Come risolvere le prove logiche di classificazione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Sicuramente sarà capitato a tutti quanti, almeno una volta nella propria vita di dover affrontare un test di ammissione, per un corso, una scuola, una facoltà universitaria oppure un concorso pubblico. Generalmente in questi casi vengono sottoposti agli esaminandi dei test con domande riguardanti la cultura generale e dei quesiti di logica. Quando ci si trova di fronte a delle domande di tipo logico-attitudinali, i quesiti da risolvere sono abbastanza svariati e differenti tra di loro. Tuttavia esistono delle famiglie di test che vengono proposte con una certa regolarità nel tempo. In questa semplice ed esauriente guida andremo a vedere come si può risolvere una delle tipologie di test più ricorrenti, ossia le classificazioni. In questa maniera, pertanto, potrete comprendere come poter risolvere le prove logiche di classificazione nel miglior modo possibile.

24

I quesiti appartenenti al perimetro classificatorio sono in realtà conosciuti con denominazioni assai meno altisonanti. Vi stiamo, infatti, parlando di problemi relativamente simili ai classici giochi "trova l'intruso" o altri correlati. Tendenzialmente vengono sottoposti degli elenchi di parole (in ogni caso mai meno di tre) ed è richiesto di segnalare l'elemento estraneo al resto del gruppo. Si tratta di un problema che assume un profilo prettamente classificatorio, dal momento che è possibile riuscire ad identificare l'intruso solamente dopo aver classificato il gruppo a cui esso non può appartenere.

34

A questo punto, vi facciamo considerare un altro elenco di parole: rosso, rosa, giallo. Per determinare l'intruso, in questo piccolo esempio, innanzitutto è possibile constatare che tutte le parole denotano colori, senza particolari eccezioni. Ad eccezione del campo semantico. Pertanto, in questo caso ci si dovrà spostare dal campo semantico a quello lessicale. Così facendo si potrà riscontrare che due parole su tre iniziano con la lettera r, mentre una inizia con una lettera differente (ovvero la g). Il vocabolo giallo, quindi, rappresenta l'elemento estraneo al gruppo nel suo complesso. I casi in cui la classificazione semantica è possibile sono mediamente di più semplice risoluzione.

Continua la lettura
44

A questo punto, vi invitiamo a ragionare sul seguente test di logica verbale, in cui è richiesto di trovare l'elemento che non si armonizza con gli altri: Amsterdam, Berlino, Milano e Cardiff. Qui la classificazione semantica che si riesce immediatamente a rilevare presenta una denotazione chiaramente geografica. Si trattano, infatti, di importanti città europee. In questo caso è necessario lavorare ad un sotto-livello semantico, per poi chiedersi nuovamente che cosa collega la maggioranza di questi elementi tra di loro. Un'ipotesi che si può subito avanzare, è che il gruppo vero ricomprenda delle capitali europee e non semplicemente delle città. Pertanto, anche in questo caso la soluzione non è affatto proibitiva, e porta a rispondere che l'elemento da scartare è la parola Cardiff, importante città del Galles ma non capitale di uno Stato europeo. Con dei buoni libri di test, in ogni caso, si riuscirà ad arrivare all'appuntamento adeguatamente preparati.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Classificazione delle carte geografiche

La classificazione delle carte geografiche è molto importante per chi studia la geografia, che si tratti della geografia che si impara a scuola, fin da piccoli, oppure di quella più complessa ed approfondita che si studia all'università. In ogni caso...
Superiori

Come capire la Classificazione Decimale Deway

Il sistema di Classificazione Decimale Dewey (DDC) è uno strumento di organizzazione della conoscenza generale, che viene continuamente rivisto per tenere il passo con la conoscenza. Il sistema è stato concepito da Melvil Dewey nel 1873 ed è stato...
Superiori

Classificazione dei triangoli

Nello studio della geometria piana, una delle figure che si incontra per prima è il triangolo. Si tratta di un poligono di tre lati e tre angoli e, tra tutti, è quello che presenta il numero minore di lati, in quanto non è possibile costruire una figura...
Superiori

Biologia: classificazione dei batteri

Entriamo nel mondo della biologia: quale è la classificazione dei batteri?. I batteri appartengono al regno dei Bacteria. Chiamati anche eubatteri, comprendono moltissimi micro organismi cellulari, i procarioti. Sono grandi appena qualche micrometro,...
Elementari e Medie

La classificazione delle foglie

La foglia è un organo che svolge funzioni di vitale importanza per la pianta e che la caratterizza esteriormente. Le piante hanno sviluppato foglie di aspetto differente, per rispondere alle esigenze di sopravvivenza in base all'habitat specifico di...
Superiori

La classificazione dei venti nel mondo

Nel mondo ci sono diverse tipologie di vento, le quali si possono classificare in funzione delle quattro categorie principali. I venti costanti soffiano in ogni momento dell'anno, sempre nella stessa direzione. I venti periodici si invertono di direzione...
Superiori

Appunti di chimica: la classificazione dei solidi

Generalmente si è soliti classificare i solidi per le loro proprietà fisiche: essi hanno forma e volume propri; sono rigidi e assai scarsamente compressibili; hanno comunemente densità superiore a quella dei liquidi in cui si trasformano per fusione,...
Superiori

Appunti di chimica: la classificazione dei liquidi

In questa guida vedremo come vengono classificati i liquidi in chimica. Essi non sono altro che uno degli stati in cui si presenta la materia e che, specificatamente, se dovessero mancare tutte le forze esterne, si presenterebbero sotto forma sferica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.