Come risolvere le funzioni quadratiche impostate a zero

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Risolvere le funzioni quadratiche può sembrare difficile ma nello stesso tempo particolare nelle loro immense logiche, che, al momento della soluzione, possono apparire di gran lunga facili ed efficienti calcolando così, quelli che sono i loro determinati valori. In questa guida scopriremo molte informazioni interessanti di come fare per risolvere le funzioni quadratiche impostate a zero.

26

Occorrente

  • Quaderno a quadretti, Grafico
36

Il primo aspetto da tenere in considerazione, in una funzione quadratica, è che lo zero prende posto al valore "x" rendendo la funzione stessa uguale a zero. Tuttavia, sono presenti anche i cosiddetti coefficienti (a, b, c) che rappresentano la nostra equazione, molto importanti per la riuscita della funzione stessa. Detto ciò vorremmo farci guidare da un principio molto importante e cioè segnare quelle coppie di fattori che al momento della moltiplicazione conseguono il valore "c". Sommando la coppia di fattori trovati ci ritroveremo ad avere il risultato "b". Ricordiamo sempre che la massima attenzione va anche ai numeri negativi, che, se moltiplicati insieme, danno un risultato del tutto positivo facendoci perdere la riuscita di un risultato corretto.

46

Per poter risolvere le nostre funzioni quadratiche bisogna iniziare mettendo il valore x dinanzi a tutto, così facendo scenderemo di grado fino ad arrivare a finire il calcolo con un numero singolo. Teniamo ben a mente il principio fondamentale di collocare il termine graduale sovrastante fino a calare per arrivare ad un risultato costante. Anche i binomi hanno un compito maggiormente importante che si caratterizzano con le seguenti forme: "+" qualora il numero è positivo e "-" qualora il numero è negativo. Fatto questo separeremo i due binomi risolvendo così la funzione e aggiungendo oppure sottraendo a tal fine di isolare quella che è la variabile costante dando per risultato una funzione quadratica risultante zero.

Continua la lettura
56

Un altro metodo utile ed efficace per risolvere una funzione quadratica impostata a zero è quello di farci aiutare grazie all'ausilio di un grafico che disegneremo all'interno di un foglio (preferibilmente con figure quadrate). Questo grafico si rivela duttile ed essenziale se vogliamo facilitarci nella soluzione di tale funzione quadratica, cercando così, quei due punti fondamentali che attraversano l'asse x in modo tale da darci un corretto e atteso risultato degno del nostro duro lavoro nel risolvere una funzione quadratica impostata a zero.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fare attenzione ai numeri negativi

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come risolvere le funzioni irrazionali

Una funzione irrazionale è quel tipo di funzione dove la variabile, la x, risulta essere sotto il segno di radice. Teniamo presente che le radici non sono rappresentate da valori non positivi, quindi il valore sotto radice dovrà essere superiore o uguale...
Superiori

Come trovare il dominio nelle funzioni razionali fratte

Nel corso dei propri studi, sarà capitato a tutti di doversi imbattere in problemi matematici con la presenza di funzioni, segni e dominio. In questo articolo cercheremo di capire come risolvere e trovare il dominio nelle funzioni razionali fratte, ovvero...
Superiori

Come creare grafici di funzioni matematiche

Disegnare e rappresentare il grafico di funzioni matematiche è un'operazione difficile e non molto veloce. Per riuscire a disegnare in un sistema di riferimento cartesiano l'andamento di una funzione occorre una buona conoscenza matematica e una praticità...
Superiori

Studio di funzioni goniometriche

Imparate a studiare le funzioni goniometriche è molto utile per via dell'importanza che esse rivestono in moltissimi ambiti sia della matematica, nell'ambito dell'elettronica ed elettrotecnica, della meccanica e delle telecomunicazioni. Queste funzioni...
Superiori

Fisica: il principio zero della termodinamica

Nell'Ottocento venne chiarito il concetto di temperatura. Chiariamo fin da subito che per "temperatura" non si intende un'idea soggettiva collegata alle percezioni sensoriali di caldo e freddo. La temperatura di un corpo, infatti, aumenta o diminuisce...
Superiori

Dimostrazione della derivata del prodotto di due funzioni

Il Teorema della derivata del prodotto di due funzioni permette di riconoscere la derivabilità di funzioni che si costruiscono con le operazioni algebriche elementari: in realtà, oltre a garantire la derivabilità delle funzioni "costruite", esso fornisce...
Superiori

Come determinare il segno di una una forma quadratica

Per gli studenti di facoltà scientifiche, le materie teoriche rappresentano spesso un ostacolo che sembra insormontabile. In particolare, una delle materie che più spaventa gli studenti è l'algebre lineare, spesso associata anche alla geometria. In...
Superiori

Come utilizzare le funzioni trigonometriche in Excel

Excel è un particolarissimo software prodotto dalla Microsoft ed appartenente al pacchetto di programmi chiamato Office. Questo software è dedicato alla realizzazione di fogli di calcolo elettronici ed attualmente è tra i più famosi ed utilizzati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.