ed appagante. È ovvio che non si possono miscelare casualmente le sostanze perché le reazioni possono risultare pericolose....
Università e Master

Chimica organica: le reazioni degli alcani

Gli alcani sono quegli idrocarburi (composti formati da idrogeno e carbonio) in cui tutti gli atomi di carbonio sono legati tra loro tramite legami semplici. Esistono particolari tipi di alcani, detti cicloalcani, che non sono altro che idrocarburi che...
Superiori

Appunti di chimica

La chimica è la scienza che studia la composizione e le proprietà della materia.In particolare, si occupa di studiare le sue componenti microscopiche (atomi e molecole) e leinterazioni fra di esse sotto forma di reazioni chimiche. Due importanti branche...
Superiori

Come calcolare il numero di molecole in una mole

L'argomento oggi affrontato riguarda la chimica, materia ritenuta assai ostica da molti studenti. Tuttavia con determinazione e buona capacità mnemoniche si possono raggiungere soddisfacenti risultati anche in questo campo. Questa guida sicuramente saprà...
Superiori

Come bilanciare una reazione chimica

Quando la materia subisce una trasformazione, senza che la sua massa presenti variazioni importanti, si parla di reazione chimica. Ciò vuol significare che, le specie chimiche si modificano da sole, per poter creare nuove specie chimiche, dove ognuna...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.